Bocelli all’Arena di Verona per aiutare i terremotati

Andrea Bocelli
@Kikapress

Andrea Bocelli mette in palio due biglietti per la sua esibizione all’Arena di Verona. Obiettivo: raccogliere fondi per ricostruire la scuola di Muccia

Andrea Bocelli e la sua Fondazione devono avere davvero a cuore le popolazioni terremotate del Centro Italia. Dopo aver ricostruito la scuola di Sarnano, danneggiata irrimediabilmente dal sisma del 2016, ora il tenore toscano si lancia in un’altra iniziativa: ristrutturare la scuola di Muccia, sempre nel Maceratese. Come? Mettendo in palio su Charity Stars due biglietti per “La Notte di Andrea Bocelli”, che si terrà all’Arena di Verona il prossimo 8 settembre.

Un evento straordinario, con il quale il maestro, premiato ai Global Awards 2018, corona venticinque anni di carriera portando lo spettatore a vivere la lirica con un’esperienza assolutamente particolare. Lo spettatore sarà guidato attraverso la musica e il racconto dei suoi libretti, interpretati dal tenore e dai suoi numerosi ospiti, con la partecipazione straordinaria di celebrità italiane e internazionali del mondo del cinema che introdurranno le celebri arie. Grandi voci ma anche artisti e personaggi dello spettacolo, del cinema, dello sport, coinvolti nei quadri musicali attraverso inediti e sorprendenti camei.

Come fare e cosa c’è in palio

Partecipare all’iniziativa benefica è molto semplice: basta accedere alla piattaforma online di Charity Stars, specializzata in aste e lotterie benefiche di cimeli ed oggetti appartenuti a personaggi famosi, e cercare la pagina relativa all’iniziativa “An evening with Andrea Bocelli in Verona”. Una volta dentro, si potrà scegliere la somma da donare: più la donazione è alta, maggiore è il numero di tickets che vengono elargiti. Una sorta di lotteria virtuale. C’è tempo fino al 25 agosto per partecipare, poi avverrà l’estrazione, con in palio un’esperienza tutta da gustare. Non si tratterà infatti solo dell’accesso alla serata-evento organizzata dalla Celebrity Fight Night insieme ad Andrea Bocelli Foundation e Mohammed Ali Parkinson Center. Ma di prendere parte all’aperitivo pre-concerto al Palazzo della Gran Guardia, di assistere allo spettacolo con posti vip, di incontrare il Maestro e di essere ospiti per due notti in un hotel a 4 stelle. Ci saranno però anche ulteriori premi per chi donerà cifre maggiori: videomessaggi personalizzati, t-shirt, cd e libri autografati, cartoline.

La lettera e il precedente a Sarnano

Bocelli ha firmato di suo pugno la lettera che compare sul sito Charity Stars per spiegare le motivazioni del gesto. «Il 95% degli edifici cittadini sono stati distrutti in quel terribile disastro – spiega il cantante – e oggi i residenti continuano a vivere in casette temporanee donate dalla Croce Rossa Italiana. Noi vogliamo dare una mano e, in particolare, vogliamo aiutare i bambini a tornare alla loro vita di tutti i giorni».

Il maestro si è dimostrato sin dai primi momenti molto sensibile alla tragedia che ha colpito Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio. Tramite la sua fondazione, non ci ha pensato troppo a mettere sul piatto soldi e progetti individuando nella scuola di Sarnano l’edificio ideale. L’inaugurazione del plesso, costruito a tempo di record (appena cinque mesi di lavoro) è avvenuta lo scorso maggio, con tanto di parata di vip con pochi precedenti per il paese di poco più di tremila anime ai piedi dei Monti Sibillini: oltre a Bocelli, c’erano Renato Zero e Sarah Ferguson, Maria Grazia Cucinotta e DJ Ringo. Un vero gioiello quello che Bocelli ha regalato alla città: una scuola totalmente antisismica, all’avanguardia sotto il profilo della tecnologia ma soprattutto un simbolo di rinascita.