È morto Ciro Cirillo, fu sequestrato dalle Brigate Rosse

1' di lettura

Ex presidente della Regione Campania, aveva 96 anni. Nel 1981, finì nelle mani dei brigatisti in un sanguinoso rapimento a Torre del Greco, in provincia di Napoli

È morto l'ex presidente della Regione Campania Ciro Cirillo. Aveva 96 anni. L'esponente di punta della Dc fu sequestrato dalle Brigate Rosse nel 1981, quando era assessore regionale, in un sanguinoso rapimento a Torre del Greco, in provincia di Napoli. Cirillo fu poi rilasciato dopo 89 giorni di prigionia, in circostanze ancora oggi avvolte da molti misteri. I funerali si svolgeranno domani a Torre del Greco. 

Fu rapito dai brigatisti nel 1981

Il rapimento di Cirillo costò la vita all'agente di scorta Luigi Carbone e all'autista Mario Cancello; mentre il segretario particolare del politico, Ciro Fiorillo, fu gambizzato. L'assessore democristiano venne liberato il 24 luglio a Poggioreale in seguito al pagamento di un riscatto di 1,45 miliardi di lire, avvenuto il 21 luglio su un tram per Centocelle. Furono le stesse Brigate Rosse a renderlo noto. 

Nella vicenda Cirillo furono tirati in ballo i servizi segreti e il boss Raffaele Cutolo, ipotizzando la sussistenza di un accordo Stato-camorra per il suo rilascio. Cirillo ha più volte confermato il pagamento di un riscatto, ma ha smentito l'altra ipotesi. Dopo la sua liberazione, Cirillo lasciò la politica, su richiesta esplicita dalla Dc. "E' stata una delle cose più brutte dell'intera vicenda legata al mio sequestro da parte delle Br", commentava Cirillo. 

Pomicino: "Merita rispetto e riconoscenza"

"È stato un dirigente autorevole della Democrazia Cristiana. Ha subito la violenza delle Brigate Rosse e l'ha sopportata con compostezza ed riservatezza. È una persona che merita rispetto e riconoscenza". Così l'ex ministro Paolo Cirino Pomicino parla di Ciro Cirillo. "Tutto quello che si doveva dire è stato detto e il chiacchiericcio di questi anni lascia il tempo che trova visto lo sfascio politico e istituzionale che è sotto gli occhi". 

Leggi tutto
Prossimo articolo