Coronavirus, a Grugliasco la Procura indaga su morti in Rsa

Piemonte

Sui 21 decessi della "Casa San Giuseppe", come si apprende da alcuni quotidiani locali, è stato aperto un fascicolo. Così Cirio sulla decisione di allungare i tempi delle restrizioni: "Io avrei proposto la data del 20 aprile, non dobbiamo abbassare la guardia"

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Piemonte 

Sui 21 morti su un totale di 87 anziani ospitati nella Rsa di Grugliasco "Casa San Giuseppe", come si apprende da alcuni quotidiani locali, la procura di Torino ha deciso di aprire un fascicolo. L'Asl To3: "La situazione della struttura è stata monitorata con regolarità dai servizi distrettuali, dal servizio di prevenzione e dagli organi di vigilanza fin dalla metà di marzo, all'insorgere di un caso di positività al Covid-19 fra gli operatori della struttura". Sempre in merito alle case di riposo, nel pomeriggio è stato annunciato l'avvio dello screening con il test sierologico per la ricerca del Coronavirus in tutte le 700 case di riposo del Piemonte. Il controllo a tappeto è stato deciso nei giorni scorsi dall'Unità di crisi regionale e riguarda tutti i dipendenti e gli ospiti. Nel frattempo nel Vercellese la guardia di finanza ha denunciato un imprenditore autore, secondo le accuse, di una truffa da oltre un milione di euro: vendeva online, a prezzi bassi, mascherine, termometri e igienizzanti ma, una volta ottenuto il pagamento, del materiale non c'era traccia. Oltre 250 le persone raggirate: medici, farmacisti, infermieri, associazioni di volontariato e persino due amministrazioni comunali, in Piemonte e in Basilicata. Il Comune di Santhià nel pomeriggio ha smentito il proprio coinvolgimento. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:02 - Seimila tamponi a operatori sanitari, 13% positivi

Sono 6.064 gli operatori sanitari del Piemonte già sottoposti al tampone diagnostico sul coronavirus covid-19. Tra questi, 811, il 13%, sono risultati positivi. Lo comunica l'assessorato regionale alla Sanità. Complessivamente, sono 55 mila i dipendenti della Sanità regionale, tra cui 34.800 operatori sanitari, per i quali l'Unità di crisi della Regione Piemonte ha chiesto l'effettuazione del tampone, "secondo un protocollo concordato con le associazioni sindacali e di categoria". Verranno sottoposti al test del tampone gli operatori sanitari e i tecnici della Regione Piemonte che presentano sintomi riconducibili al Covid-19 o che abbiano avuto contatti stretti con soggetti positivi e, in parallelo, anche tutti i medici di famiglia convenzionati che siano sintomatici. Analoghe disposizioni anche per gli operatori del 118.
"Il personale del Sistema sanitario regionale - osserva l'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Icardi - sta compiendo uno sforzo senza precedenti. Siamo riconoscenti e grati per il generoso impegno di medici, infermieri, tecnici e operatori sanitari nell'estenuante lotta quotidiana contro il virus. E' nostro dovere fare tutto quanto è nelle nostre possibilità per prenderci cura di chi si sta prendendo cura di tutti».

18:46 - Trecate, arrivate al cimitero altre cinque bare da Bergamo

Dopo la trentina di bare arrivate da Bergamo nei giorni scorsi al cimitero di Novara, altre cinque sono state trasportate oggi pomeriggio dalla città lombarda al camposanto di Trecate, in attesa di essere cremate. Scortate da una pattuglia dei carabinieri e dalla pattuglia motorizzata della Polizia locale, sono state accolte dal sindaco Federico Binatti, da altri amministratori e dalle forze dell'ordine. Le bare sono state benedette dal parroco don Ettore Maddalena. '' È stato un momento particolarmente commovente - commenta Binatti - perché, oltre a pensare alla sofferenza di queste persone, che vengono spesso a mancare in uno stato di completo isolamento e solitudine, tutti noi ci siamo immedesimati anche in quanto possono provare i familiari, impossibilitati a essere presenti''.

18:09 - Cirio: "Battaglia non è vinta, persone stiano a casa"

"Vedo troppa gente in giro - afferma il presidente del Piemonte, Alberto Cirio -, come se si fosse generata un'ingiustificata euforia dopo qualche segnale positivo emerso negli ultimi 2-3 giorni. Ma la battaglia è tutt'altro che vinta, quindi è più che mai necessario che tutti rispettino le regole e stiano in casa". Il governatore nel pomeriggio ha accolto all'aeroporto di Torino i primi medici giunti per rafforzare il personale sanitario nella regione. Con il contingente medico c'era il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia. "Ho visto persone girare con troppa serenità, questa cosa non va per niente bene".

18:03 - Avviato il test sierologico nelle case di riposo

È stato avviato lo screening con il test sierologico per la ricerca del Coronavirus in tutte le 700 case di riposo del Piemonte. Il controllo a tappeto è stato deciso nei giorni scorsi dall'Unità di crisi regionale e riguarda tutti i dipendenti e gli ospiti. Lo screening è stato concordato dopo l'incontro dell'assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, con le rappresentanze dei datori di lavoro delle case di riposo e delle rappresentanze sindacali dei lavoratori delle strutture. Dopo il test nelle prime due case di riposo, lo screening viene progressivamente attuato nelle case di riposo di tutte le otto province del Piemonte.
"I test sierologici - spiega l'assessore Icardi - offrono un primo screening rapido dell'infezione, in grado di identificare infezioni tardive, pregressi contatti col virus e avvenuto sviluppo di immunità e possono essere utili per confermare la possibilità di consentire il ritorno al lavoro del personale sanitario risultato negativo al tampone. In più permettono di raccogliere preziosi dati per le analisi epidemiologiche dell'avvenuto contatto col virus in ampie fasce di popolazione".

17:35 - Provincia di Asti dona a sindaci 10mila mascherine

La Provincia di Asti ha acquistato dieci mila mascherine chirurgiche da donare a tutti i sindaci dei 118 Comuni astigiani. Lo conferma il presidente Paolo Lanfranco. "Si tratta - afferma - di un'iniziativa del consigliere provinciale Ivan Ferrero: le mascherine sono destinate a completa discrezione dei sindaci per dipendenti, amministratori e addetti ai servizi comunali essenziali e a volontari che coadiuvano i Comuni nell'assistenza alla popolazione". Non sono destinate alla popolazione. La consegna sarà effettuata dai volontari del Coordinamento provinciale a partire da domani. "Un modesto apporto - aggiunge Lanfranco -, ma speriamo possa contribuire all'insostituibile impegno dei sindaci, le vere sentinelle del nostro territorio".

17:25 - Verbano-Cusio-Ossola, contestate 406 violazioni penali

Nel VCO, Verbano-Cusio-Ossola, dall'inizio delle emergenza Coronavirus le forze dell'ordine hanno controllato 11.052 persone. Sono state contestate 406 violazioni penali e 24 false autocertificazioni. Lo rende noto il prefetto, Alberto Sidoti, che si è anche interessato della questione trasporti, relativamente agli spostamenti dei lavoratori frontalieri. ''Abbiamo interessato l'agenzia della mobilità regionale e le società di trasporto che ci sono venute incontro - spiega il prefetto -. Nelle case di riposo della provincia la situazione è sotto controllo. Qualche caso di contagio c'è ma sono limitati''.

17:16 - Biella, parcheggi gratis sulle zone blu fino al 14 aprile

E' stata prorogata fino al 14 aprile la sosta gratuita nelle zone blu della città. Il sindaco di Biella Claudio Corradino e i gestori della Bi Park hanno prolungato l'accordo avviato il 17 marzo. «L'obiettivo - spiega Corradino - è quello di creare meno disagio possibile ai cittadini che potrebbero avere bisogno di parcheggi nelle vicinanze di casa".

17:09 - Torino, Palazzo Civico: "Rimane chiuso il mercato di Porta Palazzo"

Il mercato ortofrutticolo di Porta Palazzo non riapre ancora. La decisione è stata presa nel corso dell'incontro del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza nel quale è emerso, spiega una nota di Palazzo Civico, "che il progetto presentato dalla Commissione mercato di Porta Palazzo ha ancora degli aspetti da chiarire per quanto riguarda la garanzia del livello di sicurezza per gli ambulanti e per i clienti. Questo anche alla luce delle indicazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dove sono state prorogate tutte le misure di limitazione delle attività e sugli spostamenti fino al 13 aprile".
Nella nota si sottolinea inoltre che quest'area mercatale "è stata ed è una delle aree cittadine più importanti sotto l'aspetto commerciale e per l'indubbia valenza sociale. Anche per questo motivo l'amministrazione comunale nei prossimi giorni approfondirà con le parti interessate gli aspetti per migliorare la sicurezza del mercato nell'ottica di lavorare alla sua riapertura". Nei giorni scorsi la sindaca Chiara Appendino aveva sottolineato più volte che la riapertura del mercato all'aperto di Porta Palazzo avverrà solo quando potranno essere garantite tutte le misure di sicurezza. Resta sempre aperto il mercato IV Alimentare sotto la tettoia dell'orologio di Porta Palazzo.

16:35 - Torino, Sigit converte linee di produzione: farà mascherine e occhiali protettivi

La Sigit di Torino, azienda da 50 anni nell'industria di componenti plastici e in gomma per l'automotive e per gli elettrodomestici, con sedi in Europa e in Oman, ha avviato un progetto di riconversione di alcune linee di produzione in due suoi stabilimenti (Ancona e Perugia), per fabbricare dispositivi medici da offrire agli ospedali e a tutte le strutture che si occupano dl Coronavirus. L'azienda ha presentato all'interno del bando Cura Italia due progetti, uno per la produzione di mascherine chirurgiche ed il secondo per occhiali protettivi.

15:57 - Biella, camper del Fondo Edo Tempia farà tamponi a domicilio

L'unità mobile operativa del Fondo Edo Tempia entra nella squadra dell'Asl di Biella: da domani il camper percorrerà le strade della provincia per effettuare a domicilio i tamponi alle persone che presentano sintomi compatibili con il contagio da Coronavirus. I campioni saranno poi consegnati al laboratorio analisi dell'Ospedale degli Infermi per effettuare il test molecolare. L'iniziativa nasce grazie alla collaborazione della onlus, punto di riferimento nella prevenzione, cura e ricerca sul cancro, con l'Asl di Biella e consentirà di incrementare il numero dei controlli e di farli con più efficienza e celerità, tutto in piena sicurezza e sotto il coordinamento della stessa Asl.
"L'unità mobile - spiega il direttore sanitario Adriana Paduos - è già attrezzata per le nostre visite di diagnosi precoce sul territorio. Potremo eseguire il lavoro più velocemente rispetto a uno spostamento casa per casa in auto. La squadra opererà su due turni. I nomi e gli indirizzi delle persone da visitare saranno forniti dai medici competenti"

14:34 - Mondovì, falsi addetti comunali tentano truffe

Alcuni falsi addetti comunali hanno cercato di entrare nelle case degli abitanti di Mondovì, con la truffa della consegna delle mascherine. Il Comune di Mondovì ha invitato i concittadini a non farsi ingannare. «NON APRITE - l'appello a tutti i monregalesi -. Gli unici che effettuano la consegna per conto del Comune sono i volontari della Protezione Civile in divisa, che lasciano la mascherina nella buca delle lettere e non chiedono MAI di entrare in casa. Stiamo verificando la veridicità della segnalazione, ma si raccomanda comunque sempre la massima prudenza e di non aprire agli sconosciuti".

14:24 - Truffa mascherine 'fantasma', Comune Santhià: "Non siamo coinvolti"

Anche il Comune di Santhià si era rivolta all'imprenditore denunciato dalla guardia di finanza per la truffa delle mascherine 'fantasma', ma la richiesta di preventivo "non ha avuto alcun seguito". A precisarlo è il sindaco, Angelo Cappuccio: "Non abbiamo ottenuto alcuna fornitura da questa ditta e non abbiamo sostenuto alcuna spesa. In fase di valutazione dei preventivi - sottolinea Cappuccio - la Città di Santhià ha scelto di avvalersi di una ditta diversa, che si trova nel Biellese".

14:21 - Continua la sanificazione delle strade a Torino

Prosegue anche a Torino il piano di pulizia e igienizzazione delle strade cittadine. Gli interventi di Amiat coprono ogni settimana l'intero territorio comunale e la notte scorsa, fra le 22 e le 6, le autobotti sono intervenute sulla viabilità di alcuni quartieri delle circoscrizioni 1, 2, 3, 6, 7 e 8. Fra le zone interessate il Quadrilatero romano, la precollina, l'area al confine con Grugliasco, Vanchiglietta. "Un impegno aggiuntivo da parte dell'azienda incaricata dell'igiene stradale - sottolinea Palazzo Civico - a favore dei cittadini, un contributo utile per superare questa difficile fase della vita della città”.

13:33 - Al Piemonte 5,6 milioni per didattica a distanza

Ammontano a oltre 5,6 milioni di euro le risorse destinate alle scuole della Regione Piemonte per il potenziamento della didattica a distanza. Lo prevede il riparto degli 85 milioni stanziati dal governo col decreto Cura Italia. In particolare, 672mila euro sono destinati alle piattaforme e agli strumenti digitali, 4,6 milioni alla connettività di rete e ai dispositivi digitali e oltre 336 mila euro alla formazione del personale scolastico.

12:57 - Nuovi posti letto a Gattinara e Varallo

L'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha accolto la proposta di creare nuovi posti letto covid a Gattinara e Varallo (Vercelli), offerta dai rispettivi sindaci delle due cittadine, Daniele Baglione e Eraldo Botta, e dal sindaco di Borgosesia, Paolo Tiramani. Dieci posti letto supplementari verranno riconvertiti nella ex Casa della Salute di Varallo, altri dieci nel presidio sanitario di Gattinara. Gli amministratori avevano offerto un "pacchetto" di 75 posti complessivi nelle due strutture da destinare a pazienti colpiti da coronavirus. "Sono state anche avviate le assunzioni di personale extra per integrare la pianta organica esistente”, scrive Tiramani su Facebook.

12:41 - Governo invia i primi medici volontari a Torino

Un contingente di 21 medici volontari, messi a disposizione degli ospedali del territorio dal Governo, è in arrivo nel pomeriggio all'aeroporto di Torino. Ad accompagnarli il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia. L'arrivo all'aeroporto di Caselle è previsto alle ore 16. I 21 medici e il ministro Boccia saranno accolti dal presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, dal sindaco di Torino Chiara Appendino e dal prefetto di Torino Claudio Palomba. Per l'organizzazione l'immediata dell'operatività della squadra saranno presenti anche l'assessore alla Sanità della Regione
Piemonte, Luigi Icardi, e il commissario straordinario per il Coronavirus in Piemonte, Vincenzo Coccolo.

11:58 - A Torino stop della Ztl fino a 18 aprile

Oltre alla proroga della sospensione delle strisce blu, a Torino c'è stata anche la proroga per la sospensione della Ztl. Inoltre, è stata inoltre posticipata al 30 aprile 2020 la validità di tutti i permessi che autorizzano la circolazione in Ztl in scadenza o scaduti dallo scorso 13 marzo. Provvedimento dal quale sono esclusi i contrassegni europei per persone con disabilità rilasciati dalla Città di Torino in scadenza il 17 marzo 2020 e nei giorni successivi la cui validità, con una analoga misura, è stata differita al 31 agosto.

11:45 - A Torino procedura buoni spesa pronta nel weekend

Poco meno di un milione di euro per potenziare e sostenere la rete Torino Solidale e il resto per i buoni spesa. Saranno distribuiti così i 4,6 milioni destinati dal Governo al capoluogo piemontese per gli aiuti alle famiglie in difficoltà per l'acquisto di generi alimentari. La ripartizione dei fondi è stata illustrata in Commissione consiliare dall'assessora comunale al Welfare, Sonia Schellino. La procedura, ha sottolineato, "dovrebbe partire entro fine settimana".

11:13 – Grugliasco, 21 morti in Rsa: indaga la procura

"La situazione della Rsa Casa San Giuseppe di Grugliasco è stata monitorata con regolarità dai servizi distrettuali, dal servizio di prevenzione e dagli organi di vigilanza fin dalla metà di marzo, all'insorgere di un caso di positività al Covid-19 fra gli operatori della struttura". L'Asl To3 interviene così sul caso della casa di riposo in cui sono morti 21 degli 87 anziani ospitati. Si tratta di una struttura di natura privata, accreditata con il Servizio sanitario nazionale su cui, come anticipato sulle pagine locali di alcuni quotidiani, la procura di Torino ha aperto un fascicolo. L'Asl ricorda di "avere disposto l'isolamento del dipendente positivo e di tutti gli operatori venuti a contatto con il collega, ha raccomandato alla direzione della residenza di isolare gli ospiti del nucleo di cui si era occupato l'operatore, ha fornito indicazioni procedurali sulle precauzioni da adottare nella circostanza e, insieme al Comune di Grugliasco, si è adoperata per reperire risorse e nuovo personale da inserire nella struttura". I servizi dell'Asl, precisa ancora, "si sono mantenuti in costante contatto con la residenza, ricevendo rassicurazioni sulle condizioni sanitarie degli ospiti. Tuttavia, a seguito delle segnalazioni avvenute negli ultimi giorni da parte di familiari degli ospiti e da parte di cittadini, dato l'alto numero di decessi verificatisi e temendo dunque che la situazione all'interno della Rsa non fosse gestita in maniera adeguata, l'Asl To3 e il Comune di Grugliasco hanno richiesto con un esposto congiunto l'intervento del Nas di Torino, della Compagnia Carabinieri di Rivoli e della Stazione dei Carabinieri di Grugliasco".

10:51 – Allarme truffe nel Canavese

Allarme truffe in alcuni Comuni del Canavese. Alcuni malviventi si fingono agenti in borghese e fermano le persone con la scusa di far compilare l'autocertificazione con tutti i loro dati sensibili, compreso l'indirizzo della propria abitazione, ed è possibile che questi vengano usati per altre attività illecite. I carabinieri di Caluso (in provincia di Torino), grazie alle segnalazioni dei cittadini, hanno già attivato una serie di controlli per individuare i balordi. I sindaci di Mazzè, Vische e Caluso (tutti nel Torinese), con una nota rivolta a tutti i residenti, invitano a diffidare di persone in borghese e con auto anonime e ad informare immediatamente il 112.

8:15 - Mascherine "fantasma", scoperta truffa da un milione di euro

Vendeva online, a prezzi bassi, mascherine, termometri e igienizzanti ma, una volta ottenuto il pagamento, del materiale non c'era traccia. La guardia di finanza ha denunciato un imprenditore del Vercellese, stroncando una truffa da oltre un milione di euro. Oltre 250 le persone raggirate: medici, farmacisti, infermieri, associazioni di volontariato e persino due amministrazioni comunali, in Piemonte e in Basilicata. Il sito è stato sequestrato insieme a migliaia di file inerenti ai contatti commerciali e ai conti correnti personali dell’indagato. 

7:11 - Anche in Piemonte proroga delle misure fino al 13 aprile

Anche il Piemonte prorogherà fino al 13 aprile le misure regionali anti contagio. Lo annuncia in un video su Facebook il governatore Alberto Cirio. "Io avrei proposto la data del 20 aprile, che considero ancora un po' prematura - sostiene - perché non dobbiamo abbassare la guardia. Avete visto cosa succede a Hong Kong, avete visto cosa succede in Cina, si parla di contagio di ritorno. Se si abbassa la guardia si cade in una situazione poi davvero difficile da gestire. Già quello che stiamo vivendo è un incubo, una guerra, ma se abbiamo dei segnali positivi, e soprattutto se la ricetta adottata funziona, continuiamo ad adottarla".

7:08 - A Torino proroga al 18 aprile per la sospensione delle strisce blu

Il Comune di Torino ha prorogato fino al 18 aprile la sospensione del pagamento del parcheggio nelle zone blu. Si tratta della seconda proroga: il provvedimento, inizialmente previsto fino al 25 marzo, era stato esteso al 3 aprile.

7:04 - Val di Susa, positivo sindaco di Villar Focchiardo

Il sindaco di Villar Focchiardo, Emilio Chiaberto, è positivo al Coronavirus. Lo rende noto il vicesindaco, Eugenio Di Gaetano. Attualmente sono sei le persone positive nel paese di quasi duemila abitanti in Val di Susa, di cui due ricoverati in ospedale e quattro in isolamento domiciliare. "Le persone interessate sono seguite dal Servizio Sanitario e supportate dai volontari della Protezione civile", spiega il vicesindaco DI Gaetano.

Torino: I più letti