Italia’s Got Talent 2019: Alex e Alice sono il Golden Buzzer di Frank

Inserire immagine

Ecco tutto quello che è successo nella sesta puntata della quarta stagione di Italia's Got Talent . Cantanti, ballerini, maghi, mentalisti… Tutto il talento targato Belpaese si è sfidato a colpi di arte sul palco di IGT. E non solo artisti nostrani: tanti concorrenti stranieri hanno lasciato tutti a bocca aperta con performance strepitose. E finalmente Frank Matano ha schiacciato il suo Golden Buzzer. Il prossimo appuntamento ti aspetta venerdì alle ore 21.15 in prima visione assoluta su Sky Uno (canale 108) e sul digitale terrestre al canale 311 o 11.

Italia’s Got Talent 2019: Kika ipnotizza tutti nella quinta puntata Italia's Got Talent 2019: ecco i giudici

La sesta puntata della quarta stagione di Italia's Got Talent, in onda in prima visione su Sky Uno venerdì 22 febbraio, ce ne ha fatte vedere delle belle.
Talmente belle da strappare finalmente il tanto anelato Golden Buzzer a Frank Matano!
Ma andiamo con ordine, o meglio: in ordine di apparizione.

Emanuele Chiesa e Greta

4 sì per i due ballerini che hanno unito videoarte e danza in un’unica miscela esplosiva. Una coreografia caleidoscopica con tecnologia video, scatola sul palco, maschere di Arlecchino… Davvero da brividi e infatti la standing ovation di giuria e pubblico non si è fatta pregare, anzi!
“Mai visto una performance che unisse così bene visual e danza” ha detto Frank.
Anche Mara ha sottolineato proprio il lato innovativo dell’esibizione in cui “il ballo diventa una parte integrante della tecnologia”.

Marco Filocamo

Invece Marco Filocamo, ingegnere civile venticinquenne, si porta a casa 4 no. Le sue imitazioni di animali, dal fagiano al cane, non hanno convinto i giudici. Ma di certo hanno fatto divertire non poco il pubblico… “Stasera non farò l’ingegnere ma vi farò vedere qualcosa di stellare”, ha esordito Marco. E aveva ragione, concediamoglielo.

The Tri - Rexs

No, no, no e no anche per i Tri—Rexs, un gruppo di ragazzi travestiti da dinosauri che hanno inscenato alcuni siparietti domestici, cenetta romantica compresa. 4 no: per The Tri - Rexs IGT è ormai (prei)storia passata…

Alessandro Patané

Invece Alessandro Patané, designer specializzato in balloon project, ossia palloncini da gonfiare e annodare ad arte, va avanti a IGT. La sua arte originale e coloratissima si guadagna 4 sì, per amore dei bambini che guardano da casa e per i due bambini che guardano molto più da vicino: Frank e Claudio, considerati bambinoni dalla matriarca del banco dei giudici: Mara Maionchi, ovviamente!


Mauro Ardia alias Il Mago Triste

4 sì anche per Mauro Ardia alias Il Mago Triste, un esilarante illusionista che fa ridere proprio sfoderando una bacchetta magica che nessuno si immaginerebbe mai: la tristezza. Depresso, annoiato, stanco, Il Mago Triste sbadiglia, non parla, trascina i suoi piedoni e soprattutto fa numeri senza senso, totalmente privi della benché minima magia. Un contenitore per spaghetti, un canovaccio da cucina, un mazzo di carte, un bicchiere: ecco gli ingredienti per la ricetta pasticciona di questo mago che farà cadere a terra la pasta, mangerà un angolo della carta da gioco e, anziché fare sparire l’acqua dal bicchiere, semplicemente la berrà. Anche se di magia teoricamente non se n’è vista, Il Mago Triste ne ha fatta di certo una: si è guadagnato 4 sì grazie alla sua mancanza di magia e dinamismo! Il pubblico ha perfino invocato il Golden Buzzer. Ma per Frank non era ancora il momento…


The M

Un successone incredibile quello riscosso dai The M, un trio rock ’n’ roll davvero trascinante. Due sedicenni e un diciassettenne che, a dispetto della giovane età, hanno dimostrato una grinta pazzesca. La grinta degli adolescenti, appunto, fatta esplodere sul palco di IGT suonando e cantando Great Balls of Fire di Jerry Lee Lewis. Il pubblico non solo in standing ovation ma proprio scatenato a ballare! E a invocare il Golden Buzzer. Ma ancora non è arrivato il momento per Frank. Mara Maionchi, da buona produttrice e intenditrice di musica, ascoltando questo trio di giovani rocker ha detto: “Spero torni il rock ’n’ roll per svegliare le coscienze, spero che ci sia un cambio di rotta della musica”. Di certo i The M stanno seguendo proprio questa nuova direzione del vento.
Anche Bisio ha dato il suo beneplacito, nonostante i tre ragazzini siano dei capelloni fatti e finiti. “Odio tutti quei capelli, peraltro inutili”, ha detto Claudio rosicando.


Claudia e Pepita Fofi

Claudia e Pepita Fofi sono rispettivamente mamma cinquantenne e figlia tredicenne che hanno un rapporto così speciale da richiedere un linguaggio anch'esso speciale. Le due non parlano ma emettono suoni. Si tratta di un “rapporto affettivo musicale”, così l’ha definito mamma Claudia, aggiungendo: “Il nostro è un tipo di canto molto libero, un modo di comunicare con improvvisazione e suoni. Raramente usiamo le parole”. Nella curiosità generale, hanno dato il la alla loro esibizione. Lasciando tutti a bocca aperta: il duetto tra le due è stato davvero una comunicazione non verbale ma solo sonora. Finita la performance, i giudici gli hanno chiesto se potevano improvvisare un litigio e così hanno fatto, dimostrando ancora una volta un talento inimmaginabile. “Questo è un modo efficace per poter parlare con un’adolescente” ha detto la madre. E da parte sua la figlia Pepita può davvero dire alle amiche: “Mia mamma oggi me le ha cantate”.
4 sì meritatissimi!


Aurora Leone

Aurora Leone è una 19enne di Caserta che si è presentata sul palco di IGT perché voleva raccontare una storia che la riguarda, “un piccolo trauma vissuto da piccola”, ha aggiunto.
E ha incominciato a fare piangere il pubblico ma non certo per la tristezza: dal ridere! Aurora ha tirato fuori tutta la sua vis comica raccontando di quando da piccola in macchina lei e suo padre ascoltavano la musica e lui le propinava Guccini, De Gregori, De André... E poi, compiuti 7 anni, addirittura Claudio Lolli. “Neanche Claudio Lolli a 7 anni avrebbe ascoltato Claudio Lolli” ha detto tra le risate generali. E la performance si è conclusa con una confessione al papà, a bordo palco come accompagnatore: di nascosto Aurora ha incominciato ad ascoltare Tiziano Ferro. E parte quindi Perdono di Tiziano Ferro.
Federica Pellegrini ha elogiato i “tempi precisi e la bella presenza sul palco”, mentre Frank ha notato come Aurora sia riuscita a “gestire bene la tensione”.
Sì all’unanimità, da parte di tutti i giudici.


Ronny Accordino Crew

4 sonorissimi sì anche per la Ronny Accordino Crew, un gruppo di ballerini che si è esibito in una coreografia pazzesca in cui è stata ricreata una Ferrari da corsa in piena gara di Formula Uno attravesro i corpi dei componenti. Bravissimi e dotati di un talento pazzesco, la loro danza sincopata ha fatto breccia nei cuori di tutti.


Elettra Faldoni

Non è riuscita invece a passare Elettra Faldoni, una sedicenne molto promettente che ha presentato sul palco di IGT il suo talento come mentalista. Purtroppo però le hanno propinato la Pellegrini come tester e - ormai lo sappiamo bene - Federica è un osso duro per maghi, illusionisti e mentalisti… “Fede, tu sei la criptonite dei mentalisti” ha detto Matano. Purtroppo per Elettra, aveva ragione: il suo numero è stato impeccabile nella prova della città (ha chiesto a Federica di pensare intensamente al nome di una città che vorrebbe visitare) e in quella dell’oggetto che comprerebbe lì come souvenir: questa giovanissima mentalista ci ha preso alla grande! Però l’ultimo step, ossia quello di indovinare la carta scelta dalla Pellegrini dal mazzo, non è stato perfetto: 4 anziché 6 di cuori.
I due no (di Mara e di Bisio) non faranno procedere Elettra ma questa ragazza ha un talento tale che deve assolutamente proseguire con quella che sarà sicuramente una rosea carriera, quella di una delle rare mentaliste donne (sono quasi tutti uomini, come ha fatto notare giustamente Matano).
Dopo l’esibizione di Elettra, c’è stato poi l’appello a reti unite dei giudici: “Annuncio a tutti i mentalisti d’Italia, anzi del mondo: venite a Italia’s Got Talent per provare ad entrare nella mente di Federica!”


Mangusta

Anche se Mangusta si è portato a casa 2 no (di Mara e di Frank), ha fatto breccia nel cuore dei giudici e del pubblico. Questo 40enne dall’aspetto rock e dall’anima darkettona è in verità simpaticissimo e tutt'altro che dark. Si è presentato sul palco in versione sì total black ma con le ciabatte da mare. Un particolare non accessorio ma semmai parte integrante della sua performance, che infatti si intitola Acuti in ciabatte. A riscuotere molto successo anche la sua bellissima fidanzata, Elisa, invitata a salire sul palco da Mara. Un vero peccato non rivedere entrambi nelle prossime puntate!


Oniin/2

Oniin/2 è un gruppo coreografico composto da due ballerine, Maria Vittoria e Aurora, che si sono esibìte in un ballo speculare sulle note di Hotel Supramonte di De André. Un’esibizione da brivido sia per il talento tecnico delle due ragazze sia per il pathos. Una scatola di vetro che imprigionava una delle due ha comunicato bene il senso di claustrofobia e di prigionia, lo stesso che peraltro fa da fil rouge al celebre brano di De André in cui si parla del rapimento di lui e della moglie Dori Ghezzi.
4 sì alle bravissime ballerine di Oniin/2!


Franck Morais

4 no invece per Franck Morais, un francese di professione funzionario pubblico che adora la band The Giornalisti e infatti sulla voce di Tommaso Paradiso si è esibito in un ballo che però è risultato poco entusiasmante. “Sono innamorato dell’Italia, adoro l’italiano, gli italiani, il vostro cibo e le donne italiane”, ha detto ma ciò non è bastato a farlo approvare a pieni voti dalla giuria.
“Sarai un artista che sarà apprezzato postmortem” gli ha detto Frank, con una delle sue solite battute genialmente taglienti.


Meneo Kings

4 no anche per i Meneo Kings, un trio di ballerini che si è esibito a torso nudo per la gioia delle signore in sala e a casa. Ma le due signore sedute al banco dei giudici hanno detto no, come i due signori ovviamente.

Papà Boys

Non era serata per le boy-band di ballerini, ve lo possono confermare anche i Papà Boys. Questo gruppo di padri vestiti da Barbapapà, poi da poliziotti per rimanere infine in abiti succinti (o meglio: in grembiule con disegnati abiti succinti da donna) non hanno convinto i giudici. Anche se il nome è geniale...
4 no anche per loro.

Nik The King

4 no pure per Nik The King, uno spogliarellista che dopo essersi strappato i vestiti di dosso è rimasto solo con un paio di slip molto particolari: con la faccia di Claudio Bisio sul davanti mentre, dove non batte il sole, c’era quella di Frank Matano. Divertentissimo ma 4 no.


Emanuela Petroni

3 sì e 1 no (di Frank) per Emanuela Petroni, una ragazza curvy di Rieti che è salita sul palco di IGT perché vogliosa di “regalare un po’ di sorrisi”. E ne ha offerti eccome! Risate sonore più che sorrisi, ecco cosa ha scatenato nel pubblico la sua divertentissima e ironica performance danzante. Appositamente impacciata e buffa, ha trasformato uno spogliarello in un numero ironico e intelligente, prendendo come vittima del suo bondage Claudio.
“Sei una donna che mi ha riempito di speranza” ha detto Mara.

Cos-Mix

3 sì e un no (stavolta di Claudio) per le Cos-Mix, un gruppo di Idoll italiane. Le Idoll sono un fenomeno molto diffuso in Giappone: si tratta di ragazze che si uniscono per diventare una sorta di girl band in stile Spice Girls ma con spezie molto più orientali…
Conosciutesi online, le Cos-Mix hanno deciso di fare rete anche al di fuori del web e si sono tramutate in una crew di Idoll. Le rivedremo in azione.

Sergio e Natalia

Sergio è il figlio di una coppia di concorrenti della scorsa edizione di Italia’s Got Talent. I suoi genitori sono I Magici Borealis, la coppia magica composta da Natalia e Giuseppe che l’anno scorso ha fatto divertire tutti con i loro numeri pazzeschi da maghi da strapazzo. Quest’anno Natalia si è ripresentata in coppia con suo figlio, Sergio, lasciando Giuseppe a bordo palco come spettatore. Scatola magica, sparizioni, fuoco e pericolo gli ingredienti della ricetta magica!
Tre sì e un no (di Frank).

Alex e Alice

Il gran finale è stato quello di Alex e Alice. Un finale con il botto, in tutti i sensi… Alex Orlando e Alice D’Addario sono compagni sia d’arte sia di vita. Ballerini eccezionali come sono, il loro rapporto amoroso ha creato un’ulteriore intesa, facendola sfociare in un numero di danza davvero da pelle d’oca. Con i movimenti del corpo, hanno raccontato la storia di una coppia in crisi in maniera incredibile. E indicibile: nessuna descrizione verbale avrebbe potuto rendere ciò che i due hanno narrato muovendo il proprio corpo!
E finalmente è arrivato il tanto atteso Golden Buzzer di Frank! Era ora!

Il prossimo appuntamento ti aspetta venerdì alle ore 21.15 in prima visione assoluta su Sky Uno (canale 108) e sul digitale terrestre al canale 311 o 11.