Piazza San Carlo, 150 parti civile potrebbero uscire dal processo

Piemonte
Foto di archivio (ANSA)

Si è conclusa la trattativa con le assicurazioni del Comune e dell'Agenzia Turismo Torino, molte delle persone rimaste ferite nella sera del 3 giugno 2017 saranno risarcite e per questo lasceranno il dibattimento 

Sono circa 150 i feriti di piazza San Carlo che presto potrebbero lasciare il processo nato a seguito del tentativo di rapina che scatenò il panico tra le persone che assistevano alla finale di Champions tra Juventus e Real Madrid la sera del 3 giugno 2017. I feriti, che si sono costituti parti civile, sono stati risarciti o lo saranno a breve, si è infatti conclusa la trattativa con Reale Mutua e Unipol, assicurazioni di Comune di Torino e Agenzia Turismo Torino.

Il processo

A seguito del risarcimento le parti civile rimetteranno le querele e revocheranno la propria costituzione nel processo contro la sindaca Chiara Appendino, l'allora questore Angelo Sanna e altri 13 indagati per omicidio colposo, lesioni colpose aggravate e disastro. In totale si erano costituite circa 260 persone offese, ma dopo il risarcimento il loro numero è destinato a scendere sensibilmente, snellendo così il dibattimento. Il Gup Maria Francesca Abenavoli ha rinviato l'udienza al prossimo 22 novembre quando, se non ci saranno scelte di rito alternativi, il procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo discuterà la richiesta di rinvio a giudizio.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24