Il robot minimalista che suscita emozioni in modo intuitivo

Tecnologia

L’automa non ha sembianze umane e non emette alcuna voce o suono. È in grado di salutare le persone quando i suoi sensori captano la loro presenza, grazie al movimento di una piccola sfera che ruota attorno a un globo di maggiori dimensioni 

È stato sviluppato il primo robot minimalista che non ha sembianze umane e non emette alcuna voce o suono.
L’automa, simile per design a BB-8 di Star Wars, è stato ideato per fare compagnia alle persone e interagisce con l’essere umano in modo semplice e intuitivo.
Il progetto si deve a un team di ricercatori dell'Interdisciplinary Center Herzliya in Israele, e della statunitense Cornell University.
Il robot comprende una piccola sfera che ruota attorno a un globo più grande dalle dimensioni di un pallone da volley.
Il progetto fa da apripista per lo sviluppo di futuri nuovi robot astratti, ideati per allietare l'esistenza degli esseri umani, suscitando in loro emozioni e reazioni positive.

Il robot che saluta le persone senza emettere suoni

Il robot è in grado di salutare le persone quando i suoi sensori captano la loro presenza.
Le sfera più grande include due moderni motori che azionano e permettono il movimento della pallina più piccola. Grazie al supporto di esperti in animazione 3D, coreografi, burattinai e psicologi, i ricercatori hanno ideato e progettato otto differenti tipi di saluto, che il robot esegue grazie al movimento della piccola sfera, in grado di allontanarsi o avvicinarsi alle persone, scacciando la solitudine.

Test su 30 volontari

L’automa è stato successivamente testato su 30 volontari. È così emerso che le persone reagiscono positivamente all’avvicinamento della piccola sfera, ma al contrario interpretano negativamente il suo allontanamento. Se l’appropinquarsi della pallina viene associato a un saluto cordiale e positivo, il movimento nella direzione opposta provoca negli individui una sensazione di disagio.
Questo suggerisce che dei semplici movimenti sono in grado di influire sullo stato d’animo delle persone, evocando emozioni e sensazioni sia positive che negative. I risultati del test potrebbero dare il via allo sviluppo di nuovi robot semplici ed economici, in grado di interagire con l’essere umano, allietandone la giornata. 

Tecnologia: I più letti