Nokia 3310, ecco come sarà il nuovo "Snake"

Una schermata del nuovo "Snake" dal video di presentazione ufficiale (Foto: Nokia Mobile)
1' di lettura

"The Verge" ha realizzato un'analisi che racconta pregi e difetti della versione 2.0 del più celebre gioco da cellulare

Il ritorno del Nokia 3310 non è solo una delle notizie più rilevanti del Mobile World Congress in corso a Barcellona. Si tratta di un viaggio nel passato per gli appassionati di tutto il mondo, cresciuti con "l'indistruttibile" dispositivo della casa finlandese, fra sms e interminabili partite a "Snake". E proprio il diffusissimo gioco è al centro di molti dei report realizzati sull'evento catalano dalle riviste di settore. In particolare, "The Verge" ha stilato una vera e propria analisi della nuova versione del più celebre videogame da cellulare.
 

 

Un cugino lontano - La prima cosa da chiarire, spiega "The Verge", è che è meglio dimenticare lo Snake originale, magro, monocromatico e incline agli angoli di 90 gradi. Il nuovo è a colori, ha una grafica più accattivante ed è però solo lontano parente del gioco che nacque a metà anni Settanta. 

 

Novità - Il gioco è organizzato su più livelli di difficoltà crescente, nei quali ci si deve confrontare con ostacoli di vario genere e con il cronometro: una prova che ricorda da vicino le origini di "Snake", dove abilità e pazienza erano necessarie per sopravvivere e continuare la partita. Fra le novità più grandi, invece, ci sono armi e trucchi, come passaggi segreti fatti di muri mobili, più un'interessante funzione "forbice" che dà una spuntata al serpente del giocatore, permettendogli di rallentare il ritmo e di gestire la partita con più facilità.


Successo annunciato? - Sintetizzando, lo "Snake" 2.0 proposto da Nokia sul nuovo 3310 non è soltanto la novità preferita dai nostalgici degli anni Novanta, un modo per sfruttare la loro passione per il vintage. La rivisitazione del gioco in chiave moderna si preannuncia divertente e il supporto su cui è installato è vecchio stile, ma molto affascinante. I puristi forse storceranno il naso, ma complice il prezzo d'acquisto ridotto, potrebbe essere una delle manie tech della primavera-estate 2017.  

Leggi tutto