Trump loda la figlia su Twitter, ma menziona la Ivanka sbagliata

1' di lettura

"È grande, una donna con carattere e classe", ha scritto un utente sulla secondogenita del magnate, taggando però un'altra persona. Il presidente eletto non si è accorto dell'errore e ha ritwittato. La destinataria ha risposto

Voleva elogiare la figlia Ivanka con un post su Twitter, ma ha destinato il messaggio alla persona sbagliata. Protagonista della gaffe social è Donald Trump.

Menzionata la donna sbagliata - Tutto è nato dal tweet di un utente, Lawrence Goodstein di Seekonk (Massachusetts), che ha scritto sul social quanto la figlia del magnate sia “grande, una donna con vero carattere e classe”. Peccato che, invece di menzionare Ivanka Trump, abbia inserito l’account di un’altra Ivanka. Donald Trump non si è accorto dell’errore e ha rilanciato il messaggio con il suo account. In un secondo, così, l’Ivanka sbagliata è finita sull’homepage dei 20,1 milioni di follower del futuro presidente.



La risposta dell’altra Ivanka - La destinataria sbagliata, Ivanka Majic, consulente informatica di Brighton, nel sud dell'Inghilterra, ha risposto al tweet di Trump. “E lei è un uomo con grandi responsabilità. Mi permetto di suggerire di fare più attenzione su Twitter e di dedicare più tempo alla conoscenza del cambiamento climatico”.


Migliaia di repliche - L’errore di Trump, che non ha cancellato il tweet e non ha commentato quanto successo, ha scatenato i commenti ironici di molti utenti. Il messaggio ha avuto migliaia di repliche, la maggior parte delle quali includeva la menzione @Ivanka. “Ivanka Majic di Brighton, Inghilterra, è una donna meravigliosa. Avete ragione, ma non menzionatela. Starà tentando di dormire e il suo telefono è impazzito, ma è una storia meravigliosa”, ha replicato, ad esempio, Mark Pygas.


Trump terrà il suo account - Poche ore prima del caso Ivanka, intanto, lo staff di Trump avrebbe fatto sapere che il futuro presidente manterrà il suo account Twitter personale e altri social anche dopo il suo insediamento alla Casa Bianca.

Leggi tutto