Preso con 30 kg di droga, nasconde i soldi fra le mutande dei figli

Un agente di Polizia mostra la droga e i contanti sequestrati all'arrestato (Fotogramma)
2' di lettura

È accaduto a Milano dove la Polizia ha arrestato un pregiudicato di 44 anni trovato in possesso di 22 chili di marijuana e 8 di hashish. Vano il tentativo di occultare il denaro

Detenzione di sostanze stupefacenti. Questa l'accusa che ha portato all'arresto, nella mattinata del 27 giugno, di un pregiudicato di 44 anni, raggiunto dagli agenti del commissariato nella sua casa di via De Finetti a Milano.

 

Il tentativo di nascondere il denaro

Ad effettuare l'irruzione nella casa dell'uomo, già condannato per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio e attualmente affidato ai servizi sociali, sono stati gli uomini del commissariato Centro. Quando gli agenti hanno cercato di entrare nell'abitazione, l'uomo ha cercato di nascondere una mazzetta di contanti dal valore di 17mila euro fra le mutandine dei suoi due figli di 4 e 9 anni. Fra gli indumenti intimi, gli agenti hanno trovato oltre al denaro anche un mazzo di chiavi. Era quello che serviva ad entrare nel solaio dell'abitazione dov'erano nascosti 30 kg di droga: in particolare, 22 kg di marijuana e 8 di hashish.

 

L'indagine che ha condotto all'arresto

La Polizia ha reso noto che la droga era nascosta all'interno di scatoloni e borse con l'indicazione della tipologia della pianta “Amnesia haze”. A condurre gli agenti dentro l'abitazione di via De Finetti, una via chiusa e defilata della periferia milanese, è stata un'indagine aperta da un altro arresto scattato a metà giugno e che ha coinvolto un incensurato preso con 300 kg di droga. Il collegamento fra i due uomini è stato spiegato da Ivo Morelli, dirigente del commissariato Centro che ha lavorato in collaborazione con la Squadra mobile di Chieti e Milano. “Ci siamo accorti – ha detto Morelli - che l'arrestato milanese e quello di giugno avevano la residenza nello stesso palazzo in via Vespri Siciliani (dove viveva quest'ultimo). Una residenza molto vecchia ma era comunque un dettaglio interessante”. Da lì sono scattate le indagini che hanno portato alla scoperta del seconda casa-magazzino e all'arresto del secondo uomo.

Leggi tutto