Bruce Springsteen, il nuovo album “Western Stars” esce il 14 giugno

bruce-springsteen
@Getty Images

Dopo i tre singoli, scocca finalmente l’ora dell’album, il primo di inediti dopo cinque anni

Esce venerdì 14 giugno “Western Stars”, l’attesissimo nuovo album da solista di Bruce Springsteen. Il diciannovesimo lavoro in studio per il Boss, il primo da cinque anni a questa parte (“High Hopes” è datato 2014) che stavolta non è accompagnato dalla fedelissima E Street Band, ma da una formazione composta da Ron Aniello (basso, tastiere), Patti Scialfa (voci e arrangiamenti vocali), Jon Brion (già Grammy per le colonne sonore dei film “Magnolia” e “Se mi lasci ti cancello”), David Sancious (ex E Street Band), Charles Giordano (tastierista e fisarmonicista) e Soozie Tyrell (violinista), questi ultimi due membri della E Street Band. Anticipato dalla pubblicazione di alcune foto enigmatiche sui profili social dell'artista che riproducevano panorami western, l'album era stato annunciato ufficialmente il 25 aprile sul sito ufficiale di Springsteen come un album che porta la sua musica in nuovi luoghi, prendendo ispirazione dai dischi di musica pop della California del Sud degli anni a cavallo tra gli anni sessanta e settanta. L’album è stato registrato in gran parte nello studio costruito dal Boss nella sua residenza in New Jersey, con alcune aggiunte incise tra la California e New York. Sono 13 le canzoni che compongono “Western Stars” e sono state tutte scritte da Springsteen. Questa la tracklist completa:

  1. Hitch Hikin’
  2. The Wayfarer
  3. Tucson Train
  4. Western Stars
  5. Sleepy Joe’s Café
  6. Drive Fast (The Stuntman)
  7. Chasin’ Wild Horses
  8. Sundown
  9. Somewhere North of Nashville
  10. Stones
  11. There Goes My Miracle
  12. Hello Sunshine
  13. Moonlight Motel

I singoli “Hello Sunshine”, “There Goes My Miracle” e “Tucson Train”

Il disco è stato finora anticipato dai tre singoli “Tucson Train”, lanciato con tanto di video lo scorso 30 maggio, “There Goes My Miracle” e “Hello Sunshine”. L’uscita di quest’ultima canzone è coincisa con l’annuncio dell’album. Arrivato a fine aprile, “Hello Sunshine” può essere considerato come una sorta di manifesto programmatico dell’intero lavoro, di cui racchiude il significato complessivo: quello della speranza. Con, a fare da sfondo, la strada. Il videoclip della canzone, caricato sul canale YouTube ufficiale del Boss, ha già abbondantemente superato i 2,5 milioni di visualizzazioni. Cifra pari a quella totalizzata dagli ascolti sulla piattaforma Spotify. Di “There Goes My Miracle” non esiste una clip ufficiale: il brano è visibile sul medesimo canale semplicemente nella forma di lyric video.

Il Boss a Roma nel 2020?

Con il nuovo album in arrivo, cresce anche l’attesa per tornare a vedere il Boss dal vivo sui palchi italiani. Non ci sono ancora certezze, ma era stato lo stesso Springsteen, qualche settimana fa, ad annunciare il suo ritorno a Roma nel 2020. Bruce Springsteen sarà nella capitale nell’ambito di un nuovo tour mondiale che il musicista starebbe mettendo a punto. Non c’è ancora né una data né una venue precisa, ma le parole riportate da Repubblica in una intervista lasciano pochi margini di dubbio. Se il concerto venisse confermato, per Springsteen sarebbe un ritorno a Roma quattro anni dopo il live del 16 luglio 2016 al Circo Massimo, che vide accorrere oltre 56 mila persone per quella unica tappa italiana del “The River Tour 2016”.