Frank Miller ha venduto un NFT di Sin City a 840.000 dollari. Ecco l'opera all'asta

Cinema

Camilla Sernagiotto

©Getty

Il fumettista, sceneggiatore e regista statunitense ha messo all’incanto un NFT legato a Sin City, battuto a una cifra record. Si tratta del prezzo più alto pagato per acquistare un NFT legato a un fumetto. Il titolo del token non fungibile  è “I Love You, Nancy Callahan”. “Una cosa che non puoi ottenere facendo fumetti è la tridimensionalità, ed è un qualcosa a cui  aspiri quando disegni. Vedere un’immagine che si muove così come accade in questo NFT è davvero fantastico”, ha dichiarato Miller

Frank Miller ha venduto un NFT legato a “Sin City” alla cifra record di 840.000 dollari. Si tratta del prezzo più alto che mai è stato pagato per acquistare un token non fungibile legato a un fumetto.

Il titolo di questo NFT che il mitico fumettista, sceneggiatore e regista statunitense ha messo all’asta è “I Love You, Nancy Callahan”. Alla fine di questo articolo vi mostriamo l'immagine che è stata venduta.

“Sono contento che i miei fan siano entrati a far parte di questo nuovo mondo. Una cosa che non puoi ottenere facendo fumetti è la tridimensionalità, ed è un qualcosa a cui  aspiri quando disegni. E vedere un’immagine che si muove così come accade nell’NFT di ‘I Love You, Nancy Callahan’ è davvero fantastico”, ha dichiarato Frank Miller dopo aver appreso il risultato dell'incanto.

L’immagine in movimento in questione è tratta dalla storia contenuta nel quarto volume di Sin City, quello dal titolo “Volume 4: That Yellow Bastard”.
Il popolare fumetto è stato adattato nel film del 2005 in cui a interpretare Nancy Callahan c’era l’attrice Jessica Alba.

Sin City

approfondimento

Cursed, poster e prime foto della serie TV di Frank Miller

Sin City è una serie di storie a fumetti di genere noir firmate Frank Miller. La fortunata serie è stata pubblicata negli Stati Uniti d'America dalla Dark Horse.

 

Tutte le storie hanno come scenario Basin City, città nota anche con il nome di quel Sin City messo a titolo.
Nonostante ogni storia risulti indipendente, sono presenti personaggi ricorrenti e intrecci tra le tante trame raccontate.
Dalle storie della serie di fumetti sono stati tratti due adattamenti cinematografici: “Sin City” (2005) e “Sin City - Una donna per cui uccidere” (2013).

 

La serie di fumetti di Frank Miller è un vero e proprio cult. È raccolta in seguito in volumi antologici e ha ricevuto svariati riconoscimenti, ad esempio i prestigiosi Eisner Award e Harvey Award.

I film

approfondimento

All'asta per beneficenza opere NFT ispirate a Freddie Mercury

Il film più famoso tratto dalla serie di fumetti è quello del 2005 (non che il secondo non lo sia, ve ne parliamo alla fine di questo paragrafo), scritto e diretto da Robert Rodriguez, Frank Miller e Quentin Tarantino (special guest director in una parte dell'episodio Un'abbuffata di morte).

 

La pellicola “Sin City” è tripartita: racconta tre storie dell'opera originale di Miller, rispettivamente Un duro addio, Quel bastardo giallo e Un'abbuffata di morte.

All'inizio e alla fine del film ci sono anche citazioni a quella parte che nel fumetto corrisponde a Il cliente ha sempre ragione. Proprio in questo film, nella parte intitolata Quel bastardo giallo, si trova il personaggio di Nancy Callahan, la bellissima protagonista del non-fungible token dei record battuto all’asta per 840.000 dollari. 

 

Il secondo film tratto dal fumetto è “Sin City - Una donna per cui uccidere” (Sin City: A Dame to Kill For), diretto nel 2014 da Frank Miller e Robert Rodriguez.

 

Si tratta dell’adattamento cinematografico della graphic novel Una donna per cui uccidere e del racconto Un sabato notte come tanti di Frank Miller. È il sequel/prequel del film del 2005 e stavolta presenta una struttura non più tripartita bensì quadripartita.

Dei quattro episodi presenti nella pellicola, due (Quella lunga, brutta notte e La grossa sconfitta), sono stati appositamente scritti per il film, senza essere stati tratti da nessuno dei fumetti di Sin City.

NFT, cosa sono

approfondimento

Il creatore di Rick and Morty, farà una serie tv animata in blockchain

Ormai è sulla bocca di tutti: NFT è l’acronimo che sta per non-fungible token.

Si tratta di oggetti virtuali non divisibili che possono avere solamente un rapporto univoco con l'opera a cui si riferiscono.
Il non-fungible token è una prova inconfutabile della transazione avvenuta, tuttavia il bene di scambio (l'opera) dipende dall'opera stessa e dall'artista che l'ha creata.
Per esempio alcuni criptoartisti (gli esponenti della cosiddetta cryptoart, termine con cui si identificano due cose diverse: l'arte che ha per tema il mondo delle criptovalute e l’arte crittografica. Quest'ultima è quella che genera opere digitali oppure digitalizzate che vengono pubblicate su una blockchain) fanno uscire una limited edition di copie di un'opera e decidono di vendere un NFT per ciascuna delle copie.

 

Tuttavia la proprietà di un NFT non è associata al copyright, nel senso che lo acquista possiede sì l'opera però non detiene il diritto di riprodurla o di rivenderne i diritti per uso commerciale.
Tutti questi sono aspetti legali, giuridici e finanziari che ancora non hanno una definizione precisa, trattandosi di un campo nuovo ancora poco esplorato (sia a livello artistico sia a livello legale). Ciascuno Stato è al lavoro per studiare nuove normative che possano regolamentare l'uso e lo scambio di queste opere.

 

Di certo per Frank Miller si tratta di un bel "colpo": la sua opera appena battuta per la cifra esorbitante di 840.000 dollari è un record assoluto.
 
Ecco l’immagine di ciò che è stata venduto da Miller, l’NFT di Sin City intitolato “I Love You, Nancy Callahan”.

sin city

Spettacolo: Per te