Alien Day, il 26 aprile si celebra la saga di Ridley Scott

4' di lettura

In vista dell'uscita al cinema della nuova pellicola dal titolo "Alien: Covenant" prevista per l'11 maggio nelle sale italiane, si festeggia l'iconica creatura ideata dall'artista svizzero Hans Ruedi Giger 

È uno dei più pericolosi parassiti extraterrestri, un organismo perfetto ed estremamente ostile, conosciuto come Alien. Un mostro che dal 1979, anno in cui arrivò al cinema l'omonimo film di Ridley Scott, anima gli incubi dei telespettatori: il 26 aprile si celebra in tutto il mondo, anche in Italia, l'Alien Day. Una data che non è stata scelta a caso: sia perché fa riferimento al pianeta conosciuto come LV-426 dove si svolge il secondo episodio della saga ("Aliens - Scontro finale"), sia perché sta per arrivare al cinema (l'11 maggio) il nuovo capitolo della saga, "Alien: Covenant".


Alien Day, che la festa cominci
 

La celebrazione coinvolgerà sei cinema in diverse città: Roma (Cinema Adriano); Milano (Arcadia di Melzo); Firenze (The Space); Modena (Cinema Victoria); Torino (Uci); Bari (Uci). Il menù della festa comprende la proiezione del primo "Alien", in versione "director's cut" rimasterizzata. Inoltre sono previsti un saluto e l'introduzione di Ridley Scott alla saga, ma soprattutto due lunghe scene in esclusiva del nuovo "Alien: Covenant". Il tutto con l'ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti in sala. Al cinema Adriano a Roma, inoltre, è riprodotta l'ambientazione del film con un allestimento, in forma di tunnel, dedicato alla grotta dove l'Alieno si riproduce. Infine, in tutte le sale dove è celebrato l'Alien Day ai fan verrà regalato l'albo speciale di Alien edito da saldaPress.

Alien: Covenant, il nuovo prequel
 

Ridley Scott torna nell'universo da lui stesso creato dopo il film "Prometheus". Nel nuovo capitolo del franchise, l'equipaggio della nave colonizzatrice Covenant, diretta verso un remoto pianeta sul lato più lontano della galassia, arriva a quello che pare essere un paradiso inesplorato, ma che in realtà si rivela essere un mondo pericoloso e oscuro. Quando l'equipaggio scopre la minaccia può solo tentare una fuga ai limiti dell'impossibile. Nel cast ci sono Michael Fassbender già presente in "Prometheus", Katherine Waterston, Billy Crudup, Danny McBride, Demián Bichir, Carmen Ejogo, Amy Seimetz, Jussie Smollett, Callie Hernandez, Nathaniel Dean, Alexander England, Benjamin Rigby.

Alien, un marchio di successo
 

Alien non è solo una saga cinematografica, ma un vero e proprio marchio di successo fatta di film, fumetti, romanzi e videogiochi. Tutto iniziò nel 1979 quando l'allora giovane regista Ridley Scott, che si era fatto notare già con il suo primo lungometraggio, "I Duellanti", prese in mano senza timore il progetto nonostante fosse alla sua prima esperienza nella fantascienza. Il primo film vinse l'Oscar nel 1980 per gli effetti speciali e nell'anno di uscita a fronte di un costo di 11 milioni di dollari ne incassò oltre 100. Dopo la prima pellicola la saga ha avuto altri sei film (quello in uscita a maggio sarà il settimo). Nel 1986 uscì infatti, diretto da James Cameron "Aliens - Scontro finale"; nel 1992 fu la volta di David Fincher con il suo  "Alien 3", quindi nel 1997 per la regia di Jean Pierre Jeunet, "Alien - la Clonazione". Ma la serie di film ha generato anche due cross-over dove il mostro ha affrontato un altro terribile avversario extra terrestre come Predator con i film del 2004 e del 2007, "Alien vs Predator" e "Alien vs Predator 2". Infine i due prequel, diretti di nuovo da Ridley Scott: "Prometheus" del 2012 e  "Alien: Covenant".

 

Le curiosità sulla saga Alien
 

Sono molte le curiosità legate al franchise di "Alien". Il successo dell'attrice Sigourney Weaver, nata a New York nel 1949, è strettamente legato al primo film della saga, dove interpreta il ruolo di Ellen Ripley. Esiste anche un film diretto da Ciro Ippolito - Sam Cromwell dal titolo "Alien 2 sulla terra" del 1980 che approffittò del fatto che il franchise non era stato ancora depositato. Il primo crossover della saga, "Alien vs Predator", diretto da Paul W. S. Anderson, vede nel cast l'italiano Raul Bova nella parte di un archeologo. L'immagine del terribile mostro xenomorfo è frutto del lavoro dell'artista svizzero H. R. Giger famoso per le sue illustrazioni soprattutto in collaborazione con il maestro degli effetti speciali, l'italiano Carlo Rambaldi. Per i più appassionati, in Svizzera c'è un museo di Giger con alcune delle sculture dedicate all'alieno. Non tutti sanno, infine, che ad interpretare il mostro venne chiamato nel primo film uno stuntman nascosto dentro una tuta in lattice.

Leggi tutto