Muti: "Mi appello a Draghi perché riporti dignità al nostro Paese attraverso la cultura"

Musica
riccardo_muti

Il maestro Riccardo Muti si rivolge al premier incaricato e lo fa durante la presentazione (via streaming) di “Così fan tutte” di Mozart. L'opera è in cartellone online al Teatro Regio di Torino l’11 marzo, per la regia di Chiara Muti, sua figlia.

IL PENSIERO DI RICCARDO MUTI

"Mi appello al premier incaricato Draghi, che so essere una persona straordinaria, perché riporti dignità al nostro Paese attraverso la cultura". Così il maestro Riccardo Muti, presentando in streaming l'opera "Così fan tutte", regia di sua figlia Chiara, che andrà in scena online per il Teatro Regio di Torino l'11 marzo. "Credo sia il momento giusto per cambiare rotta - ha aggiunto siamo il Paese della cultura, ma con tanti, troppi teatri chiusi, per questo mi appello a Draghi.

Sono amico di Franceschini, non me la prendo con lui -ha precisato il Direttore d’orchestra - una persona da sola non può risolvere tutto, forse può fare da capro espiatorio. Più o meno tutti in questo Paese se ne sono fregati della cultura".

L'aneddoto

approfondimento

Muti :“Tornare in teatro dopo il lockdown è stata una grande emozione"

Muti: "Un politico italiano mentre ero a Chicago, un giorno, in una conferenza parlando di Michelangelo Buonarroti l'ha chiamato Michael Angel. Un episodio che la dice lunga".

Le parole della regista

approfondimento

Scala, con il "Così fan tutte" di Mozart torna in scena l'opera

Gli fa eco la figlia Chiara: “Non capisco perché non possano riaprire i teatri, luoghi nei quali si può garantire la sicurezza, misurare la temperatura e assicurare il distanziamento, di streaming non se ne può più. Per carità è uno strumento importante, che ci sta aiutando a mantenere un rapporto con il pubblico, ma vedere uno spettacolo non ha nulla a che fare con lo stare in teatro".  Ieri abbiamo fatto la prova generale, aggiunge Chiara Muti, e devo dire che farlo a teatro vuoto mi ha provocato smarrimento. Lo spettatore deve vibrare con gli artisti, deve poter applaudire dopo un'aria importante, invece ora quando questo avviene, nel teatro c’è silenzio. Terribile, spero davvero e con me tutto il mondo del teatro, che tutto questo possa finire presto".

  

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.