Meteo, con l’Epifania in arrivo gelo e neve fino a bassa quota

Nevicate in Italia (foto d'archivio Ansa)
1' di lettura

Due perturbazioni artiche investiranno l’Italia: temperature in netto calo, anche sotto lo zero, su gran parte della Penisola, mari agitati e venti con raffiche fino a 100 km/h. Condizioni che potrebbero favorire la diminuzione dello smog: nei primi giorni del 2017 i valori sono rimasti sopra i limiti a Milano. LE PREVISIONI

Gelo e neve sono in arrivo sull’Italia. Con l'Epifania il maltempo colpirà gran parte della Penisola: temperature in picchiata, nevicate fino a bassa quota, venti burrascosi con raffiche che toccheranno i 100 km/h e mari molto agitati con onde alte fino a 6 metri. (LE PREVISIONI)

 

Le temperature notturne scenderanno fino a -8° al Nord, fino a -20° sulle Alpi, -4° al Centro-Sud in pianura, come a Roma. Una prima perturbazione è prevista tra lunedì 2 gennaio e martedì 3. Dopo una breve tregua nella giornata di mercoledì, un secondo impulso artico proveniente dall’Europa settentrionale arriverà sull’Italia a ridosso dell’Epifania, tra giovedì e sabato.

 

Picco previsto per venerdì e sabato - La perturbazione porterà un deciso peggioramento del tempo anche su medio Adriatico e al Sud. Il rischio di nevicate sarà accompagnato da un tracollo delle temperature e da venti gelidi. Il picco è previsto nelle giornate di venerdì e sabato quando il rischio neve si abbatterà non solo sui settori interni, ma anche lungo le coste del medio Adriatico, al Sud e nel nord della Sicilia. (IL METEO)

 

Il freddo sarà ancora più pungente per effetto del raffreddamento da vento (wind chill) causato dai forti e gelidi venti settentrionali che soffieranno con raffiche fino a 100 km/h. I mari saranno molto agitati al Centro-Sud con onde dai 4 ai 6 metri.

 

Smog costante su Milano - Il peggioramento delle condizioni meteo potrebbe favorire il calo dello smog che in questi primi giorni del 2017 è rimasto sopra i livelli di allerta in molte città. A Milano le polveri sottili Pm10, hanno registrato il superamento dei 50 microgrammi al metrocubo in diverse zone. Secondo gli esperti, l’arrivo del forte vento potrebbe aiutare la dispersione degli inquinanti. 

Leggi tutto