Assenteismo all'ospedale di Capri: 5 medici ai domiciliari

Un'auto delle Fiamme Gialle (Foto di archivio)
2' di lettura

Dalle indagini delle Fiamme gialle è emerso che i sanitari si assentavano senza permesso dal nosocomio dell'isola

Un cerotto sulla telecamera di sorveglianza. Era uno dei metodi usati dai “furbetti del cartellino” dell'ospedale Capilupi per “strisciare” indisturbati i badge dei colleghi che non si presentavano al lavoro. Lo ha scoperto la Guardia di Finanza di Napoli che stamattina ha eseguito cinque ordinanze di custodia agli arresti domiciliari e due obblighi di dimora nei confronti, rispettivamente, di cinque medici e due ostetriche del nosocomio. Per tutti l'accusa è di truffa aggravata e frode nella rilevazione delle presenze.

La tecnica

Le immagini riprese dalla Guardia di Finanza durante le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto di Napoli Alfonso D'Avino, hanno permesso di accertare lo scambio tra alcuni dipendenti dell'ospedale dei badge magnetici per consentire le “strisciate” per conto di chi si presentava in ritardo o anticipava la propria uscita. L'attività illecita è proseguita, spiega il procuratore Nunzio Fragliasso, “nonostante gli stessi dipendenti avessero il sospetto che fosse in corso un'indagine, tanto è vero che uno degli impianti di videoripresa è stato oscurato con un cerotto e le telecamere installate dalle Fiamme Gialle hanno ripreso alcuni medici che timbravano il cartellino per conto di loro colleghi cercando di nascondersi”.

I rischi per la stagione estiva

Con sette dipendenti colpiti da misure cautelari si rischiano gravi disservizi nell'ospedale di Capri, preso d'assalto soprattutto durante i mesi estivi a causa della forte presenza di turisti sull'isola. Per fronteggiare l'emergenza determinata da arresti e obblighi di dimora, l'Asl Napoli 1 centro, da cui dipende il presidio ospedaliero, ha attivato una riunione urgente per individuare risorse aggiuntive da destinare al Capilupi. L'ospedale caprese attualmente dispone di pronto soccorso, sala operatoria e sala parto, unità operative di Chirurgia Generale, di Medicina Generale, di Ostetricia e Ginecologia e di Pediatria; vi sono inoltre il Nido, il Servizio di Radiologia dotato anche di Tac, il laboratorio di analisi ed il servizio di dialisi. Ventuno i posti letto, tre quelli per il day hospital.

 

Leggi tutto
Prossimo articolo