Comunali 2017, il 25 giugno a Trapani ballottaggio tra Fazio e Savona

Veduta aerea della città di Trapani (Fotogramma)
3' di lettura

Nel capoluogo si contenderanno la fascia tricolore il candidato del Pd, Piero Savona, e quello dell’Udc e di 4 liste civiche, Mimmo Fazio. SPECIALE - RISULTATI

A Trapani Mimmo Fazio con il 31.79% si è aggiudicato il maggior numero di voti al primo turno delle elezioni amministrative. Il candidato sostenuto da Udc e 4 liste civiche, finito agli arresti domiciliari e poi scarcerato nell'ambito dell'inchiesta "Mare Monstrum", il prossimo 25 giugno affronterà al ballottaggio il candidato del Partito Democratico Piero Savona, che ha raccolto il 26.27% delle preferenze. Rimane fuori dalla contesa il senatore Antonio D'Alì, sostenuto da Forza Italia, Partito Socialista Italiano e la lista civica "X La Grande Città".

Fazio sorpreso dall’esito

"Non me l'aspettavo". È questo il commento a caldo di Fazio che, quando ha incontrato la stampa, si è commosso pensando "alla manifestazione di affetto dei trapanesi", aggiungendo di essere convinto che "se non fossi stato raggiunto dal provvedimento cautelare avrei vinto al primo turno". Sostenuto da Udc e quattro liste civiche - "Fazio Sindaco", "Uniti Per Il Futuro Con Fazio Sindaco", "Progetto Per Trapani Fazio Sindaco" e "Io Ci Sono Fazio Sindaco" – il candidato parlando del voto dell’11 giugno ha dichiarato che "quello che è successo era quasi impossibile da realizzare. Alla vigilia – ha aggiunto - ci vedevano tagliati fuori. Ottenere questi risultati, in queste condizioni, al di là del risultato del ballottaggio, è già una vittoria". Fazio, dopo il voto, pur escludendo che il procedimento giudiziario che lo vede interessato sia un'indagine ad orologeria, ha ricordato che non appena ha manifestato la volontà di ricandidarsi "si è scatenato l'inferno", facendo riferimento alla delibera del Consiglio comunale che lo dichiara incompatibile come consigliere. Per quanto riguarda il ballottaggio Fazio ha escluso qualsiasi accordo ed  ha affermato che "dialogherà con i suoi cittadini".

Savona: "Nessuna voglia di fare alleanze"

"Nessuna voglia di fare alleanze, di rivolgermi alla città ed anche all'elettorato di Fazio", dice invece Piero Savona, candidato sindaco del Pd. Savona seppur escludendo ogni tipo di accordo con gli indagati, non esclude di aprire un dialogo con il Movimento 5 Stelle: "Potremmo anche valutare di farci carico di alcune proposte dei grillini; del resto anche il M5S ha interessi a portare avanti iniziative per la citta'". Savona ritiene che il suo schieramento sia "l'unico a poter garantire un governo che duri 5 anni. La città è in agonia, in stato di abbandono e qià necessita di un'amministrazione duratura". Sul ballottaggio si dice "fiducioso" e conta di "viverlo con serenità"

Leggi tutto