Patteggia 4 anni per morte zia a Brunico

Trentino Alto Adige
@ANSA
1a15ce488d4c7d54ae68f7cd29f2dd68

Accusa derubricata a omicidio preterintenzionale

(ANSA) - BOLZANO, 02 AGO - Il ventiduenne Loris Daniel Caciula ha patteggiato in tribunale a Bolzano, davanti al giudice Walter Pelino, una pena di 4 anni e 10 mesi per l'omicidio preterintenzionale di sua zia Nicoleta, rumena di 46 anni, trovata morta nel suo appartamento di Brunico il 17 luglio dell'anno scorso. Il giudice ha disposto l'immediata scarcerazione dell'imputato.
    Il reato era stato derubricato, da omicidio volontario a preterintenzionale, dopo che una perizia della Procura aveva stabilito che la donna non morì per soffocamento da strangolamento, come inizialmente ipotizzato, bensì come conseguenza non voluta di una mossa di Krav maga che il giovane aveva imparato per autodifesa: stringendo cioè la mano sul collo della donna ne provocò un infarto, a causa della sovrastimolazione dei barocettori. L'imputato ha sostenuto di essersi in questo modo voluto difendere dalle presunte avances della zia, che lui era andato a trovare all'una di notte.
   

Trento: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.