Pink Floyd, le canzoni più famose

Da "The Great gig in the Sky" a "Shine on you Crazy Diamond", le canzoni più famose dei Pink Floyd

Esce il 29 novembre “Pink Floyd The Later Years”, un cofanetto di 16 CD (5 CD, 6 Blu Ray, 5 DVD) che raccoglie il materiale creato da David Gilmour, Nick Mason e Richard Wright dal 1987 in poi. In quel lasso di tempo i Pink Floyd hanno pubblicato gli album 'A Momentary Lapse of Reason', 'The Division Bell', 'The Endless River' e i live 'Delicate Sound of Thunder' e 'Pulse'. Con una produzione aggiuntiva di David Gilmour ed Andy Jackson, più di 13 ore di audio e materiale audiovisivo inedito, inclusi i concerti di Venezia nel 1989 e Knebworth nel 1990. Un cofanetto imperdibile per gli appassionati che contiene tutti gli album remixati e aggiornati David Gilmour ed Andy Jackson. Rielaborando alcune parti di tastiera di Richard Wright e registrando nuove tracce di batteria con Nick Mason. Anche lo spettacolo 'Delicate Sound of Thunder', filmato al Nassau Coliseum a New York, è stato completamente rielaborato e sviluppato dai negativi originali di 35 mm da Aubrey 'Po' Powell e Benny Trickett. L'audio è stato remixato a 5.1. Il cofanetto include inoltre “Terminal Frost” e “Welcome To The Machine”, due tracce che non erano incluse nella pubblicazione originale del concerto. I 5 CD sono stati inseriti in un libro a copertina rigida di 40 pagine con una guida estesa di tutti i contenuti, tracklist e crediti. Per festeggiare l’arrivo di un progetto discografico così importante, diamo uno sguardo alle canzoni più famose dei Pink Floyd

  • The Great gig in the sky
  • High Hopes
  • Comfortably Numb
  • Another brick in the wall
  • Wish you were here
  • Shine on you crazy Diamond

The Great gig in the sky

“The Great gig in the sky” è la quinta traccia dell’album “The Dark Side of the Moon” ed è celebre in tutto il mondo perché costruita su un lungo assolo vocale della cantante Clare Torry. Secondo quanto raccontato dal gruppo, sono state realizzate una mezza dozzina di registrazioni prima di trovare la versione giusta. Il tema della canzone è la morte e infatti Roger Waters poneva spesso agli intervistati: "Hai paura della morte?" (lett. "Are you frightened of dying?"). Il brano è la naturale prosecuzione di “Time”

High Hopes

Chiude l’album “The Division Bell” e ha come tema la perdita e il ritrovamento della felicità. Al termine della traccia “High Hopes”, dopo circa venti secondi di silenzio, c’è un breve dialogo al telefono tra Steve O'Rourke, manager dei Pink Floyd, e Charlie, uno dei figli di David Gilmour, che allora aveva tre anni.

Comfortably Numb

Pubblicata nel 1979 dall’album “The Wall”, “Comfortably Numb” è stata votata nel 1989 come la più bella canzone della band, mentre nel 2004 lo stesso brano fu inserito alla posizione numero 314 nella Lista dei 500 migliori brani musicali secondo Rolling Stone. Il brano è anche stato usato nella colonna sonora del film “The Departed - Il bene e il male”.

Another brick in the wall

Uno dei più grandi successi commerciali dei Pink Floyd è “Another Brick in the Wall”, brano contenuto nell'undicesimo album in studio “The Wall”. Diviso in tre parti, la canzone è stata scritta da Roger Waters e presenta tematiche e strutture simili tra loro, se non uguali.

Wish you were here

Nel 1975 esce “Wish you were here” dedicata al fondatore ed ex frontman della band, Syd Barrett, allontanato dal gruppo nel 1968 a causa di seri problemi mentali causati dal continuo abuso di droghe. Inserito nella lista dei 500 migliori brani musicali, è caratterizzato dal riff principale è ideato da David Gilmour, mentre suonava la sua chitarra acustica negli Abbey Road Studios.

Shine on you crazy Diamond

“Shine On You Crazy Diamond” è stata scritta da David Gilmour, Roger Waters e Richard Wright nel 1974. La canzone è un omaggio all'ex componente della band Syd Barrett, che aveva lasciato il gruppo nel 1968. La sezione conclusiva della suite accenna la melodia di “See Emily Play”, uno dei brani pubblicati da Barrett con i Pink Floyd.