Charlize Theron, due denti rotti sul set di "Atomic Blonde"

Charlize Theron con James McAvoy e il regista di "Atomic Blonde", David Leitch (Getty Images)
1' di lettura

L'attrice, quest'estate al cinema nei panni di una spia inglese nella Germania degli anni Ottanta, racconta la dura preparazione a cui si è sottoposta per imparare a lottare

Sembra che Charlize Theron si sia affezionata ai ruoli di donne sensuali e pericolose. Dopo l'Imperatrice Furiosa in “Mad Max: Fury Road” e la spietata terrorista in “Fast & Furious 8”, l'attrice è pronta a calarsi nelle vesti (succinte) di una spia inglese nella Germania di fine anni Ottanta per il film "Atomic Blonde", al cinema in Italia il 17 agosto. Ma a forza di interpretare ruoli rischiosi qualche incidente capita. E questa volta il prezzo da pagare sono stati due denti rotti.

 

 

L'incidente - A raccontare l'accaduto è stata la stessa attrice durante un dibattito che ha fatto seguito alla prima del film al South by Southwest film festival di Austin in Texas: “Mi sono rotta due denti nella parte posteriore della bocca mentre lottavo, perché pare che il mio braccio non fosse abbastanza forte”. La Theron per prepararsi alle riprese del film - in cui non ha usato nessuna controfigura - ha avuto otto preparatori atletici e proprio durante il training è avvenuto l'incidente che l'ha costretta a ricorrere alla chirurgia prima dell'inizio delle riprese.

 

La trama - Il thriller di azione e spionaggio diretto da da David Leitch è un adattamento della graphic novel “The Coldest City”, scritta da Antony Johnston e disegnata da Sam Hart e narra le vicende della spia inglese Lorraine Broughton (Charlize Theron), che viene inviata a Berlino qualche giorno prima della caduta del Muro per recuperare una lista di nomi di colleghi che stanno facendo il doppio gioco. Il suo fallimento potrebbe portare alla morte di numerosi agenti governativi. Per la riuscita della missione questa bionda atomica (ma anche bruna all'occorrenza) dovrà allearsi con una seconda spia, David Percival, interpretato da James McAvoy.

 

La colonna sonora degli anni Ottanta - Luci al neon, capelli cotonati, abiti improbabili tutto in questo film grida 'anni Ottanta' e la musica non poteva che fare altrimenti. La colonna sonora raccoglie alcune della canzoni più belle e famose dell'epoca e le ripropone in momenti inaspettati. “99 Luftballons” di Nena fa da sfondo a un brutale interrogatorio, "Voices Carry" dei Til Tuesday accompagna due personaggi che lottano per la vita. Tutte le canzoni del film sono protagoniste e pensate con accuratezza che si tratti di David Bowie, di "Under Pressure" dei Queen o di "Behind the Wheel" dei Depeche Mode.

Leggi tutto