Lampedusa, al sindaco Nicolini il premio per la pace dell'Unesco 

Giusi Nicolini è sindaco di Lampedusa dal 2012 (Getty Images)
1' di lettura

Il primo cittadino è stato insignito dell'onorificenza, assieme a una Ong, per l'impegno profuso nell'accoglienza e nell'inserimento di rifugiati e migranti

Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa dal 2012, ha vinto il premio Houphouet-Boigny per la ricerca della pace attribuito dall'Unesco per l'impegno e la sensibilità dimostrati nella gestione dell'emergenza-sbarchi sulla sua isola e, in particolare, per avere salvato numerose vite umane, accogliendo con dignità migranti e rifugiati. Assieme al primo cittadino è stata premiata anche la Ong francese "SOS Méditerranée".

Le motivazioni

Come si legge nelle motivazioni della giuria, "da quando è stata eletta sindaco, Nicolini si è distinta per la sua grande umanità e il suo impegno costante nella gestione della crisi dei rifugiati e della loro integrazione" dopo i massicci sbarchi degli ultimi anni, che hanno interessato Lampedusa e altre zone d'Italia. "SOS Méditerranée" - invece - è un'associazione europea "che si occupa di portare assistenza a tutte le persone bisognose nel mar Mediterraneo", aggiunge l'Unesco.

Il premio

Il premio Houphouet-Boigny per la ricerca della pace fu istituito nel 1989 dall'Unesco. E' un riconoscimento che viene attribuito a persone, istituzioni e organizzazioni che si sono distinte per la ricerca della pace. In passato fra i premiati ci sono stati anche Nelson Mandela, Shimon Peres e Yasser Arafat.  

Leggi tutto