Sfruttamento e tratta, una vittima su 4 è un bambino o un adolescente

In Italia le vittime della tratta censite e inserite in programmi di protezione sono state 1.172 nel 2016 (Getty Images)
3' di lettura

Save the Children ha pubblicato un dossier nel quale denuncia un problema molto diffuso anche in Europa e in Italia: nel nostro Paese si registra un "andamento crescente" del fenomeno della "baby prostituzione"

Nel mondo le vittime della tratta e dello sfruttamento sono sempre più giovani: una su quattro, infatti, è un bambino o un adolescente. Lo rivela un dossier di Save the Children, dal titolo "Piccoli schiavi invisibili 2017", secondo il quale in 106 Paesi, su 63.251 casi rilevati, ben 17.710 riguardano i più piccoli, con una larga prevalenza di genere femminile (12.650).

Situazione preoccupante anche in Europa

Secondo il report dell’associazione umanitaria, la tratta e lo sfruttamento minorile sono radicati anche nei Paesi dell'Unione Europea, dove nel 2016 sono state censite almeno 15.846 vittime accertate o presunte. Tra queste i minori rappresentano il 15% e le donne il 76%. Le forme di sfruttamento principali, per Save the Children, sono quella lavorativa (21%), soprattutto in ambito manifatturiero agricolo, edile, nei servizi domestici e nella ristorazione, e la prostituzione forzata (67%).

In Italia aumentano le baby prostitute straniere

Anche il nostro Paese non è esente da questo fenomeno. Nel 2016, secondo il report "Piccoli schiavi invisibili 2017", le vittime della tratta censite e inserite in programmi di protezione sono state 1.172, di cui 954 donne e 111 bambini e adolescenti, in gran parte di genere femminile (84%). Le nazionalità più rappresentate sono quella nigeriana (67%) e rumena (8%). Per l’associazione umanitaria, in Italia la forma di sfruttamento più diffusa è quella sessuale "con un andamento purtroppo crescente". Una tendenza che Save the Children è stata in grado di tratteggiare grazie ai rilevamenti dei suoi operatori delle unità di strada che, tra maggio 2016 e marzo 2017, hanno registrato 1.313 contatti con vittime, anche potenziali, di cui 237 minorenni e 1.076 neo-maggiorenni. Un numero quadruplicato rispetto ai 356 contatti registrati tra gennaio 2015 e aprile 2016. Nel nostro Paese, al momento, secondo l’associazione umanitaria gli adulti sospettati o incriminati per reati connessi alla tratta o allo sfruttamento sono 324, in maggioranza uomini, di origine rumena (89), nigeriana (85) e italiana (47).

Minori non accompagnati e lavoro nero

Per quanto riguarda lo sfruttamento dei bambini e degli adolescenti, uno dei fattori decisivi è rappresentato dal numero di minori che arrivano in un Paese straniero non accompagnati. In Italia, ad esempio il bacino dei ragazzi e dei bambini con meno di 18 anni non accompagnati giunti via mare è più che raddoppiato nel 2016 (25.846) rispetto all'anno precedente e ulteriormente cresciuto nei primi mesi del 2017. Nella maggioranza dei casi, scrive Save the Children nel report, provengono da famiglie numerose con scarsa scolarizzazione e da contesti molto poveri. Tra le nazionalità più rappresentate di minori soli che arrivano nel nostro Paese ci sono i nigeriani che nel 2016 sono triplicati (3.040), con una presenza crescente di adolescenti e bambine anche di 13 o 14 anni, generalmente reclutate con l'inganno. Il dossier segnala anche un aumento dei minori non accompagnati bengalesi giunti via mare in Italia, passati da zero nel 2015 a 1.053 nel 2016 e già a quota 1.170 nei primi 5 mesi del 2017. 

Leggi tutto
Prossimo articolo