Britannia stagione 2, la recensione del quinto episodio

Leggi la recensione del quinto episodio della seconda stagione di Britannia , in onda su Sky Atlantic ogni venerdì alle 21.15. - Britannia, stagione 2: il cast e i personaggi

Britannia 2, scopri tutto nello speciale sulla serie

Britannia, stagione 2, episodio 5: il recap

Il quinto episodio della seconda stagione di Britannia si apre con un sogno. Nei pressi di una cascata, Divis spiega a Cait che è arrivato il momento di affrontare la dea dell'acqua. Cait, però, gli si avvicina sempre di più e gli parla in maniera strana, ringraziandolo in maniera decisamente sentita. Troppo sentita. Gli si avvicina sempre di più e addirittura arriva a dargli un bacio...ma ecco che a questo punto il druido reietto si risveglia urlando: era un sogno! Scosso, Divis comincia a comportarsi diversamente con la Prescelta, tenendola alla larga. Da lì in avanti, Cait, nonostante le proteste, dormirà fuori: lui le costruirà un rifugio resistente alla pioggia, e lei avrà la possibilità di entrare maggiormente in contatto con la natura.

A Isca, la devota Regina Andra riceve la notizia dell'arrivo di sua sorella Amena, e non potrebbe essere più contenta! Dopo aver sacrificato una capra e aver ringraziato gli dei, le due passano un po' di tempo insieme da sole, e Amena ne approfitta per tentare di convincere Andra - che anni prima fu nominata da Veran custode del lago sacro - ad accettare il patto con Roma. Intanto, la zia delle due, Cara, avvisa l'anziana e non più lucidissima Regina Madre dell'arrivo di sua figlia. Una notizia che fa agitare la donna, che si mette a parlare con qualcuno: forse con lo spirito del defunto marito e Re?

Presso la stessa cascata del suo sogno, Divis parla a Cait della Prova dell'Acqua. Quando l'allieva gli chiede se stia bene, comincia ad agitarsi. Dopo un canto rituale e dopo il sacrificio di un pesce, le Prescelta è pronta. Il riparo "a prova di pioggia" viene costruito, ma quella notte piove, e ovviamente il riparo fa LETTERALMENTE acqua da tutte le parti. Zuppa e congelata, Cait entra nella caverna e si rifiuta di allontanarsi dal fuoco. Divis le ordina di andarsene, ma lei rimane lì. Poi, come se avesse un'illuminazione La Prescelta dice "Ah...capisco..." e poi chiede al suo mentore se sia mai stato sposato. Divis le risponde in malo modo, ma ammette di non essere mai stato con una donna. All'improvviso, il druido ha la sensazione che ci sia qualcosa fuori dalla caverna: devono andarsene, lì non sono più al sicuro.

Ovviamente quella di Divis non è solo una sensazione. In quella parte del bosco, infatti, si aggira Mallin, ora ribattezzato Love, il ragazzo che Harka tiene in pugno con chissà quale incantesimo. Poco prima abbiamo visto il Primo Uomo tatuare qualcosa su di lui e poi mettergli una catena attorno alla caviglia sinistra. Love è alla ricerca di Cait per conto di Harka, e a quanto pare l'ha trovata.

Andra chiede alla sorella cos'è successo a suo marito, e Amena le racconta della fuga di Phelan dopo la scelta di Veran di dichiarare Kerra e non lui Regina dei Cantiaci. L'amante e alleata di Plauzio continua dicendo che Kerra è morta perché ha fatto le scelte sbagliate, e che alla fine è stata lei a scegliere di stringere il patto con i Romani, che, stando a quanto dice lei, vogliono solo pace e cooperazione. Le parole di Amena sembrano fare presa su Andra, specialmente perché Amena sottolinea che quello è l'unico modo per mantenere vive le loro tradizioni, ma Cara, che sta origliando, non ha intenzione di consegnare il regno agli invasori stranieri, così chiama in gran segreto Veran.

L'arrivo del Secondo Uomo scompiglia i piani di Amena, che era quasi riuscita a raggiungere il suo obiettivo. Da Veran, Andra viene a sapere che l'Uomo Morto si è risvegliato e che è pronto a stringere un patto con Lokka, cioè con Aulo Plauzio e con i Romani, che agiscono per conto del demone. Rimasta sola nel salone principale e ormai ubriaca, Amena ha una visione: una giovane vestita di bianco. Con le lacrime agli occhi, si scusa con lei per chissà cosa, ma viene raggiunta e arrestata dalle guardie di Andra, che la sbattono in cella: sta lavorando per il nemico, e per questo motivo dovrà essere punita secondo il volere degli dei.

I Druidi ribelli raggiungono il capanno di Harka e gli dicono di essere pronti a battersi per lui. Ania rivede Phelan, completamente sotto il volere del Primo Uomo, che gli ha disegnato in fronte il suo simbolo, il serpente. Il padre di suo figlio non la riconosce, la supera senza neanche guardarla, e lei è alquanto turbata. Quando però Harka le chiede a chi sia fedele, Ania non esita un solo momento: a lui, soltanto a lui.

Davis prepara Cait per la Prova dell'Acqua. Le fa ingoiare un intruglio disgustoso che la fa svenire, poi la prende in braccio, recita una preghiera e la getta dalla cima della cascata. Cait, ingnara di tutto, finisce in acqua...e, proprio come previsto dalla Profezia, si trasforma in un pesce! Nel buio scova Love, incatenato a una roccia e in procinto di affogare. Tornata nella sua forma umana, la Prescelta riesce a liberarlo e a portarlo a riva, per lo stupore di Divis: un altro contrattempo proprio non ci voleva!

Britannia, stagione 2: il cast e i personaggi. FOTO

Britannia, stagione 2, episodio 5: la recensione

E' un episodio praticamente senza Romani il quinto di Britannia 2. Da una parte abbiamo Divis e Cait, dall'altra Amena e Andra. Sul sogno di Divis non ci soffermiamo troppo, un po' perché si tratta di qualcosa che proviene dall'inconscio e che è stato volutamente inserito per fini comici - i siparietti tra la Prescelta e il suo mentore sono sempre divertenti e contribuiscono ad alleggerire l'atmosfera -, un po' perché viene chiaramente spiegato come mai Divis sogna di essere baciato da Cait: perché non ha mai fatto determinate esperienze. 

Veniamo invece alla Prova dell'Acqua. A parte il terrificante volo che fa Cait, la cosa degna di nota è che, di nuovo, Britannia ci mette di fronte al suo lato più fantasy: veramente la Prescelta si è trasformata in un pesce?? O si tratta solo della messa in scena, che sceglie di mostrarci in maniera letterale ciò metaforicamente dice la Profezia? A ognuno la sua interpretazione, e va bene così. Viene finalmente messo in moto il piano di Harka, o quantomeno una parte del piano: cosa farà Love dopo che si sarà fatto trovare da Cait? Ci pare abbastanza evidente che l'intento del Primo Uomo è quello di mettere i bastoni tra le ruote del fratello traditore...ma come? 

Sempre più interessante il personaggio di Amena, che, a dispetto di ciò che sostiene Veran, un cuore ce l'ha, e batte per due cose: sua sorella e la vendetta. Resta da capire se la sua decisione di allearsi col nemico sia stata dettata interamente dall'ambizione o anche dal desiderio in qualche modo di salvare veramente la tribù di cui ora è sovrana. E' facile vedere la Regina dei Cantiaci una collaborazionista. E' meno facile, invece, vederla come una donna pragmatica che ha fatto esattamente ciò che doveva fare per sopravvivere e per evitare l'annichilimento della sua gente. E' in quest'ottica che Amena ha portato avanti il "lavoro sporco" per conto di Aulo Plauzio? Possibilissimo. Di sicuro, il tentativo di convincere Andra ad accettare il patto con Roma è dettato dal desiderio di salvare la vita alla sorella...e alla propria tribù d'origine, dunque in qualche modo anche alle sue radici. Ne sapremo di più col proseguire della stagione.