Recuperati in una confraternita 1.800 documenti della Corte dei Savoia

Piemonte
©Ansa

 Lettere a principi e sovrani, foto, ritagli di giornale e carte ufficiali torneranno alla Biblioteca Reale di Torino, all'Archivio di Stato di Torino e al Castello di Racconigi

Oltre 1.800 documenti antichi provenienti dalla Corte dei Savoia, sottratti a importanti istituti di conservazione pubblici piemontesi, sono stati recuperati dai carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Torino all'interno dei locali dell'Arciconfraternita della Misericordia dei 'Battuti neri' di Bra, in provincia di Cuneo. Lettere a principi e sovrani, foto, ritagli di giornale e carte ufficiali torneranno alla Biblioteca Reale di Torino, all'Archivio di Stato di Torino e al Castello di Racconigi, nel Cuneese. Il materiale ha un valore di oltre 2 milioni di euro.

Il ritrovamento

La scoperta è avvenuta grazie proprio alla presidenza dell'Arciconfraternita che nel 2012, durante le verifiche dei beni di proprietà, aveva avviato una scrupolosa archiviazione. Le indagini, coordinate dalla Procura, hanno portato all'identificazione di un confratello dei 'Battuti neri' che, all'insaputa degli altri, nascondeva nelle stanze sicure della confraternita il patrimonio documentale. Il materiale sottratto era quello più pregiato e raro, riportante le firme autografe di personaggi illustri di Casa Savoia, come Re Emanuele Filiberto o sovrani europei, ad esempio Caterina di Russia. Gli accertamenti hanno permesso di individuare la provenienza pubblica dell'archivio, sottratta nel corso del tempo da ignoti collezionisti. Al recupero ha collaborato la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica del Piemonte e della Valle d'Aosta.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24