Vendono ordigno bellico online, denunciati due ventenni nel Torinese

Piemonte

L'ordigno, una bomba della seconda guerra mondiale, era inerte. I due ventenni la vendevano online a 250 euro. Sono stati "agganciati" da un carabiniere che li ha poi denunciati

I carabinieri della tenenza di Settimo Torinese hanno denunciato due ventenni residenti in città per detenzione di munizioni da guerra.

L'annuncio online

I due giovani hanno usato il sito web "Shpock" per cercare di vendere a 250 euro una bomba d'aereo della seconda guerra mondiale, inerte. Nell'annuncio la bomba era descritta come "Artiglieria leggera della seconda guerra mondiale, pezzo d'antiquariato. Prezzo trattabile".

L'intervento dei carabinieri

L'annuncio è stato intercettato da un carabiniere di Settimo, che ha contattato i venditori fingendosi un acquirente interessato al prodotto. Concluso l'affare, il militare si è qualificato e ha denunciato i due autori della vendita. Uno di loro ha dichiarato di aver trovato la bomba nella cantina del nonno. La successiva perquisizione dei carabinieri ha permesso di trovare anche una munizione di artiglieria antiaerea da guerra tipo Bofors lunga 45 centimetri.

Torino: I più letti