MasterChef 9, l'ospite della puntata 5 è lo chef Lino Scarallo

Lo chef napoletano Lino Scarallo è l’ospite della quinta puntata di MasterChef Italia 9. Cosa riserverà ai concorrenti in gara? Lo scopriremo presto. MasterChef 2020 ti aspetta tutti i giovedì alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455.

MASTERCHEF 9: SCOPRI LO SPECIALE

Lino Scarallo, ospite d’onore a MasterChef

Lo chef napoletano sarà l’ospite d’eccezione della quinta puntata del talent culinario più amato e celebrato del piccolo schermo. Giovedì 16 gennaio alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455, lo Chef Scarallo saprà sorprendere i concorrenti che puntata dopo puntata, si sfidano per un unico obiettivo: l’ambito titolo di nono MasterChef italiano. Il maestro è pronto a far conoscere agli aspiranti chef alcune delle sue più raffinate ed eleganti creazioni, saprà dispensare i consigli giusti e non mancherà di essere d’esempio e di ispirazione per molti. Tra gli ingredienti indispensabili per fare questo mestiere, non dimentichiamolo mai, c’è lo spirito di sacrificio e l’abnegazione. Lino Scarallo non manca mai di ricordare che per arrivare in alto occorrono grandi sacrifici, mentre lui da ragazzo faceva la gavetta in cucina tra i fornelli, i suoi coetanei andavano a ballare in discoteca. Ma è proprio attraverso quelle rinunce che ha realizzato il suo sogno. Per seguire le sue aspirazioni, lo Chef si è spinto dal Rione Sanità in cui è nato e cresciuto, in giro per il mondo a fare esperienza, l’esperienza necessaria per raggiungere certi risultati, per diventare ciò che è, lo Chef grazie al quale la sua città, Napoli, conquista la sua prima stella Michelin. E’ il 2008 e stiamo parlando del ristorante Palazzo Petrucci, che nel 2016, cambia indirizzo e si trasferisce sulla spiaggia di Villa Donn'Anna a Posillipo, da un palazzo storico ad un altro, aprendosi cosi a nuovi traguardi.

Lino Scarallo, tra tradizione e innovazione

Classe 1973, Lino Scarallo inizia presto a inserirsi impara a tagliare le carni da suo padre macellaio (con lui impara a conoscere i tagli delle carni e i metodi di macellazione) mentre frequenta i suoi studi all’Istituto Alberghiero, successivamente alla sua formazione all’estero, tra Svizzera, Belgio e Austria, torna in patria e muove i suoi primi passi per diventando lo chef della Maschera di Avellino, è da questo momento che il giovane talento inizia a far parlare di sé. Oggi lo Chef napoletano è celebre per la maestria con cui fonde tradizione e innovazione rivisitando i piatti tipici rigorosamente con le materie prime del suo territorio. Non potrebbe essere altrimenti, Al centro della sua cucina c’è sempre il cliente.