Best Bakery 2, cosa è successo nella puntata 6

Dopo due episodi e 6 pasticcerie analizzate nella zona di Pavia e dintorni, i giudici Alessandro Servida e Andreas Acherer sono tornati nel capoluogo lombardo per scoprire altre 6 pasticcerie. Paulina pasticceria d’autore, detentrice del titolo di best bakery di Pavia e dintorni dal primo episodio, è riuscita a mantenerlo fino alla fine e rappresenterà la sua zona alla finalissima nazionale. L’appuntamento con Best Bakery è tutti i martedì con un doppio episodio alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455.

Best Bakery: vai allo Speciale

Si è conclusa l’analisi delle pasticcerie di Pavia e dintorni da parte dei giudici di Best Bakery Alessandro Servida e Andreas Acherer. Nel capoluogo lombardo i due grandi pasticceri hanno assaggiato i dolci delle 12 pasticcerie in gara, individuando la migliore in Paulina pasticceria d’autore, situata nel centro storico. Paulina, la titolare e pasticcera di origine messicana, con l’aiuto di Carola, propone dolci dai sapori esotici e insoliti. Sarà lei a rappresentare la sua zona alla finalissima nazionale. L’appuntamento con Best Bakery è tutti i martedì con un doppio episodio alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455.

Primo episodio

Nel primo episodio della sesta puntata di Best Bakery, ambientata a Pavia e dintorni, si sono affrontate tre colonne portanti della pasticceria pavese, che vantano nella loro offerta le ricette più tipiche del territorio.

I giudici hanno iniziato la loro esplorazione partendo dalla prova sulla prima impressione, ovvero la valutazione dei dolci che trovano e assaggiano in pasticceria, del locale e dell’accoglienza ricevuta. La prima ad entrare in scena è stata l’Antica pasticceria Casaschi, dove i giudici hanno assaggiato un bignè al limone e un Bacio di Pavia. È stata poi la volta della pasticceria Demetrio, dove i giudici hanno scelto di assaggiare una monoporzione tiramisù e un savarin bagnato al limoncello, con crema, panna e lamponi freschi. Infine, è arrivato il momento della pasticceria Colombo, dove i giudici hanno assaggiato un budino di riso, un guscio di pasta frolla con all’interno del riso cotto nel latte con uova e mandorle e una monoporzione costituita da una coulis di frutto della passione con un cremoso al cioccolato bianco sopra.

Dopo la prima prova è stato il momento per i concorrenti di preparare le proprie specialità. L’Antica pasticceria Casaschi ha preparato la Torta bacio, una torta che richiama i baci di Pavia, con un inserto a sorpresa, mentre la pasticceria Demetrio ha presentato la Torta paradiso, il dolce simbolo di Pavia. La pasticceria Colombo, invece, ha preparato la Torta del Bramante, fatta con farina di riso, che ha la forma della Torre del Bramante, situata vicino alla pasticceria.

Dopo questa seconda prova la classifica parziale si è rivelata essere: al primo posto la pasticceria Demetrio con 30 punti, al secondo posto la pasticceria Colombo con 26 punti e al terzo posto l’Antica pasticceria Casaschi con 24 punti.

È poi arrivato il momento del dolce della sfida, prova in cui i concorrenti hanno dovuto creare dei dolci che fossero uno strudel innovativo. L’Antica pasticceria Casaschi ha creato una torta costituita da una base biscotto con pinoli tostati, tritati insieme ai biscotti e a degli amaretti, con un inserto di mele, uvetta, brandy, burro, zucchero, cannella e noci tritate, rivestita da una mousse alla vaniglia. La pasticceria Demetrio ha presentato una torta composta da una base di sfoglia caramellata, impermeabilizzata con burro di cacao e cioccolato bianco, con un doppio strato di mele spadellate con burro, zucchero di canna, cannella, uvetta e pinoli. Infine, la pasticceria Colombo ha creato una torta fatta con un cremoso al cioccolato fondente, con del caramello e un inserto di mele caramellate con pinoli, mandorle, uvetta e cannella.

Alla fine della prova, il punteggio assegnato dai giudici per gli strudel innovativi, sommato ai voti precedenti, ha visto posizionarsi al primo posto la pasticceria Demetrio con 44 punti, al secondo posto l’Antica pasticceria Casaschi, con 42 punti e al terzo posto la pasticceria Colombo con 40 punti. Il punteggio totalizzato dalla pasticceria Demetrio non è bastato per superare quello di Paulina pasticceria d’autore, che con i suoi 45 punti ha mantenuto il titolo di best bakery di Pavia e dintorni.

Secondo episodio

Nel secondo episodio è stata la volta di tre pasticcerie che si trovano nella suggestiva cornice di Vigevano, a pochi chilometri da Pavia.

Come sempre, i giudici hanno iniziato con la prova sulla prima impressione partendo da Dolce positivo, dove i giudici hanno assaggiato una mignon a forma di cupola alla lavanda, glassata di fondente e un bignè con salmone, aceto balsamico e crescenza. È stata poi la volta di Pastiss, dove Alessandro Servida e Andreas Acherer hanno assaggiato la torta dedicata a Leonardo, creata con una lista della spesa trovata nel codice di Leonardo, con fichi, noci, mandorle e mela cotogna e un Paris brest con una namelaka al cioccolato al latte e stracchino. Infine, i giudici si sono recati a La dolce vita dove hanno assaggiato Torta dolce vita, costituita da una crema al limone con lamponi e pere frullate e la Torta duomo, con cannoncini intorno e scacchiera di crema pasticcera e panna montata sopra.

Le pasticcerie hanno ricevuto dei voti per le loro creazioni, ma anche per la bellezza del locale e per l’accoglienza riservata ai due giudici.

È stata poi la volta della prova dedicata alle specialità di ogni pasticceria. Dolce positivo ha preparato il Giardino positivo, con una mousse di rosa rugosa biologica. Pastiss ha proposto la Torta sottobosco, una torta della tradizione, molto semplice, mentre La dolce vita ha presentato la Dolcissima, una torta molto particolare, fatta con le cipolle.

A questo punto della sfida la classifica provvisoria era: al primo posto La dolce vita con 30 punti, al secondo posto Pastiss con 26 punti e al terzo posto Dolce positivo con 24 punti.

L’ultima prova è stata quella riguardante il dolce della sfida, per cui l’ingrediente segreto sono state le carote. Dolce positivo ha preparato una torta composta da una base di biscotto di farina di mais e da una carrot cake rivisitata con l’aggiunta della cannella e delle noci pecan. Patiss ha fatto una torta costituita da una frolla con le zeste di carote con una meringa anch’essa con le zeste di carota. Infine, La dolce vita ha fatto una carota semi candita abbinata a dello zenzero in polvere e una frolla con le mandorle.

Dopo aver assaggiato le torte delle tre pasticcerie in gara i giudici hanno assegnato i loro voti, che sommati a quelli ricevuti nelle prove precedenti hanno determinato la classifica finale: al primo posto si è posizionata La dolce vita con 44 punti e al secondo posto, parimerito, Dolce positivo e Pastiss con 38 punti. Il punteggio della pasticceria vincitrice non ha superato i 45 punti di Paulina pasticceria d’autore, che si è confermata best bakery di Pavia e dintorni e rappresenterà la sua zona alle finali nazionali.