Clusterf**k: Woodstock '99, cosa sapere sul documentario Netflix in uscita oggi

Cinema
©Getty

Da mercoledì 3 agosto è possibile vedere su Netflix Clusterf**k: Woodstock ‘99, documentario sul trentennale della “tre giorni di pace e musica rock” dal 15 al 18 agosto 1969. Una commemorazione finita in modo drammatico con scontri e violenze

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

Dal 15 agosto al 18 agosto 1969 si è tenuto il Festival di Woodstock a Bethel, piccola città nello stato di New York negli Stati Uniti d’America, un evento che viene ricordato ancor oggi come il raduno più importante della storia per quanto concerne la musica. Woodstock fu organizzato all’apice della cultura hippie e ci si riferisce a questi tre giorni con l’espressione “Three Days of Peace & Rock Music”, cioè “tre giorni di pace e musica rock”. Secondo le informazioni del tempo, in 72 ore furono stimate circa 500.000 persone. Per commemorare i 30 anni dal raduno, nel 1999 si tenne una manifestazione speciale chiamata Woodstock ‘99 che però ebbe risvolti quasi drammatici.

Woodstock ‘99, il trailer

approfondimento

Woodstock 1969-2020: i 51 anni del festival simbolo del Novecento

A partire da mercoledì 3 agosto è disponibile su Netflix il documentario intitolato Clusterf**k: Woodstock ‘99, che riguarda proprio il grande evento che si è svolto dal 23 luglio al 25 luglio 1999 a Rome, cittadina nello stato di New York. Quello che sarebbe dovuta essere una grande manifestazione per celebrare i 30 anni da Woodstock, in realtà, divenne una tre giorni di scontri, violenze e caos più totale. Sui canali ufficiali social, Netflix ha diffuso il trailer del documentario dalla durata di poco più di 2 minuti. Il video parte con le immagini festanti delle persone radunatesi per cantare insieme ai loro idoli, ma improvvisamente lo scenario cambia e vengono mostrate scene di inaudita violenza, con incendi, lotte tra persone e un paesaggio completamente distrutto. Nel corso del documentario, sono previste le testimonianze oculari di alcuni protagonisti come addetti alla sicurezza, organizzatori e cantanti, tutti estremamente scossi nel ricordare l’evento che viene definito come un “inferno”.

Woodstock ‘69 e Woodstock ‘99: i partecipanti

approfondimento

Il trailer della docu-serie su Woodstock ’99, il festival da incubo

Nel 1969 tra le personalità musicali che intrattennero il pubblico presente ci furono i The Who e Jimi Hendrix. Oltre a loro, citiamo anche Santana, Joe Cocker, Joan Baez, Janis Joplin & The Kozmic Blues Band e Sha-Na-Na. In realtà, anche altre band e cantanti famosi erano in trattativa per suonare a Woodstock come i Rolling Stone, i Beatles, i Led Zeppelin, Eric Clapton e Bob Dylan, ma tutti questi rifiutarono per motivi differenti. Nel 1999, invece, tra gli artisti che parteciparono al trentennale ricordiamo i Red Hot Chili Peppers, Alanis Morissette, i Metallica, i Limp Bizkit, i Korn, i Rage Against the Machine e gli Offspring.

Spettacolo: Per te