Cor Veleno: nel nuovo album Coez, Marracash, Gemitaiz e Giuliano Sangiorgi

Cor Veleno: nel nuovo album Coez, Marracash, Gemitaiz e Giuliano Sangiorgi
@Kikapress

Il 26 ottobre uscirà “Lo spirito che suona”, il disco dei Cor Veleno in omaggio a Primo Brown, scomparso due anni fa

Sarà un disco pieno di featuring “Lo spirito che suona”, il nuovo album dei Cor Veleno, in uscita il 26 ottobre per etichetta e distribuzione Artist First. Tanti ospiti con l’obiettivo di fare un lavoro per ricordare e omaggiare al meglio il rapper Primo Brown, storico “volto” e voce del gruppo, prematuramente scomparso il primo gennaio 2016, ad appena 39 anni. «Il filo conduttore che connette tutte le immagini di questo album è la magia. La magia della musica, che mostra la sua forza e dalla quale, tutti, non finiamo mai di imparare», hanno dichiarato i ragazzi del gruppo.

Tutte le collaborazioni de “Lo spirito che suona”

Tantissimi, dicevamo, gli artisti italiani che hanno deciso di rispondere “sì” alla proposta dei Cor Veleno di arricchire questo loro nuovo lavoro. Rappresentanti della musica contemporanea, rapper, ma non solo. Ci sono la chitarra e la voce di Adriano Viterbini dei Bud Spencer Blues Explosion in “Non costa niente”, in “Servono pietre” e in “Il nome del tuo esercito”. C’è Johnn Marsiglia in “Queste strade”, Madman in “Qualunque cosa accada”. Ci sono la voce di Giuliano Sangiorgi e la tromba, il flicorno soprano (ma anche gli arrangiamenti e la direzione dei fiati) di Roy Paci in “Niente in cambio”. C’è Mezzosangue in “Città di vetro” e c’è Marracash in “Pepita Bluemoon”. Troviamo Coez in “Conta su di me” e il frontman dei Negramaro Giuliano Sangiorgi in “Lo spirito che suona”. E poi, ancora Coez, questa volta insieme a Gemitaiz, per “Una rima, una jam”. Infine, Danno presta la sua voce in “A pieno titolo”.

«Non finiremo mai di ringraziare tutti gli artisti che hanno voluto rendere omaggio a Primo: Giuliano Sangiorgi, Roy Paci, Coez, Gemitaiz, Marracash, Mezzosangue, Marsiglia, MadMan, i Bud Spencer Blues Explosion e tutti quelli che, per ragioni varie, non hanno fatto in tempo. Il vostro affetto ci è arrivato lo stesso», hanno spiegato i Cor Veleno. «Adesso è il momento di celebrare ancora una volta lo Spirito che suona, la voce di chi è Primo a pieno titolo».

“Lo spirito che suona”, il nuovo album dei Cor Veleno

“Lo spirito che suona” è il sesto album di inediti dei Cor Veleno. Il primo dopo la scomparsa del frontman Primo Brown, la cui voce tuttavia è presente in alcune tracce del disco che erano state registrate prima della sua morte. L’uscita del disco è stata anticipata il 27 aprile dal singolo “Shut Tha Fuck Up” e dal video del brano “Tutta la vita”. Il disco si compone di diciassette tracce inedite La tracklist de “Lo spirito che suona”:

  1. L’antifona
  2. Non costa niente (feat. Adriano Viterbini)
  3. Servono pietre (feat. Adriano Viterbini)
  4. Queste Strade (feat. Johnny Marsiglia)
  5. Qualunque cosa accada (feat. Madman)
  6. Niente in cambio (feat. Giuliano Sangiorgi e Roy Paci)
  7. Sacrosanto
  8. Città di vetro (feat. Mezzosangue)
  9. Pepita Bluemoon (feat. Marracash)
  10. Rap Tha Casbah
  11. Il nome del tuo esercito
  12. Conta su di me (feat. Coez)
  13. Lo spirito che suona (feat. Giuliano Sangiorgi)
  14. Shut Tha Fuck Up
  15. Una rima, una jam (feat. Coez & Gemitaiz)
  16. Tutta la vita
  17. A pieno titolo (feat. Danno)

Il commento dei Cor Veleno

«Circa un anno fa, quando abbiamo iniziato a dare forma a questo nuovo disco, i nostri cuori erano colmi di sentimenti contrastanti: da una parte la voglia di fare sentire, ancora una volta il talento puro di Primo, dall’altra fare i conti con la sua assenza», ha spiegato la band parlando del disco. «Lo “Spirito che suona” del disco è, per certi aspetti, il suo ultimo abbraccio alla musica, alla quale nella sua breve vita, ha dato tantissimo. E fare vibrare di nuovo questo amore, è stata la nostra stella polare, la nostra missione, ogni attimo passato in studio. Un disco doloroso, nel senso più stretto del termine, ma allo stesso tempo più autentico per questo. Abbiamo messo tutto ciò che avevamo, giorno dopo giorno. Tutto quello che una vita passata insieme ha lasciato impresso dentro. Il risultato di questa storia è tra le vostre mani».