Iran in piazza per Mahsa Amini, la protesta sfida la censura online. IL PODCAST

Tecnologia

Alberto GIuffrè

Le manifestazioni nel Paese si alimentano anche grazie alla Rete. Ma devono fare i conti con la repressione del regime che blocca i servizi online. ASCOLTA LA NUOVA PUNTATA

ascolta articolo

Tutto è iniziato il 16 settembre con l’uccisione di Mahsa Amini, ragazza di 22 anni. È morta a Teheran dopo essere stata fermata dalla polizia morale perché non portava il velo in modo corretto. Il caso ha dato il via una clamorosa ondata di proteste in Iran e in tutto il mondo. In Iran le proteste vengono represse dalle forze di sicurezza.  Proteste che vengono organizzate e rilanciate anche grazie alla Rete. Anche per questo il governo ha bloccato in alcune zone del Paese l’accesso a Instagram e WhatsApp. Blocchi che si aggiungono a quelli già esistenti a Facebook, Twitter e YouTube. Ne parliamo in questa puntata con Carola Frediani, autrice di Guerre di Rete

Come ascoltare 1234

approfondimento

I campionati europei di cybersecurity, l’Italia arriva quarta

Sul nostro sito

Su Spotify

Su Apple Podcast

Su Google Podcast

Su Spreaker

Tecnologia: I più letti