Segnalavano posti di blocco su WhatsApp, 23 denunciati nell’Astigiano

Piemonte
Foto di archivio (Getty Images)

Era stato creato un apposito gruppo che contava circa 300 membri dove veniva segnalato, in tempo reale, il luogo dove le pattuglie stavano effettuando i controlli 

Segnalavano su WhatsApp la presenza di posti di blocco e per farlo era stato creato un apposito gruppo, di cui facevano parte circa 300 membri. I carabinieri hanno denunciato 23 persone per interruzione di pubblico servizio in concorso. I membri del gruppo social erano tutti residenti nell’Astigiano e per la maggior parte di giovane età.

Chat per segnalare i controlli

Alla chat si poteva accedere esclusivamente su invito dei promotori e dei partecipanti già accreditati e l'obiettivo era di comunicare, in tempo reale, il luogo dove le pattuglie stavano effettuando i controlli. A far scattare gli accertamenti, che hanno portato alle denunce, è stato un membro del gruppo incriminato, che si è 'pentito' e ha informato i militari di quanto stava avvenendo.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24