Libri: la strana tribù Hemingway, segnata dalla depressione

Friuli Venezia Giulia
ae01fea40020dd3b7ab7de8eacb68eb9

Opera intimista di John, nipote di Ernst. A Trieste 70 anni dopo

(ANSA) - TRIESTE, 26 OTT - "Quando mio nonno aprì la porta e vide suo figlio, cioè mio padre, con i collant da donna, non disse nulla e richiuse la porta. Poi avrebbe detto soltanto 'noi Hemingway apparteniamo a una strana tribù'". John Hemingway, nipote del grande scrittore, ricorda così in modo toccante un momento difficile della sua famiglia, riportato nel libro "Una strana tribù" (Marlin), che ha presentato questa sera al Caffè degli Specchi, 70 anni dopo la visita del nonno.
    Il libro, pubblicato nel 2007 negli Stati Uniti e da allora uscito in tanti Paesi e in Italia soltanto da pochi mesi, è un ritratto affettuoso ma impietoso della famiglia Hemingway, segnata da un tratto depressivo che "avrebbe portato mio nonno a subire l'elettrochoc, così come mio padre Gregory, più volte - racconta John - Mio padre era bipolare, poi all'età di 65 anni circa, ha cambiato sesso. Mia madre era schizofrenica, un mio bisnonno si è suicidato", precisa ancora. (ANSA).
   

Trieste: I più letti