Ubriaco al telefono, tampona e uccide un uomo a Milano: arrestato

1' di lettura

Un cittadino peruviano di 34 anni ha urtato a forte velocità con il suo van una Mini Cooper d’epoca di un avvocato 31enne, fermo al semaforo, che è morto a causa delle ferite. All'uomo era già stata ritirata la patente per guida in stato d’ebbrezza

Il pm di Milano Sara Arduini ha chiesto la convalida dell'arresto e la custodia cautelare in carcere per un uomo peruviano di 34 anni che ieri, in zona Vigentino, ha tamponato a velocità sostenuta una Mini Cooper d'epoca ferma a un semaforo rosso uccidendo un avvocato di 31 anni.

Il precedente per guida in stato d’ebbrezza

L’automobilista, che era alla guida di un van da nove posti, era ubriaco, nonostante un precedente per guida in stato d'ebbrezza con conseguente ritiro della patente, e stava usando il cellulare. L’alcol test a cui è stato sottoposto ha rilevato un tasso alcolico di 1.5, tre volte il limite consentito. La vittima è morta per le gravi ferite causate dall'impatto.

Leggi tutto
Prossimo articolo