Il rifornimento? Si paga tramite l'auto. L'idea della Jaguar

La schermata attraverso la quale Jaguar permette di pagare il rifornimento (foto Jaguar)
1' di lettura

Il marchio di lusso britannico è il primo a lanciare un sistema per eseguire le transazioni direttamente dalla consolle multimediale della vettura. La novità, per ora, riguarda solo il Regno Unito e le stazioni di servizio Shell

Fare il pieno senza nemmeno estrarre il portafogli: è questa la promessa che Jaguar, lo storico marchio inglese parte del gruppo indiano Tata, fa ai possessori dei nuovi modelli di Xe, Xf e F-Pace. Il nuovo sistema, elaborato in collaborazione con Shell, da ora permette di pagare il rifornimento di carburante direttamente dal sistema multimediale integrato alla vettura, attraverso un account PayPal o ApplePay (in seguito, verrà aggiunta come opzione anche Android Pay).



Lusso e comodità – Anche se la possibilità di pagare il pieno tramite carta di credito non è certo una novità, finora nessun costruttore aveva mai reso possibile un rifornimento interamente mediato dai sistemi di entertainment della vettura. Sul piano pratico, per mettere in funzione questa possibilità è sufficiente scaricare la app di Shell, unica stazione di servizio convenzionata con il sistema Jaguar, e disporre di un account collegato alla propria carta di credito per i pagamenti online (solo PayPal o Apple Pay, per ora). A questo punto, il guidatore potrà accedere alla app attraverso la consolle multimediale della sua Jaguar, decidere quale e quanto carburante acquistare e procedere al pre-pagamento; una notifica via email verrà inviata al cliente e il benzinaio, o lo stesso conducente, potrà dunque procedere all'erogazione. Un sistema Gps permette, inoltre, di localizzare la stazione di servizio Shell più vicina e di farsi guidare attraverso il navigatore satellitare dell'automobile.

 

 

Verso un mondo “cashless” - Per il momento la novità di casa Jaguar è disponibile solo nel Regno Unito, anche se è già nei piani la sua espansione in altri Paesi, e solo per le pompe a marchio Shell. Probabilmente, però, come spesso avvenuto in passato, le innovazioni dei brand automobilistici di lusso preannunciano nuovi standard che vengono adottati in seguito anche da modelli più popolari. La direzione imboccata dalla casa britannica è quella dell'integrazione sempre più stretta fra vettura e mondo esterno, mediata da nuove connessioni fra diverse tecnologie: in questo caso, carta di credito, sistemi di pagamento via Internet, Gps, e smartphone. Il risultato è una smaterializzazione sempre più frequente non solo del contante, ma anche delle stesse carte di credito che già avevano ridotto la centralità di monete e banconote.

Leggi tutto