Esce “Divide”, il sesto album in studio di Ed Sheeran

Inserire immagine
Ed Sheeran (Getty Images)

Il lavoro, formato da 16 tracce, ha raggiunto a poche ore dalla pubblicazione i vertici delle classifiche Spotify, iTunes e Twitter

Nuovo successo per il cantante britannico Ed Sheeran che il 3 marzo ha pubblicato il suo sesto album in studio dal titolo “Divide”, anticipato due mesi fa dall'uscita dei due singoli “Shape of you” e “Castle on the hill”.

 

Record – A poche ore dall'uscita, il lavoro del cantante di Halifax, nel WestYorkshire dell'Inghilterra, è già entrato di diritto nella storia della musica internazionale grazie a una rapida scalata nelle classifiche musicali. Divide, che in copertina riporta il simbolo “÷”, è già al numero 1 sul catalogo di vendita di iTunes e nella graduatoria dei brani più ascoltati su Spotify, oltre ad aver conquistato il numero uno dei trend di twitter in Italia. Un successo che ricalca la strada dei due singoli che, solo su Spotify, hanno ottenuto un miliardo di stream in pochi mesi. “Shape of you” ha inoltre superato i 54 milioni di stream settimanali su Spotify superando durante tutto il periodo di permanenza nel catalogo multimediale il precedente record del rapper canadese Drake. Tra i tanti primati del brano c'è anche quello di essere stata la canzone che ha raggiunto più rapidamente i 100 milioni di streaming nella storia di Spotify. Risultati che hanno portato il cantante a twittare: “È bello vedere tutte le reazioni all'album. Continuate a condividere”.

La carriera – Nel suo nuovo album il cantautore inglese ha inserito sedici tracce, molte delle quali verranno eseguite durante le uniche due date italiane, già sold-out, del suo tour mondiale, che arriverà al PalAlpitour di Torino il 16 e il 17 marzo. La sua brillante carriera è iniziata nel 2005 con la registrazione dell'EP di debutto dal titolo “The Orange Room EP”, seguiti, nel 2006 e nel 2007, dai primi due album in studio intitolati “Ed Sheeran” e “Want Some?”. Dopo essersi trasferitò a Los Angeles nel 2010 inizia a suonare in vari locali della metropoli dove viene notato dall'attore Jamie Foxx che lo ospita a casa e gli permette di conoscere il mondo discografico d'oltreoceano. Dal 2010 diventa un fenomeno su YouTube dove i suoi video registrano milioni di visualizzazioni. L'anno seguente pubblica il suo primo EP indipendente dal titolo “No.5 Collaboration Projects” raggiungendo la prima posizione su iTunes con 7mila copie vendute nella prima settimana. Nel 2012 canta “Wish you were here” dei Pink Floyd alla cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Londra iniziando una scalata di esibizioni, comparse e concerti che lo porteranno al successo di “Thinking of Loud” (1.5 miliardi di visualizzazioni su YouTube) e alla pubblicazione del suo quarto album in studio, “X”, che risulta essere il terzo più venduto al mondo nel 2014– dopo “Frozen” e “1989” di Taylor Swift - con oltre 8,5 milioni di copie.

 

TAG: