Asti, scoperto microcellulare nella cella di un detenuto

Piemonte

L'uomo, condannato all'ergastolo, aveva nascosto il telefono e una sim sotto il letto. A scoprirlo sono stati gli agenti della polizia penitenziaria

Sotto il letto, nella sua cella nel carcere di Asti, un ergastolano aveva nascosto un microcellulare con carta sim. A scoprirlo gli agenti della polizia penitenziaria che nei giorni scorsi hanno anche bloccato un pacco destinato a un altro detenuto con due micro telefonini.

L'Osapp: “Pochi gli agenti in serivzio”

A darne notizia è Leo Beneduci, Segretario generale Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria). "Da tempo - dice - denunciamo violente aggressioni, offese, sputi ai danni del personale di polizia penitenziaria e invece, proprio grazie all'attenzione degli agenti si è evitato che la Casa Reclusione di Asti diventasse un centro telefonico pubblico, chiaramente illecito. L'esiguo personale di polizia penitenziaria di Asti opera in carenza di organico e, nonostante ciò, i pochi agenti presenti hanno portato a termine il proprio lavoro con spirito di abnegazione e senso del dovere il proprio lavoro. Speriamo - conclude Beneduci - che il Ministro Bonafede e il Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria sappiano riconoscere a tutto il personale di polizia penitenziaria intervenuto la giusta ricompensa".

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.