Sanremo 2020, chi è Francesco Mandelli che duetta con Paolo Jannacci

Sarà “Il Nongio” ad affiancare Paolo Jannacci in “Se me lo dicevi prima”, canzone di papà Enzo

Scopri tutto su Sanremo 2020: lo SPECIALE Festival di Sanremo, 69 edizioni in 69 foto: tutti i cantanti e i vincitori

Una coppia decisamente sui generis quella composta da Francesco Mandelli e Paolo Jannacci sul palco dell’Ariston nella serata dei duetti. Mandelli, per anni identificato col nomignolo di “Il Nongio” (abbreviativo di “Il Non-giovane”) è volto televisivo noto soprattutto per i suoi trascorsi a MTV, ma ha in realtà una carriera a tutto tondo che spazia dalla tv alla radio, dal cinema alle pubblicità passando anche per la letteratura e la musica.

La carriera di Francesco Mandelli

Classe 1979, sbarca giovanissimo a MTV negli anni d’oro nei quali l’emittente dedicata esclusivamente alla musica aveva avviato il suo canale italiano in chiaro. Era il 1998 e insieme ad Andrea Pezzi diventa uno degli idoli dei teenager di quegli anni con diversi programma dal taglio ironico e surreale. Il successo televisivo gli spalanca le porte del cinema, dove esordisce nel 1999 nel film “Tutti gli uomini del deficiente” di Paolo Costella. È l’inizio di una carriera cinematografica di tutto rispetto, che lo vede con ruoli secondari ma comunque importanti anche in pellicole di ottimo successo come “Manuale d’amore” e “Generazione 1000 euro”. Tra il 2009 e il 2012 passa anche al ruolo di autore e regista, oltre che di attore, di una delle sit-com di maggiore successo di quegli anni: “I soliti idioti”, nella quale duetta con Fabrizio Biggio. Nel corso degli anni ha sempre saltellato da un mezzo all’altro: dalle conduzioni radiofoniche alle comparse in vari film (“Pazze di me” di Fausto Brizzi, “Cops – una banda di poliziotti” e “Colpi di fortuna” di Neri Parenti giusto per citarne un paio) e pure in video musicali (è tra gli attori di “L’esercito dei selfie” di Takagi & Ketra), ma l’amore per la musica è il filo conduttore che orienta tutta la sua carriera.

La musica: dagli Orange a Sanremo

Il Nongio nasce come cantante e chitarrista degli Orange, band rock che dal 2000 al 2013 va su e giù per l’Italia a suonare fondamentalmente un punk-rock senza grandi fronzoli. Il gruppo pubblica due album, “Certosa” nel 2009 e “Rock Your Mocassins” nel 2011, entrambi senza grandi fortune a livello né di critica né di pubblico. Di fatto un divertissement per Mandelli e il suo compare (e batterista) Enrico Buttafuoco. Impossibile però imbrigliare un frullatore di idee come Mandelli all’interno di una sola band. E allora ecco ritrovarlo saltuariamente alla chitarra degli Hot Gossip, gruppo rock di lunghissima militanza nel sottobosco indie, e pure ad accompagnare in tournée il cantautore americano Adam Green, per il quale ha imbracciato la chitarra. A sorprendere tutti, però, fu la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2015 con il collega-amico Fabrizio Biggio. Non che sia stata una partecipazione degna di nota: i due finirono esclusi dalla finale insieme a Raf, Anna Tatangelo e Lara Fabian e il loro brano “Vita d’inferno” non è stato certo un successo nei mesi a venire. Cinque anni dopo quella esibizione, quindi, riecco Mandelli tornare sul palco di Sanremo, stavolta per affiancare il figlio d’arte Paolo Jannacci nella cover di papa Enzo “Se me lo dicevi prima”, brano che presentò all’Ariston nel 1989.