Al via Pitti Uomo 2018: tra arte, moda e cinema

Oltre 60.000 metri quadri di esposizione dedicati al mondo della moda al maschile: al via Pitti Uomo (Getty Images)
4' di lettura

Dal 9 al 12 gennaio partirà la 93esima edizione del salone: in scena oltre 1.200 marchi in un percorso a 360 gradi all'interno dell'universo fashion maschile

Tra etica, creatività e tradizione dal 9 al 12 gennaio Pitti Uomo detterà la nuove coordinate del mondo della moda al maschile. Presenti alla manifestazione 1.230 brand, di cui 541 - il 44% degli espositori - sono stranieri. Le quattordici sezioni di Pitti Uomo, allestite su 60.000 metri quadri complessivi, sono ospitate alla Fortezza da Basso, a Firenze. In questa edizione, focus speciale sul fenomeno dell’athleisure (la tendenza a indossare anche in occasioni formali abiti sportivi) e grande spazio al cinema. Attesi oltre 30.000 visitatori, di cui oltre 24.300 compratori. Inoltre, il 10 gennaio Pitti Uomo brinderà all'apertura di due nuove boutique in via Strozzi, una di Moncler e l'altra di Ermanno Scervino. Ecco cosa succederà durante la prima tappa nella presentazione della stagione autunno-inverno 2018-2019 (qui il calendario completo di Pitti Uomo).

Pitti Live Movie

Nella 93esima edizione il salone si trasformerà in un festival cinematografico: ad ogni sezione infatti sarà associato un genere cinematografico, dai thriller ai film d'avventura, passando per le commedie romantiche. Ogni padiglione sarà una sala in cui godersi lo spettacolo, mentre nel piazzale centrale della Fortezza da Basso spazio a tabelloni e locandine di blockbuster e film cult, ma anche pellicole indipendenti in programmazione. A ideare questo concept è il lifestyler Sergio Colantuoni. "Ogni edizione di Pitti Uomo è sempre un grande film sulla moda che ha per protagonisti marchi, aziende, giornalisti, influencer e visitatori da tutto il mondo - racconta Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine che lancia il tema cinema e la nascita del Movie theatres district – . Ci saranno poltrone e sale dove poter vedere 11 film prodotti da Pitti, come se si fosse su un set vero".

Si celebra l'athleisure

A Pitti Uomo 93 debutterà un progetto che celebra una nuova dimensione dell'athleisure, l'abbigliamento sportivo convertito all'utilizzo in occasioni mondane. "Athlovers" è il nuovo progetto speciale che prevede collezioni dedicate a chi ama lo sport, ma non vuole rinunciare all'eleganza. Il progetto è stato realizzato con il lanificio biellese Reda, new entry tra gli espositori del salone. Gli altri protagonisti saranno i brand 42.52, Aeance, Dyne, GR1PS e Isaora.

200 anni di Brooks Brothers

Pitti Uomo 93 renderà omaggio anche ai 200 anni di Brooks Brothers. Lo storico brand di abbigliamento statunitense celebrerà i due secoli di vita con la sua prima sfilata in assoluto, all'interno del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, dove sarà anche allestita un'ampia retrospettiva sugli archivi dell'azienda. La mostra resterà aperta al pubblico dall'11 al 14 gennaio.

"Fabric is art"

La sera del 9 gennaio, presso la Galleria dell’Accademia di Firenze, andrà in scena l’evento del Lanificio Luigi Ricceri. La realtà imprenditoriale pratese è la mente di un progetto speciale, "Fabric is Art", una video installazione che vedrà dieci esclusivi e iconici tessuti del lanificio protagonisti di un lavoro curato da Felice Limosani. Contaminando la scultura e l'arte digitale, si sfrutterà la bellezza scolpita del David per esaltare i cromatismi dei tessuti di alta manifattura.

Nazione ospite: Finlandia

Per Pitti Uomo 93 il Paese ospite sarà la Finlandia, omaggiata con otto brand e designer finlandesi, selezionati per presentare le loro collezioni alla Fortezza da Basso, nell'area speciale dello Spazio Carra. I marchi che presenzieranno alla manifestazione sono Mannisto, Vyner Articles, Nomen Nescio, Saint Vacant, Formal Friday, Ikla Wright x Turo, Maria Korkeila x R-Collection e Rolf Ekroth.

Leggi tutto
Prossimo articolo