Chirurgia innovativa a Desio: tumori colon rimossi senza stop dialisi

Un'equipe chirurgica durante un intervento (Getty Images)
1' di lettura

Un'equipe medica dell'ospedale di Monza ha eseguito la delicata operazione su due pazienti. Sono i primi due interventi di questo tipo ad essere pubblicati su una rivista medica

Si tratta di un record mondiale tutto italiano quello fatto segnare da un'equipe medica dell'Ospedale di Desio, Monza, che ha eseguito su due pazienti in dialisi peritoneale la rimozione di un tumore in laparoscopia.

 

Le operazioni – L'intervento, menzionato per la prima volta da una prestigiosa rivista scientifica, il “Peritoneal Dialisis International”, è stato reso possibile dalla collaborazione dei medici dei due reparti di Chirurgia e Nefrologia dell'ospedale di Desio, coordinati dal dottor Dario Maggioni, direttore della struttura complessa di Chirurgia generale e d’urgenza. Si è trattato, ha dichiarato Maggioni, di due casi di “emicolectomia sinistra (l’asportazione chirurgica di una metà del colon) totalmente laparoscopica senza rimozione del catetere per dialisi e perciò senza interruzione della filtrazione peritoneale in corso”. I due pazienti operati con questa tecnica innovativa erano infatti sottoposti, a causa di altre patologie, a dialisi peritoneale, una terapia che permette la depurazione del sangue direttamente all'interno dell'organismo sfruttando il peritoneo, ovvero il rivestimento della cavità addominale, come membrana dializzante.

 

Tecnica meno invasiva – Il carattere rivoluzionario dell'operazione eseguita dai chirughi di Desio sta nell'avere modificato la prassi da seguire nel caso che un paziente in dialisi peritoneale venga sottoposto a un'operazione per l'asportazione di un tumore al colon. Il primo passaggio da eseguire era infatti passare dalla tecnica dializzante che sfrutta il peritoneo a una normale emodialisi che prevede l'uso di una macchina esterna impiegata per sostituire le quattro principali funzioni depurative dei reni. Dopo i due interventi di Desio i medici si dicono ottimisti sull'ipotesi di superare definitivamente la tecnica fin qui usata per la nuova, risultata molto meno invasiva per il paziente.

 

"Risultati frutto della collaborazione tra equipe" - Con la nuova tecnica, ha sostenuto Maggioni, “per la prima volta due pazienti hanno potuto riprendere la dialisi peritoneale dopo essere stati operati a un tumore al colon con tecnica totalmente laparoscopica. Questo trattamento innovativo è un chiaro esempio di come altissime professionalità possano unirsi e collaborare per il bene dei pazienti ottenendo risultati fino a qualche anno fa insperati", ha concluso il medico.

 

Leggi tutto