Cassazione: no al risarcimento a Sollecito per i 4 anni in carcere

Raffaele Sollecito in una foto d'archivio
3' di lettura

La suprema corte ha respinto il ricorso del giovane per avere 500 mila euro di indennizzo per "ingiusta detenzione". L'avvocato Bongiorno: "Decisione che non scalfisce la sua innocenza" 

Raffaele Sollecito non avrà alcun indennizzo per i quattro anni di custodia cautelare trascorsi in carcere quando era accusato, insieme ad Amanda Knox, dell'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia nel 2007. Lo ha deciso la Cassazione che ha respinto il reclamo di Sollecito per avere 500 mila euro di risarcimento per "ingiusta detenzione".

L'avvocato: "Decisione non scalfisce la sua innocenza"

Il riconoscimento dell'indennizzo sarebbe stato "il giusto ristoro" secondo uno dei suoi difensori, l'avvocato Giulia Bongiorno ma "la decisione della Cassazione che lo ha negato non scalfisce in alcun modo la sua innocenza". "Sollecito - ha aggiunto - è sicuramente innocente per la Cassazione che lo ha definitivamente assolto (insieme ad Amanda Knox - ndr) per l'omicidio Kercher. Per loro vittima di grossolani errori investigativi. Tuttavia la sua detenzione sembra non del tutto ingiusta per altri giudici. Una decisione contraddittoria rispetto a quella che lo ha assolto". Gli avvocati Bongiorno e Luca Maori si rivolgeranno ora alla Corte europea.

Sollecito: "Inspiegabile"

Una decisione "inspiegabile" per Sollecito quella che ha respinto il ricorso sul risarcimento. "Se non trovo un lavoro - ha detto al suo legale – è perché sto ancora subendo le conseguenze di quei quasi quattro anni passati in cella da innocente. Non capisco perché non si comprenda tutto ciò".

La vicenda giudiziaria

Sollecito venne arrestato a Perugia il 6 novembre del 2007, cinque giorni dopo l'omicidio Kercher, insieme all'allora fidanzata Amanda Knox (entrambi si sono sempre proclamati innocenti). Condannati in primo grado, i due furono assolti e scarcerati la sera del 3 ottobre del 2011 dopo il processo d'appello. Sentenza annullata però dalla Cassazione con gli atti inviati a Firenze per un nuovo processo di secondo grado terminato con la condanna di Sollecito e della Knox. Pronuncia che nel marzo del 2015 la Cassazione ha annullato senza rinvio assolvendo definitivamente i due giovani.

Il ricorso per "ingiusta detenzione"

Quindi il ricorso dell'ingegnere pugliese per ottenere il risarcimento per ingiusta detenzione, rigettato dalla Corte d'appello di Firenze secondo la quale Sollecito avrebbe "concorso a causarla" rendendo "in particolare nelle fasi iniziali delle indagini, dichiarazioni contraddittorie o addirittura francamente menzognere".  Decisione impugnata in Cassazione dalla difesa di Sollecito sostenendo che la motivazione del rigetto della richiesta di risarcimento "sembra una sentenza di condanna". Per i legali "i giudici fiorentini hanno ripreso gli argomenti della sentenza della Corte d'appello del capoluogo toscano che condannò lui e Knox senza invece tenere conto di quella della Cassazione che li assolse definitivamente evidenziando gli errori dell'indagine". "Sollecito - ha ricordato l'avvocato Bongiorno - finì in carcere per un orma di scarpa di Guede erroneamente attribuita a lui, trovata sotto al piumone accanto al corpo della vittima. Un fatto del quale non ha certamente alcuna responsabilità". Ma la Cassazione ha confermato la decisione della corte di Firenze. 

Leggi tutto