Antonino Chef Academy, 5 cose da sapere su Castello dal Pozzo, la location del programma

Antonino Chef Academy, il nuovo talent culinario guidato dallo chef Antonino Cannavacciuolo ha preso il via e nella prima puntata abbiamo potuto osservare la meravigliosa location in cui è ambientato il programma. Si tratta del Castello Dal Pozzo, in provincia di Novara. Scopriamo le cinque curiosità che ancora non sai  

Scopri lo speciale di Antonino Chef Academy

1. È stato la dimora di importantissime famiglie

Il meraviglioso castello è stato la dimora dei Visconti, dei loro discendenti, gli Aragona e dei marchesi Dal Pozzo. Durante le due guerre mondiali è stato rifugio e abitazione per molte famiglie del posto e per un periodo, in seguito, è stato anche la sede della scuola locale. Dopodiché venne abbandonato diventando un rudere e solo nel 2010 è stato aperto al pubblico, dopo una ristrutturazione.

2. Il paese in cui si trova ha origini antichissime

Il Castello Dal Pozzo si trova a Oleggio Castello, in provincia di Novara, che fu fondato probabilmente dai Celti per essere poi conquistato dai Romani e successivamente dai Longobardi. È un borgo che si divide tra pianura e collina, situato vicino al lago e con le montagne alle spalle. Il suo nome deriva dal fatto che intorno all’anno 900 sul suo territorio era presente la Q.Legio, la quinta legione romana. L’equivoco che portò a leggere la q come una o creò il nome.

3. La struttura è in stile anglosassone

Il castello ha una fisionomia molto compatta, enfatizzata dalla spettacolare sistemazione paesaggistica. Infatti, un parco di 24 ettari lo circonda. Degni di nota sono il portico d’ingresso, la cappella con le vetrate istoriate delle finestrelle dell’abside e la torre quadrata di levante, ma anche quella piccola ottagonale che si trova sullo spigolo occidentale. Tutti elementi che rendono evidente lo stile anglosassone del castello, insieme ai cancelli in ferro battuto, che sono ripresi da modelli scozzesi. Non mancano inoltre alti rilievi incastonati nei muri esterni, stemmi e sculture di varia provenienza.

4. Ospita al suo interno un Resort a 5 stelle

Il castello ospita un resort che possiede 45 camere, tre ristoranti, bar, un’ampia piscina sulla terrazza panoramica e un immenso parco. Il luogo ideale per rilassarsi staccando dal quotidiano in una cornice che è l’unione perfetta tra eleganza storica e lusso moderno.

5. Pare che sia abitato da un fantasma

Ebbene si, pare che nel Castello Dal Pozzo ci sia un fantasma, nello specifico quello di Barbara Visconti, figlia di Alberto.

Nel 1467 le lotte per il potere tra il Ducato di Milano e quello di Savoia diventarono ancora più accese di quanto già non fossero, mietendo vittime che a volte non c’entravano niente con potere e ricchezze. Tra queste ci fu appunto Barbara. Tutto ebbe inizio quando al castello venne ospitato il capitano Matteo de Grandis, che era stato inviato da Galeazzo Maria Sforza, per fronteggiare i Savoia. Barbara e Matteo si innamorarono, ma la ragazza era già promessa ad un feudatario della zona e l’amore tra loro fu quindi travolgente, ma proibito.

Arrivò poi il giorno della partenza di Matteo e Barbara, nonostante il giovane le giurò fedeltà eterna cadde in una profonda depressione. Cercò di scappare per raggiungere il suo amato e il padre la rinchiuse nella torre più alta del castello per impedirne la fuga. Anche Galeazzo Maria Sforza fu mobilitato e inviò Matteo alla corte del re di Francia Luigi XI con l’intimazione di rimanere lì fino a nuovo ordine. Barbara non ne sapeva niente e attendeva il giovane capitano affacciata alla finestra, fino a che, dopo un lungo periodo passato sola e disperata, iniziò a rifiutare di nutrirsi lasciandosi morire. Pare che, ancora oggi, ai numerosi ospiti del castello capiti di sentire pianti e lamenti di una giovane fanciulla nel cuore della notte. Alcuni avrebbero addirittura avvistato un’ombra alla finestra della torre in cui era stata rinchiusa la giovane Barbara, che assomiglierebbe proprio a lei.