Gli anni di Tangentopoli in "1993", dal 16 maggio su Sky Atlantic

Secondo capitolo della produzione originale Sky, realizata da Wildside, che racconterà sei storie di ambizione, rivincita e vendetta nel periodo che ha cambiato la storia dell'Italia. SPECIALE

In occasione dell'evento MipTV è stata presentata a Cannes  la serie "1993" (SPECIALE), il secondo capitolo della produzione originale Sky realizzata da Wildside, che racconta gli anni che hanno cambiato il Paese, attraverso gli occhi e le storie di persone comuni, la cui vita si intreccia con quel terremoto politico, civile e di costume.

 

Dal 16 maggio - Nella serie, che debutterà il 16 maggio su Sky Atlantic HD, diretta anche in questa nuova stagione da Giuseppe Gagliardi, riprendono a distanza di pochi mesi, le vicende di Leonardo Notte (Stefano Accorsi), Veronica Castello (Miriam Leone), Il leghista Pietro Bosco (Guido Caprino), il poliziotto di Mani Pulite Luca Pastore (Domenico Diele), Bibi Mainaghi (Tea Falco) e new entry Arianna, interpretata da Laura Chiatti che, mossi da ambizione, rivincita e vendetta, il pubblico ritroverà nel caos del passaggio tra Prima e Seconda Repubblica.
Accanto a Luca, torna l'allora PM di Mani Pulite Antonio Di Pietro (Antonio Gerardi), che continua la sua battaglia per portare alla sbarra l'intero sistema.

 

La caduta della Prima Repubblica - Gli 8 episodi di 1993 fanno seguito alla prima stagione, 1992, venduta ad oggi in 83 paesi: in quel primo capitolo i protagonisti della serie si muovono in mezzo al terremoto innescato dalle indagini su Tangentopoli, incontrandosi e scontrandosi con i personaggi che quell’anno portò alla ribalta della cronaca, e lasciando numerosi interrogativi. 

 

 

 

Stefano Accorsi nei panni di Leonardo Notte e Silvio Berlusconi

 

La nuova stagione - La nuova stagione riparte dal 30 aprile 1993, con la celebre scena all’hotel Raphael, a Roma, dove la folla scaglia le monetine contro Bettino Craxi. Se il 1992 è l’anno in cui è iniziata la rivoluzione, il momento in cui tutto ha avuto inizio, il 1993 è l’anno del terrore. E mentre Craxi affronta il furore del popolo a testa alta, Berlusconi intuisce subito che da lì in avanti sarà tutti contro tutti. Il vecchio potere è caduto, ma prima che se ne instauri uno nuovo bisogna correre a occupare i posti che si sono liberati. E alla fine ci saranno vincitori e vinti. Ecco perché i protagonisti della serie combattono per guadagnarsi un posto, nel 1993.

TAG: