Coronavirus, Piemonte: 17.773 positivi, 1.473 guariti e 1.969 decessi

Piemonte

I ricoverati in terapia intensiva sono 369, due in meno rispetto al dato di ieri, mentre quelli in altri reparti sono 3.335. Le persone in isolamento domiciliare sono 9.361. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 74.060, di cui 38.086 risultati negativi

Il nuovo liveblog con gli aggiornamenti sul Piemonte

I nuovi decessi comunicati questa sera dall'Unità di crisi regionale, in Piemonte, sono 93, dei quali 25 registrati oggi, e portano il totale a 1.969. Il numero dei pazienti dichiarati guariti è in totale 1.473; altri 1.266 sono "in via di guarigione", ma attendono ancora l'esito del secondo tampone di verifica. Il totale delle persone finora risultate positive al Coronavirus è salito a 17.773, con un incremento di 527 rispetto a ieri. I ricoverati in terapia intensiva sono 369, due in meno rispetto al dato di ieri, quelli in altri reparti in tutto 3.335. Le persone in isolamento domiciliare sono 9.361. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 74.060, di cui 38.086 risultati negativi.
La procura di Cuneo, nel frattempo, ha aperto quest'oggi un fascicolo sulla vicenda della casa di riposo di Villanova Mondovì, sgomberata lo scorso 30 marzo dopo alcuni decessi attribuiti al Coronavirus. L'ipotesi provvisoria di reato, ancora da verificare, è l'epidemia colposa. Continua dunque a destare preoccupazione la situazione nelle residenze per anziani e nelle Rsa regionali: trenta persone, due operatori sanitari e 28 ospiti, sono risultate positive al Covid-19 in una struttura di Roccavione (Cuneo) mentre a Cigliano, il sindaco ha fatto sapere che sono 43 i pazienti risultati positivi nella Rsa del paese in provincia di Vercelli. Altri 27 casi anche a Grana, nell'Astigiano.
Intervenuto a Rai Radio 1, questa mattina il governatore Alberto Cirio ha dichiarato che in Piemonte il contagio da coronavirus "sta andando più lentamente. La nostra regione sta vivendo quello che Lombardia, Veneto ed Emilia hanno vissuto dieci giorni prima.
Nei giorni di Pasqua sono stati intensificati i controlli per garantire il rispetto delle norme anti contagio in regione. A Torino, in particolare, la polizia municipale ha eseguito accertamenti su 1.406 persone, di cui ben il 93% è risultato in regola. (DIRETTA)

19:25 - In Piemonte 17.773 positivi, 1.473 guariti e 1.969 decessi

I nuovi decessi comunicati questa sera dall'Unità di crisi regionale, in Piemonte, sono 93, dei quali 25 registrati oggi, e portano il totale a 1.969. Cresce di 101 unità, rispetto a ieri, il numero dei pazienti dichiarati guariti, che ora sono complessivamente 1.473; altri 1.266 sono "in via di guarigione", ma attendono ancora l'esito del secondo tampone di verifica. Il totale delle persone finora risultate positive al Coronavirus è salito a 17.773, con un incremento di 527 rispetto a ieri. I ricoverati in terapia intensiva sono 369, due in meno rispetto al dato di ieri, quelli in altri reparti in tutto 3.335. Le persone in isolamento domiciliare sono 9.361. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 74.060, di cui 38.086 risultati negativi.

19:19 - Torino, slitta versamento tassa di soggiorno

Sarà spostato di un mese, dal 15 aprile al 15 maggio, il termine per il versamento della tassa di soggiorno da parte delle strutture ricettive torinesi. E' quanto stabilisce un'ordinanza che sarà firmata nelle prossime ore dalla sindaca Chiara Appendino, alla luce delle difficoltà del settore a fronte dell'emergenza Covid-19, accogliendo così le richieste delle associazioni degli albergatori. L'assessore al Turismo Alberto Sacco spiega che "si tratta di una misura finalizzata al sostegno del settore alberghiero, per contribuire a contrastare gli effetti negativi della crisi in un comparto trainante per l'attività economica del territorio. Considerato inoltre - aggiunge - che, in vista degli appuntamenti internazionali programmati a partire dal prossimo anno, per la Città di Torino è essenziale non solo mantenere, ma rafforzare l'offerta ricettiva".

19:15 - Valenza, bar aperto: sanzionato il locale

Un bar di Valenza, nell'Alessandrino, è stato sanzionato perché aperto. I carabinieri, impegnati nei controlli per il rispetto delle misure anti coronavirus, hanno anche segnalato il locale alla prefettura di Alessandria perché ne disponga la chiusura per cinque giorni.  

19:10 - Torino avvia monitoraggio nelle Rsa

"Questa settimana la dedicheremo all'attività di monitoraggio delle situazioni delle Rsa, attività che è stata posta in capo alle Città Metropolitane". Così la sindaca di Torino, Chiara Appendino. "Incontreremo ogni giorno virtualmente - dice in un video su Facebook - i sindaci dei territori maggiormente coinvolti e i direttori delle Rsa insieme all'Unità di Crisi e alla prefettura e faremo il punto sulle singole strutture perché siamo consapevoli, anche alla luce dei dati, che la maggior parte delle criticità oggi sono all'interno delle Rsa". Sulla questione tamponi, Appendino ricorda che "i Comuni non hanno competenza diretta in materia sanitaria, quindi noi non disponiamo dei tamponi e non definiamo le politiche con cui si fanno. Come stanno facendo tutti i sindaci - spiega -, stiamo sollecitando la Regione affinché una serie di attività possano essere attuate". E cita, a questo proposito, proprio il protocollo sulle Rsa siglato la scorsa settimana osservando che "il personale di queste strutture, correttamente sta chiedendo di essere sottoposto a tampone e poter lavorare in sicurezza, e noi stiamo supportando questa richiesta".

19:05 - Appendino: "So di poter contare sui torinesi"

"Dovremo tenere duro ancora per alcune settimane e io so che posso contare su di voi". Così la sindaca Chiara Appendino si è rivolta ai torinesi nell'ormai consueto video di aggiornamento giornaliero sull'emergenza Coronavirus. "Il presidente del Consiglio - ricorda Appendino - ha detto che rimarremo in lockdown fino al 3 maggio, il presidente della Regione Cirio, con un'ordinanza, ha deciso di mantenere chiuse quelle attività che a livello governativo si era deciso di poter aprire, questo significa che dovremo tenere duro ancora per alcune settimane e io so che posso contare su di voi. Sappiamo che è difficilissimo - prosegue la sindaca - e per questo stiamo lavorando su tutto quello che riguarderà la cosiddetta fase 2 per riprendere dal primo giorno in sicurezza, con le regole che ci saranno, una parte delle nostre attività". Appendino conclude ricordando i molti gesti di aiuto che arrivano in questi giorni a chi ha bisogno: "Torino è una città solidale, una città coesa che affronta le sfide tutti insieme".

18:56 - Vende mascherine e gel: multato studio medico di Verbania

Il titolare di uno studio medico di Verbania è stato multato di 5 mila euro perché vendeva al dettaglio mascherine e gel igienizzante. Il controllo delle forze dell'ordine nello studio di Intra è scattato oggi pomeriggio. L'Asl ha acquisito anche la documentazione relativa ai test per il coronavirus sin qui effettuati verificare la regolarità dell'attività svolta dal punto di vista sanitario.

18:34 - Porta Palazzo, rinviata decisione riapertura del mercato

Si dovrà attendere la prossima settimana per sapere se il mercato torinese di Porta Palazzo, chiuso per l'emergenza Coronavirus, potrà riaprire. Il Comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza che si è riunito oggi in videoconferenza ha infatti deciso di riesaminare la situazione nei primi giorni della prossima settimana "sulla base dell'evolversi del quadro, al momento ancora abbastanza critico, dei dati sanitari del contagio". "La questione della ripresa del mercato - informa una nota - sarà posta all'ordine del giorno alla luce della situazione che si prospetterà durante questa settimana e alle determinazioni di carattere regionale sulle misure di contenimento". La sindaca Chiara Appendino conferma inoltre che al tema della riapertura di Porta Palazzo "sarà prestata la massima attenzione, riconoscendone per il territorio e la cittadinanza - si legge ancora nella nota - l'importanza sia dal punto di vista economico, sia per la sua funzione di carattere sociale". Proprio questa mattina un gruppo di ambulanti di piazza della Repubblica aveva manifestato per chiedere di tornare al lavoro.

18:27 - Sindaco Alba: "Parte bilancio emergenza"

Sono 42 le persone positive al coronavirus ad Alba, nel Cuneese, e quattro le vittime; sei i guariti Ad aggiornare il bilancio dell'emergenza è il sindaco, Carlo Bo. "Dobbiamo continuare a rispettare le disposizioni, senza abbassare la guardia - osserva il primo cittadino -. Come amministrazione, nei giorni scorsi abbiamo distribuito i buoni spesa, soddisfacendo le esigenze di circa 1.500 nostri concittadini, e le mascherine agli over 65, circa 5 mila. A partire da questa settimana ne distribuiremo altre 12mila. Entro la fine del mese approveremo il bilancio consuntivo per poter accertare l'avanzo di amministrazione e destinare una parte importante all'emergenza, per dare risposte concrete ai cittadini e alle aziende in difficoltà su temi come utenze e affitti".

18:23 - Multati pescatori e apicoltori nel Verbano-Cusio-Ossola

Poche le infrazioni contestate in Ossola nel periodo pasquale nei confronti di chi ha violato le ordinanze sul Coronavirus. La polizia locale dei Comuni di Ornavasso e Vogogna hanno sanzionato una coppia proveniente dalla Lombardia e diretta in valle a portare alcune arnie contenenti delle api e un pescatore trovato a lanciare l'esca nelle acque del fiume Toce. Qualche sanzione è stata inflitta dai Carabinieri Forestali del Parco Nazionale Val Grande che hanno controllato alcune persone sorprese a camminare o a transitare sulle strade dei Comuni compresi nell'area protetta.

18:04 - Politecnico Torino, da lunedì esami scritti a distanza

Gli studenti del Politecnico di Torino cominceranno lunedì a fare a distanza anche gli esami scritti. La stessa tecnologia sarà probabilmente usata per i test d'ingresso previsti a fine luglio e a fine agosto per l'iscrizione al primo anno. Lo ha detto all'ANSA il vicerettore alla didattica Sebastiano Foti. "Abbiamo già permesso agli studenti di fare gli esami orali e di conseguire la laurea in modalità da remoto. Ora partiremo anche con le prove scritte", spiega Foti. "Per quanto riguarda i test d'ingresso abbiamo annullato le sessioni di marzo, aprile e maggio perché non si potevano svolgere di persona. Ci stiamo organizzando perché si possano svolgere quelle di fine luglio e di fine agosto attraverso un sistema di sorveglianza analogo a quello che si usa per i laboratori informatici con domande a risposta multipla o a risposta aperta. Non è stato deciso però ancora nulla perché dobbiamo aspettare i provvedimenti del ministero e del governo". Per quanto riguarda il primo semestre del prossimo anno, sottolinea il vicerettore, "è da escludere che le lezioni possano essere tutte in aula. In questo momento ci sono due scenari: erogazione di lezioni ibrida, parte in remoto e parte in aula, o tutte in remoto. Ci stiamo attrezzando per essere pronti alle diverse opzioni. Garantiremo comunque la possibilità di fruire a distanza delle lezioni".

17:59 - Valenza, studente stampa raccordi per valvole respiratori

Roberto, studente di Valenza in provincia di Alessandria, ha stampato raccordi per le valvole dei respiratori e li ha donati alla Protezione civile per dare un aiuto nell'emergenza. Lo segnala in un post il Ministero dell'Istruzione. Protagonista della vicenda un allievo della Scuola Media Pascoli, aiutato dell'insegnante di Robotica. "Mia madre - spiega lo studente - ha visto su Facebook un invito, rivolto a chiunque avesse una stampante 3D, a stampare valvole per le maschere da snorkeling per poterle usare come respiratori negli ospedali. Grazie all'aiuto dell'insegnante di Robotica siamo riusciti a stampare i raccordi per le valvole, che poi abbiamo consegnato alla Protezione Civile. Sono molto contento di poter dare un piccolo aiuto in questo momento". Lo studente ha usato la sua stampante 3D, vinta partecipando alla challenge Camp Moon dell'Esa, l'Agenzia Spaziale Europea. Intanto segue le lezioni di didattica a distanza della sua scuola e con l'aiuto del professore di tecnologia sta lavorando a un nuovo progetto, sempre per l'Esa.

17:16 - Azienda vercellese aiuta Asl e mensa dei poveri

Il Gruppo Marazzato, azienda vercellese leader nel settore ambientale, è capofila della raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfundin Gofundme.com, destinati alle ASL di Alessandria, Casale Monferrato e Tortona, Aosta, Biella, Ivrea (Torino), Novara, Vercelli e la ASLTO5. Il gruppo industriale, inoltre., sostiene una serie di mense sociali: 'Tavola Amica' di Aosta, Alessandria e Ivrea gestite dalla 'Caritas', 'Il Pane quotidiano' di Biella, la mensa dei Frati Cappuccini San Nazzaro della Costa di Novara, la mensa dell'Associazione Don Luigi Longhi Onlus di Vercelli e la 'Mensa dei Poveri' di Torino del 'Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione Onlus' di Don Adriano Gennari". Testimonial della campagna la cantante Silvia Mezzanotte, ex voce dei Matia Bazar, e il cantautore Andrea Mingardi: "due grandi bolognesi dal cuore generoso innamorati del Piemonte e Valle D'Aosta, che ringraziamo per i video rilasciati sul nostro canale YouTube per invitare tutti a contribuire", concludono i fratelli Marazzato, titolari dell'azienda.

17:13 - Torino, Teatro Stabile annulla spettacoli fino al 3 maggio

Il Teatro Stabile di Torino, a causa del diffondersi del coronavirus, ha cancellato i suoi spettacoli fino al 3 maggio. Non andranno quindi in scena al Teatro Carignano 'Cosi' è se vi pare' di Pirandello, regia di Filippo Dini, (21 aprile-3 maggio) e'Il mago di Oz' di Lyman Frank Baum, regia di Silvio Peroni, il 25 e 26 aprile e il 2 e 3 maggio. Per quanto riguarda il Teatro Gobetti saltano invece gli spettacoli 'Happy Days in Mercido's Field di Marco Isidori/Compagnia Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa (14 -19 aprile); 'Signorina, lei è un maschio o una femmina?' di e con Gloria Giacopini e Giulietta Vacis (19 - 20 aprile); 'Buon appetito' di Michele Perriera, regia di Savino Genovese (21 - 22 aprile); 'Con sorte', di Giacomo Guarneri (23 - 24 aprile); 'Era meglio nascere topi' di Debora Benincasa, regia di Amedeo Anfuso (24 - 25 aprile ); 'Queer Picture Show' di Irene Dionisio e Francesca Puopolo, (27 - 28 aprile); 'Furiosa Scandinavia' di Antonio Rojano, regia di Javier Sahuquillo (29 - 30 aprile). Inoltre il Collettivo Semianyki ha comunicato l'annullamento delle repliche dello spettacolo 'Lodka' previste al Carignano dal 5 al 10 maggio.

16:56 - 27 casi su 28 in Rsa Grana, sindaco vuole 'zona rossa'

Sono 27 su un totale di 28 ospiti, i positivi al Coronavirus nella casa di riposo del Comune di Grana (Asti). Lo scrive il sindaco Cristiano Gavazza su Facebook, comunicandolo ai suoi concittadini sulla pagina del Comune. "In via preventiva - aggiunge - vista come la situazione è precipitata nelle ultime 24 ore, soprattutto per tutelare la vostra salute, questa mattina è stata inviata alla Regione Piemonte una richiesta di attenzionamento con zona rossa". "Una decisione difficile, coscienti delle difficoltà che tutti stanno affrontando, ma inevitabile - aggiunge - in quanto il numero dei contagiati è troppo alto: la salute pubblica è il bene più prezioso dell'umanità. Attendiamo al più presto - conclude il sindaco Gavazza - la risposta o le direttive del presidente Cirio".

16:24 - Violano quarantena, scoperti dal drone ad Alessandria

L'utilizzo dei droni, avviato in occasione delle festività pasquali, ha consentito alla Polizia Municipale di Alessandria di avvistare 3 persone che si aggiravano sugli argini del fiume Bormida violando le norme previste per contenere il contagio da Coronavirus. I trasgressori sono poi state individuati dagli agenti 'Bike Patrol' impiegati in bicicletta, affiancati alle pattuglie in moto - inviati sul posto. Dagli accertamenti è emerso che una delle 3 persone è risultata positiva al Covid-19 e che le altre 2 erano in quarantena domiciliare. Tutte sono state denunciate. Nel corso del fine settimana, ad Alessandria sono state identificate complessivamente 85 persone e controllati 97 esercizi commerciali; 11 le violazioni amministrative contestate. 

16:19 - Clinica Memoria Collegno ospita pazienti Covid

La Clinica della Memoria di Collegno diventerà a giorni una struttura di degenza per 20 pazienti Covid dimessi dagli ospedali e in via di guarigione. Stamani sono stati compiuti gli ultimi passi operativi in vista dell'apertura. Un nucleo speciale di militari della caserma Ceccaroni di Rivoli, guidati dal colonnello Giulio Arseni, ha effettuato la necessaria sanificazione della struttura. Ad accompagnarli il direttore generale dell'Asl To3 Flavio Boraso, il direttore del distretto Area Metropolitana Centro Silvio Venuti e il sindaco di Collegno Francesco Casciano. All'interno della clinica, di proprietà della Fondazione San Secondo per la Ricerca sull'Alzheimer, opereranno medici dell'Asl To3 e personale sanitario della cooperativa Sanitalia. "Mai come in questo momento sono fondamentali l'integrazione e il sostegno reciproco fra tutte le istituzioni e le forze che hanno la possibilità di fornire il proprio contributo - sottolinea Boraso -. L'attivazione di questa struttura oltretutto coincide, almeno per il primo nucleo di posti letto, con un'apertura che era attesa da molto tempo, quella della Clinica della memoria”.

15:36 - Festa Pasquetta nonostante divieti nel Torinese, multati

La festa di Pasquetta finisce nelle "storie" di Instagram e in un attimo le immagini fanno il giro dei social network. Ora un gruppo di ragazzi di San Mauro Torinese rischia multe da 300 euro in su per l'inosservanza dei divieti sul coronavirus. Sull'episodio sono in corso gli accertamenti dei carabinieri della compagnia di Chivasso. I giovani hanno deciso di festeggiare la Pasquetta insieme ignorando le indicazioni del Governo, della Regione e del Comune. Non solo: nei video, oltre a parlare a sproposito dei morti per il Covid-19, i ragazzi prendono in giro il Presidente del consiglio Giuseppe Conte. I video sono stati rimossi dagli account ma sono stati comunque ripubblicati su diversi profili. 

15:27 - Nell'Astigiano 162 multati nel ponte di Pasqua

Sono 1.161 gli astigiani controllati nel fine settimana pasquale, da sabato a lunedì, per le verifiche sul rispetto delle norme per il Coronavirus. Carabinieri, polizia, guardia di finanza e polizia municipale hanno multato 162 persone, quasi il doppio rispetto ai tre giorni infrasettimanali precedenti. Lo conferma la Prefettura di Asti. Sabato sono stati controllati 407 astigiani e astigiane (49 sanzionati), domenica 437 verifiche (58 multe), lunedì 380 controlli (55 sanzioni). I 1369 esercizi commerciali controllati sono risultati tutti in regola. Una sola persona, un cinquantenne di Castel Boglione (Asti), è stato denunciato a Nizza Monferrato (Asti) per aver dichiarato il falso agli agenti della municipale che l'hanno fermato. Aveva detto di essere andato a fare benzina nel paese vicino, ma dalle verifiche dei poliziotti è risultato che aveva un distributore self service a cento metri da casa.

15:19 - Aperto fascicolo su casa di riposo di Villanova Mondovì

La procura di Cuneo ha aperto un fascicolo sulla vicenda della casa di riposo  "Don Bartolomeo Rossi" di Villanova Mondovì, sgomberata lo scorso 30 marzo dopo quattro decessi attribuiti al Coronavirus. Dei 37 ospiti, nei giorni successi 35 risultarono positivi. L'ipotesi provvisoria di reato, ancora da verificare, è l'epidemia colposa, e al momento non ci sono iscrizioni nel registro degli indagati. Una segnalazione in procura è arrivata dai carabinieri del Nas.

14:44 - Nestlé dona 1.500 uova di pasqua a Questura di Torino

Più di millecinquecento uova di Pasqua sono state donate dalla Nestlé alla questura di Torino. Il gesto si inserisce nel solco della collaborazione avviata dall'azienda con la polizia postale per una serie di progetti di legalità, ma si è caricato di significati anche in relazione alla questione Coronavirus. Il questore, Giuseppe De Matteis, ha destinato le uova "ai figli delle donne e degli uomini della questura - si legge in una nota - con la speranza di suscitare un sorriso in questi giorni in cui le loro mamme e i loro papà affrontano un arduo compito istituzionale determinato dalla grave emergenza epidemiologica". 

14:10 - Castelletto d’Erro in lutto per la morte del sindaco

Un minuto di silenzio, domanI alle 16, e bandiere a lutto in occasione della benedizione e del rito funebre per il sindaco di Castelletto d'Erro (Alessandria), Giuseppe Panaro, morto a 60 anni per Coronavirus. L'invito a tutti i primi cittadini arriva dal presidente della Provincia Gianfranco Baldi. "Oltre che un collega, tanti di noi perdono un amico presente e leale che è saputo sempre stare silenziosamente in prima linea e anteporre gli interessi della sua comunità a quelli politici o partitici".

13:30 - A Torino strade igienizzate anche a Pasqua

Anche nel ponte pasquale è proseguita l'attività di lavaggio e igienizzazione delle strade della città da parte dell'Amiat. Nelle notti di sabato, domenica e lunedì sono state interessate molte aree di diverse circoscrizioni, come la 3, 5, 6, 7 e 8. Fra le zone toccate via Passo Buole, via Pio VII e l'area a nord e a sud dell'asse di corso Traiano e corso Maroncelli. Autobotti anche nella zona ospedali e del Valentino, a San Salvario, in corso Moncalieri e Casale, precollina e collina e la zona San Secondo tra via Sacchi, corso Sommeiller, corso re Umberto, corso Vittorio Emanuele II. Lavaggio anche di tutti i ponti sul Po, il quartiere delle Vallette, corso Regina Margherita, lungo Stura Lazio e strada Settimo, piazza Rebaudengo, e corso Giulio Cesare. Tra domenica e lunedì passaggi in zona Città Giardino, Mirafiori Sud, i corsi e le piazze attorno al centro e alla Crocetta. Passaggi anche tra corso Regina e corso Novara, corso Tortona e via Vanchiglia, lungo Po Antonelli, i viali lungo la Dora, corso Belgio.

13:28 - Dito medio a carabinieri dopo multa, denunciato nel Canavese

Un 40enne residente in Canavese è stato denunciato dai carabinieri della compagnia di Ivrea per vilipendio e oltraggio a pubblico ufficiale. Sorpreso in giro con la propria auto senza motivo, è stato multato dai militari per inosservanza delle disposizioni anti coronavirus. L'uomo è andato davanti alla caserma di Cuorgnè insultando i carabinieri e lanciando il verbale della multa nel cortile della caserma. Non contento, ad un posto di blocco a Castellamonte ha tirato giù il finestrino e ha fatto il dito medio alla pattuglia, senza accorgersi che poco più avanti c'erano altri militari impegnati nei controlli stradali. È stato quindi fermato e denunciato.

13:05 – Positive oltre la metà delle suore della Casa Madre del Sacro Cuore di Gesù di Sale

Oltre metà delle religiose della Casa Madre delle Piccole Figlie del Sacro Cuore di Gesù di Sale, nell'Alessandrino, sono positive al coronavirus. E' questo l'esito dei tamponi effettuati nella struttura. Cinque religiose, in particolare, sono ricoverate in ospedale, mentre in isolamento nella struttura perché positive ci sono 24 delle 45 suore ospiti. Per altre 14 si attende ancora l'esito del tampone; 2 sono negative. Nella maggior parte dei casi si tratta di consorelle ultraottantenni con patologie pregresse. "Delle Case di Riposo presenti in paese con oltre 200 ospiti, in una si attende l'esito dei tamponi anche sul personale; nelle altre 2, dove devono ancora essere effettuati i test, non sono stati segnalati casi specifici e la situazione sarebbe abbastanza sotto controllo", dice la sindaca Lazzarina Arzani, che finito il suo periodo di isolamento - il marito è risultato positivo al Covid - ha ripreso ad andare in Municipio.

12:32 – A Torino ripreso il servizio pacchi famiglia per gli indigenti

Cresce la carità sotto Pasqua, nonostante le criticità cagionate dalla pandemia. Dopo aver riaperto i battenti lo scorso 17 Marzo, la 'Mensa dei Poveri' di Via Belfiore 12 a Torino ha ripreso anche il consueto prezioso servizio settimanale - ogni sabato dalle ore 13.30 alle 16.00 - di distribuzione pacchi-famiglia ai nuclei familiari già censiti e abitualmente serviti dai volontari del 'Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione Onlus', associazione di volontariato e comunità di preghiera fondata dal sacerdote cottolenghino Don Adriano Gennari e ufficialmente riconosciuta dall'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia. "Ringraziamo di cuore il Banco Alimentare e i numerosi benefattori di questi giorni difficili, proseguendo ancor più convinti e operosi nel servizio caritatevole quotidiano rivolto ai poveri torinesi, certi dell'aiuto che la Divina Provvidenza vorrà continuare a donarci", dichiara Maurizio Scandurra, giornalista e portavoce della mensa. Per informazioni, contribuire con donazioni di alimenti e denato è disponibile l'infoline della segreteria del 'Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione Onlus' (telefono 375 6188246), anche via sms o Whatsapp, tutti i giorni, festivi inclusi, dalle 10.00 alle 19.00 con orario continuato.

12:18 – Torino, nei giorni di festa solo il 7% di trasgressori

Torinesi ligi alle regole anti Covid nelle festività pasquali: delle 1406 persone controllate dalla polizia municipale, il 93% è risultato in regola. E' quanto evidenzia la sindaca Chiara Appendino in un post su Facebook: "il timore che le uscite ingiustificate nelle giornate di Pasqua e Pasquetta fossero numerose c'era. - sottolinea la sindaca - Invece i torinesi si sono dimostrati molto disciplinati". "Secondo i dati della polizia municipale - dice Appendino -, su 100 controlli ben 93 cittadini stavano rispettando le prescrizioni contro il Coronavirus. Le sanzioni sono state il 7% del totale, un dato solo leggermente più alto rispetto ai giorni precedenti". Per la sindaca "questa è la riprova che la stragrande maggioranza dei torinesi sta facendo la sua parte per uscire dall'emergenza il prima possibile. Un ringraziamento a loro - conclude - e, come sempre, a tutte le autorità che lavorano al servizio dei cittadini".

12:13 – L'Inail indennizza la morte di un sanitario

In Piemonte l'Inail ha riconosciuto come infortunio mortale il caso un operatore sanitario deceduto per infezione da Covid-19. Lo ha annunciato Daniele Bais, direttore della sede Torino Nord dell'istituto. Una volta completata l'istruttoria, l'Inail ha costituito la rendita ai superstiti. Si tratta del primo caso in Piemonte. Il caso riconosciuto dall'Inail piemontese riguarda un operatore sanitario di un ospedale di Torino deceduto a marzo dopo un periodo di terapia intensiva. Per i familiari è stata costituita la rendita ai superstiti, che prevede l'erogazione di una prestazione economica che decorre dal giorno successivo alla morte del lavoratore, e a seguire, sempre da parte dell'Istituto, l'assegno per le spese funerarie. Sarà devoluta anche la prestazione economica una tantum prevista dal Fondo delle vittime di gravi infortuni sul lavoro, di cui possono beneficiare anche i lavoratori non assicurati con Inail. Ai fini del riconoscimento dell'infortunio, secondo l'orientamento dell'Istituto, vige la semplice presunzione dell'origine professionale, vista l'elevata probabilità che la tipologia di lavoratori entri in contatto con il virus. "Per procedere speditamente all'accertamento - spiega Bais - è stata decisiva, per l'istruttoria la collaborazione attenta e sollecita sia del datore di lavoro che dell'Asl competente. Tutti i soggetti e gli enti coinvolti hanno operato solidalmente come una squadra".  

11:33 - Cirio: "In Piemonte contagio più lento"

In Piemonte il contagio da coronavirus "sta andando più lentamente" rispetto alle altre regioni. Lo sostiene il governatore Alberto Cirio, ospite a Rai Radio 1. "La nostra regione sta vivendo quello che Lombardia, Veneto ed Emilia hanno vissuto dieci giorni prima - spiega -. Abbiamo uno scostamento che ci dice che da noi il virus sta andando via ma in modo più lento, mentre il dato dei ricoveri in terapia intensiva è positivo e continua a dirci che negli ultimi dieci giorni la curva si appiattisce. Ci sono elementi di positività, ma il contagio sta andando via più lentamente”.
Poi, il governatore ha commentato la scelta di prorogare fino al 3 maggio le restrizioni: "Dobbiamo mantenere le misure di contenimento, trovo assurdo permettere di riaprire una libreria. Stiamo lavorando per far stare la gente in casa e riaprire una libreria vuol dire che giustifico il fatto che uno esca per andarsi a comprare un libro. Non l'ho proprio capita...".

10:42 – Sindaco Cigliano: “43 positivi nella Rsa”

Sono 43 i pazienti risultati positivi nella Rsa di Cigliano (Vercelli). A scriverlo su Facebook, nel report giornaliero sull'emergenza coronavirus, è il sindaco Diego Marchetti, che indica anche 12 positivi tra operatori, Oss e infermieri nelle due strutture assistenziali della zona. Sono invece tre i positivi non riconducibili a case di riposo o strutture medico-sanitarie di Cigliano, e due i guariti. La residenza per anziani ciglianese, in vicolo Corbetta, ha una capienza dichiarata di 48 posti letto.

10:40 – Guardia di finanza dona al Cottolengo un migliaio capi abbigliamento

La guardia di finanza di Torino ha consegnato un migliaio di capi di abbigliamento al Cottolengo. SI tratta di merce che era stata sequestrata e confiscata nel corso di un'indagine contro le contraffazioni di marchi e che, in origine, era destinata a essere distrutta. Su istanza degli stessi finanzieri, il tribunale di Torino ha accettato il cambio di destinazione, motivato con i fimi umanitari. "L'iniziativa - informa il Comando - si pone nel variegato quadro del costante impegno del Corpo a favore della collettività ove, a fianco alla lotta ad ogni forma di criminalità, trovano spazio diverse iniziative benefiche volte ad assicurare la vicinanza ai più bisognosi in nome di una maggiore giustizia ed equità sociale. In tale terreno comune, termini come lotta alla contraffazione e solidarietà si fondono in un connubio ideale.

10:34 - Zegna si riconverte per produrre camici

Il Gruppo Zegna, leader nell'abbigliamento maschile di lusso, ha iniziato a produrre camici protettivi per il personale sanitario. Le linee produttive di Inco (Novara) e Consitex (Mendrisio) sono state convertite per la produzione di 280mila camici, la maggior parte destinati alla Regione Piemonte e la parte rimanente al Canton Ticino. "L'emergenza che stiamo affrontando è un forte sollecito affinché si agisca insieme, unendo tutte le forze", sostiene l'azienda, che collabora con l'Unità di crisi della Regione Piemonte e con il Canton Ticino.

9:56 – Positivi 28 ospiti su 42 nella Rsa di Roccavione

Trenta positivi al Covid-19 nella casa di riposo di Roccavione (Cuneo), tra i quali anche un asitomatico centenario. Sono gli esiti dei tamponi eseguiti nei giorni scorsi alla Rsa Ente Morale Famiglia Toselli, nel paese a pochi chilometri da Cuneo, dove sono risultati positivi 2 operatori sanitari e 28 dei 42 ospiti della struttura sanitaria. Nella casa di riposo sono morti 9 anziani tra marzo e aprile. Nel paese, di 2.600 abitanti, erano già presenti due casi: si tratta di infermieri in quarantena domiciliare.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.