Venezia 2019, l'hotel immaginario delle star del cinema: le loro stanze

Inserire immagine
Scarlett Johannson
@Getty Images

La storia della Mostra del Cinema di Venezia ha attraversato per decenni l'Hotel Des Bains, ora in fase di ristrutturazione. Noi abbiamo voluto creare stanze immaginarie, aspettando che riapra, dove alloggiare dieci figure simbolo del cinema mondiale, che in questo 2019 sono a Venezia fisicamente o solo sul grande schermo

Mostra del Cinema di Venezia 2019: programma, ospiti e notizie DIRETTA Venezia 2019, tutte le news

(@BassoFabrizio)

Il lato fantasy di Venezia. Al Lido c’è un hotel chiuso da anni, che è stato per decenni il cuore pulsante della Mostra del Cinema. E l'Hotel Des Bains, quello della Morte a Venezia di Thomas Mann. Si attende fiduciosi una riapertura. Ma essendo inquieti abbiamo deciso, io e alcuni amici e professionisti, di intrufolarci simbolicamente in quelle stanze e riarredarle, sempre simbolicamente, per Star presenti, anche solo in pellicola, a Venezia 2019. Mi hanno seguito in questo gioco di stile e architettura Omar Pedrini, che ha scelto per le dieci star identificate la colonna sonora; Ivano Ricchebono, chef stellato del ristorante The Cook di Genova, ha “cucinato” un piatto mirato per ciascuna; Francesca Zacco, wedding planner e organizzatrice di eventi a livello internazionale con la sua agenzia Swami, ha arredato la stanza; Alessio “Pibe Lini, che con un vino della sua azienda Lini910 è salito sul gradino più alto del podio di Wine Spectator, ha scelto che bottiglia per il brindisi; Elisa Arduini, personal shopper e creatrice di eventi consulente di Euthalia Fragrances, ha acquistato il pensiero che ognuno dovrebbe trovare in stanza. E ora entriamo al Des Bains, nelle stanze private di questi signori del cinema.

JULIETTE BINOCHE
Ambiente - Colori: bianco e lavanda, stile minimal, vasi di cristallo, forme squadrate, ortensie azzurre e bianche con lavanda essiccata. Testiera del letto in pelle bianca liscia.
Vino - Miraval, Muse 2018. Solo magnum per la bottiglia di Muse, rigorosamente fatta a mano. Il vino deI colleghi Brad Pitt e Angelina Jolie è il più apprezzato dal pubblico e dalla critica. Un vino perfetto per Juliette: francese, terribilmente francese, con quella nonchalance stropicciata e sofisticata solo francese. Un rosè cipriato, raro, prezioso, inebriante. Un aroma elegante ed intenso di frutti rossi e limone, un corpo delicato ed un'acidità rinfrescante.
Musica – Nick Cave
In stanza, il regalo – Euthalia Fragrances Jasmine and Berries. Una donna con un fascino che toglie il fiato, una donna sensoriale che ci ha fatto sognare e vivere il gusto di chocolat, come non regalare una fragranza per ambiente che appaghi il senso dell'olfatto con la passionalità dei frutti rossi, l'intensità  della cannella e l'eleganza del gelsomino, principali note olfattive del profumo che accompagnerà la sua presenza nella romantica Venezia.
Il piatto – Aglio, olio e peperoncino, cioccolato fondente e frutto della passione.


CATHERINE DENEUVE
Ambiente - Colori: dorato e corallo. Stile barocco, lampadari di cristallo, rose gialle. L’arredamento in legno massello ha rifiniture minuziose rifinite in oro, la testiera del letto è anch’essa in legno massello intarsiata.
Vino - L’Amarone Classico Riserva “Sergio Zenato” della cantina Zenato, una delle più solide realtà vitivinicole, apprezzata in tutto il mondo. Non si parla di un’attrice, e forse anche dire diva è riduttivo, perché Catherine ha mille vite, da musa di Buñuel a Potiche, vive un eterno rinnovamento nella sua arte, non ha tempo, ha una architettura classica, intramontabile. Questo vino è per lei: ha un profilo ricco, intenso. Il gusto è pieno, la forza alcolica è esuberante, il finale lungo, incantevole, leggermente ammandorlato.
Musica – Beatles.
Il regalo, in stanza – Una stola fatta di preziosa e rarissima stoffa dalla collezione storica del famoso negozio del Canal Grande Rubelli degna di una diva intramontabile come lei. Eleganza e carattere si compattano tra le trame della seta e i ricami impreziosiscono l'accessorio rendendolo unico solo se indossato con regalità e un portamento che solo una regina del cinema come lei possiede.
Il piatto – Foie gras, gambero di sanremo, mela della Val di Non e riduzione di Moscato d’Asti.

BRAD PITT
Ambiente
- Colori: tortora e verde militare; stile mix tra vintage e moderno. Lampadari in ottone dorato e nero, forme rotonde. Divani e letto in pelle scura. Profumo per ambiente al profumo di betulla e bacche di ginepro.
Vino - Volnay 1er cru Clos des Chênes Bouchard Père & Fils 2009. Brad da giovane cowboy è diventato un uomo elegante e Volnay è il villaggio della Borgogna che meglio lo rappresenta per il suo stile sobrio ma concentrato, che profuma di tannini vellutati e sentori di ciliegie e tartufo, una presenza che non passa inosservata, una tessitura ricca come un arazzo che scalda le pareti.
Musica – Bob Marley con Uprising
Il regalo, in stanza - Felpa e sneaker, un regalo sicuramente utile e apprezzato per un uomo che ha una estrema cura del proprio corpo, un fisico statuario sorprendente per i suoi 56 anni. Ma dietro il miracolo c'è sicuramente impegno e qualche corsetta tra i canali veneziani ( sperando che non sia assalito dalle fan) e quindi non facciamogli mancare il giusto equipaggiamento.
Il piatto – Trippa alla genovese con patata quarantina e fagioli.

SCARLETT JOAHNSSON
Ambiente
- Colori: bordeaux. L’elemento più particolare dell’ambiente è un chaise longue in velluto a sua volta bordeaux. La camera è inebriata da un profumo di rose rosse. Specchi dorati.
Vino - Lini910. Lambrusco Rosè. Una pin up a Venezia con un abito spumeggiante, e allora perché non pensare ad un "abito" su misura che si adatti per una notte sulla laguna? Il Lambrusco rosé Lini910 è il più premiato dalla critica internazionale (Miglior bollicina al mondo rapporto qualità-prezzo per Wine Spectator). Mi piace pensare Scarlett così, a degustare un vino rinfrescante, rosa intenso e vivacissimo, semplice e seducente, una bollicina assolutamente perfetta per una giovane donna che gioca e si diverte.
Musica - Red Hot Chili Peppers con Blood Sugar Sex Magik.
Il regalo, in stanza – Un anello con rubini, un regalo che rappresenta vivacità e forza di carattere. Il rubino è una pietra legata al sangue e alla sessualità: dà coraggio, autostima e vitalità poiché interagisce con il primo Chakra. Una pietra affine a Scarlett che lo indosserà con estrema disinvoltura in perfetta sintonia col red carpet del Festival del Cinema di Venezia.
Il piatto – Roast beef all’inglese con verdure grigliate, salsa al basilico dop e caprino fresco.

JOAQUIN PHOENIX
Ambiente
- Colore: blu cobalto. Lampade basse, luce soffusa. Tendaggi e tessuti bianchi con qualche sfumatura argento. Tappeti morbidi nelle diverse cromature del blu.
Vino - Joh. Jos. Prum Wehlener Sonnenuhr Riesling Kabinett Lange Goldkapsel, Mosel, Germania 2007. Ci vuole un vitigno elegante ma deciso, longevo e importante, complesso e non scontato. Il Riesling. Con la sua acidità e la sua texture sfida gli anni in bottiglia migliorando sempre di più e rilasciando importanti sentori terziari che gli danno una complessità quasi indimenticabile. Un vino per pochi, che matura e si espande nel tempo, mostrando lo spettro dei suoi profumi e dei suoi aromi.
Musica – Rolling Stones con Tattoo You
Il regalo, in stanza – Maschera veneziana del Jolly ovvero come non cedere alla tentazione di regalare la maschera del Jolly, proprio a lui che ha indossato quella di Joker  nel film di Todd Phillips presentato proprio a Venezia. Un joker affascinante, intrigante che sicuramente apprezzerà con ironia il gioco del doppio.
Il piatto – Fiorentina alla brace con verdure.

JUDE LAW
Ambiente - Colori: grigio e marrone. Stile moderno con qualche tocco di orientale. Tappeti orientali nelle tonalità del grigio fumo. Mobili marroni. Fragranza per ambiente al melograno.
Vino - Domaine Leflaive, Montrachet Grand Cru 2009. Probabilmente il più opulento, elegante e lussureggiante degli Chardonnay del mondo. Siamo in Borgogna, la patria per la produzione di eccellenze, e siamo nel Grand Cru Montrachet (Napoleone I faceva servire a tavola un solo vino, lo Chambertin). Il bouquet è denso, ricco di sentori che ricordano la pietra focaia, l'acidità dona struttura e potenziale invidiabili. Un vino baciato dalla natura, un gentleman che veste in Jermyn street, senza ostentazione.
Musica – Clash con London Calling
In stanza, il regalo - Le Scarpe rosse del Papa dopo La mini-serie The Young Pope e la presentazione, proprio a Venezia di The New Pope, incentrata sulla figura di un Papa immaginario, il primo pontefice di nazionalità italo-americana della storia, non poteva mancare un regalo elegante e simbolico come quello indossato dal protagonista della serie: una scarpa unica al mondo in pelle di color rosso, l’ opera dell’artigiano novarese Adriano Stefanelli, che fece diventare proverbiale l'affermazione di Papa Giovanni Paolo II: 'Sono dovuto diventare papa per indossare scarpe così belle'''. Classe ed eleganza fusi in un pezzo di storia dell'artigianato mode in Italy.
Il piatto – Fritto misto di pesce del golfo ligure.

SHARON STONE
Ambiente
- Colore: Dusty Cedar e bronzo. Cornici rotonde, specchi. Mobili bassi, tappeti morbidi e cuscini grandi. Tulipani bianchi e foglie dorate.
Vino - Lini910 metodo classico magnum, millesimato 2005, sboccatura 2015. Difficile racchiudere in una sola bottiglia l'essenza di una donna bellissima, charmante, intelligente, forte ed indipendente. Per questo ho pensato ad uno spumante brut, per esaltare l'anima del frutto senza "maschere" date dallo zucchero, solo Pinot Noir, perché la trama intensa ben si combina con la fibra di una donna di spessore come lei, un'annata eccezionale per Lini910, la 2005, da cui spiccano note intense di piccole bacche rosse e miele d'acacia, ed una sboccatura 2015, perché l'affinamento ossidativo ha aggiunto ancora più complessità e spessore. E ovviamente magnum, la misura perfetta per i migliori vini e, come piace a me, per prolungare la sera fino all’alba.
Musica – Pink Floyd con The Dark Side of the Moon.
Il regalo, in stanza - Mazzo di orchidee bianche con ingresso alla Spa dell'hotel. Una donna che gode di un profilo perfetto e sofisticato come un orchidea bianca, bianca come il vestito che indossava in Basic Instinct , film del 1992 diretto da Paul Verhoeven, che la resa il sex symbol più raffinato del pianeta. Così l'orchidea può essere associata a una donna così dannatamente bella e per mantenere intatta questa sua bellezza non può mancare una visita alla Spa dell'Hotel.
Il piatto – Minestra di verdure con pesto al mortaio.

MICK JAGGER
Ambiente
- Colori: bianco, nero e rosso. Mobili laccati bianchi. Complementi d’arredo neri, quadri e tapperi in cui il colore predominante è il rosso.
Vino - Lini910 metodo classico 2015 magnum, sboccatura recentissima. Non poteva che essere un blanc de noir, in cui la struttura del Pinot Noir esalta l'anima rock ed una naturale eleganza da palcoscenico. Perché la sboccatura recentissima? Perché nonostante il tempo passi, su Mick si notano i segni di una complessa energia e freschezza e si dimentica l'età. Un vino concentrato che regala note di miele d'acacia e arancia, un'acidità vivida per un corpo pieno ed un perlage elegantissimo.
Musica – Vinicio Capossela.
In stanza, il regalo – Una caricatura, un regalo ironico che può cogliere le parti più nascoste di una personalità così complessa: così immenso sul palcoscenico può diventare una chiave di lettura diversa, una caricatura che sottolinia i lati più rock dell'inimitabile e intramontabile frontman dei Rolling Stones.
Il piatto – Fegato alla veneziana.

LIV TYLER
Ambiente
- Colori: verde e rosa. Un ambiente fresco e profumato. Peonie in ogni vaso, tendaggi nelle tonalità pastello del rosa e del verde. Divani e poltrone rotonde di velluto liscio.
Vino - Lini910 Pas Dosè, millesimato 2013. La complessità e, allo stesso tempo la beva facile e intrigante di questo vino sono date dalla sola essenza di Pinot Noir e da oltre cinque anni sui lieviti. A diciannove anni Liv ballava da sola seducendo per la sua sola essenza che scaturiva dall’irresistibile forza della giovinezza. Ora, ancora più strutturata e complessa, guadagna l'intensità dell'estate e la luce struggente di settembre.
Musica – Ultimo
In stanza, il regalo - Libro Donne che corrono con i Lupi di Clarissa PinKola Estés. Una donna che ha lavorato molto su se stessa con il film Io ballo da sola  del 1996 diretto da Bernardo Bertolucci, una sorta di iniziazione della protagonista che in una sola estate nelle campagne senesi passa da adolescente a donna; il libro può essere regalato come invito a proseguire la sua  "crescita" di donna quarantenne che può assaporare ogni pagina come la protagonista Lucy ha assaporato ogni nota  musicale con la sua danza.
Il piatto – Spaghetti alla carbonara

JOHNNY DEPP
Ambiente
- Colore: vinaccio; elemento chiave il pavimento barrique, ultimo trend 2019. Si tratta di un pavimento in legno che richiama le venature delle botti consumate dal vino. Sedie in ferro, divani e poltrone di pelle champagne. Illuminazione soffusa.
Vino - Lini910 Spumante Rosso, metodo classico millesimato 2005. Un lambrusco dal colore rubino a tratti impenetrabile, come la personalità di Johnny. Un vino complesso e ricercato, frutto del savoir-faire di Lini910 che ha pensato di declinare un vitigno conviviale come il Lambrusco in un metodo classico che spende molti anni sui lieviti, regalando un perlage finissimo e perfettamente integrato, un'acidità rinfrescante e un aroma complesso di frutta matura, brioche e erbe officinali. Creativo, misterioso, poliedrico, guascone.
Musica – Manu Chao con Clandestino
Il regalo, in stanza – Papillon di legno artigianale: lui è un pirata gentiluomo, poliedrico, camaleontico, il termine affascinante non può  rendergli giustizia, allora uniamo la sofisticatezza dell'accessorio che rende più elegante e affascinante un uomo insieme alla camicia bianca: il papillon ok ma cambiamone la struttura e invece del tessuto optiamo per un originale papillon di legno dalle finiture arrotondate con una lavorazione artigianale maniacale da renderlo assolutamente adeguato alla sua strabiliante personalità. E chissà se lo indosserà con il suo gilet sfoggiato nel famoso Chocolat  di Lasse Hallström.
Il piatto – Pizza 4 stagioni.