Zlatan, trailer italiano del biopic su Zlatan Ibrahimovic in arrivo l’11 novembre

Cinema

Il film arriverà al cinema l’11 novembre. Anteprima mondiale per l’Italia, Paese che ha consacrato la leggenda di Zlatan Ibrahimovic

Il 3 ottobre 2021 Zlatan Ibrahimovic ha festeggiato 40 anni. Una vera e propria leggenda del calcio moderno, ancora in grado di dare spettacolo con la maglia del Milan. Lucky Red ha scelto proprio questa giornata speciale per rilasciare il trailer ufficiale in italiano del film a lui dedicato, dal titolo “Zlatan”. Una pellicola particolarmente attesa da tutti gli amanti del mondo del calcio. Un’analisi della vita di questo campione senza tempo. 

Zlatan
@B-Reel Films

approfondimento

Tutti i look di Zlatan Ibrahimovic al Festival di Sanremo 2021. FOTO

Tante le maglie vestite in carriera e decenni trascorsi a rappresentare uno dei principali incubi dei portieri e dei difensori in Europa e non solo. C’è tanto da raccontare in questa pellicola, che farà il proprio esordio in Italia l’11 novembre 2021, in anticipo rispetto alla distribuzione prevista nel resto del mondo. È infatti innegabile che il rapporto di Zlatan Ibrahimovic con l’Italia e dunque la serie A sia speciale. Negli anni ha vestito le casacche di Juventus, Inter e Milan, vincendo e stupendo. Il suo cammino, però, non si è ancora concluso e promette di regalare ancora gioie ai suoi tifosi.

La carriera di Ibrahimovic

approfondimento

Ibra si dà al cinema: reciterà nel prossimo film di Asterix e Obelix

Il talento di Zlatan Ibrahimovic è stato evidente fin dai tempi dell’Ajax, prima grande squadra ad aver puntato su di lui dopo gli anni al Malmo. Ha trascorso lì le stagioni dal 2001 al 2004, fino a essere notato dalla Juventus. Dal 2004 al 2006 è stato in serie A con le casacche di Juve e Inter, per poi approdare al Barcellona per un anno. Problemi con l’ambiente ed ecco la chance Milan. Due stagioni prima di volare al PSG, dove resta dal 2012 al 2016.

È un’avventura chiave per lui, che inizia ad avere un’età. Nonostante tutto, però, il Manchester United decide di aggiungerlo alla propria rosa. Una sfida per il proprio fisico, che regge alla grande, almeno fino all’infortunio finale. È il 2018 ed è tempo per Zlatan di conquistare Hollywood. Eccolo, dunque, approdare agli LA Galaxy. Una stagione esaltante e nuova avventura al Milan, che un po’ sente come casa sua.

Negli anni ha vinto, tra le altre cose, 2 campionati olandesi, 5 campionati italiani (1 revocato con la Juve), 3 Supercoppe italiane, una Liga, 2 Supercoppe di Spagna, 4 Ligue One, 3 Supercoppe francesi, 3 Coppe di lega francesi 2 Coppe di Francia. In Premier, infine, 1 Community Shield e 1 Coppa di lega.

Zlatan, cosa sappiamo

Si potrebbe definire Ibrahimovic come un calciatore girovago. Tante le maglie indossate, al punto d’essere stato il primo calciatore ad aver giocato con sette squadre differenti in Champions League: “Dovete sapere che io ho una filosofia. Me ne frego di quello che pensa la gente e non sono mai stato a mio agio fra i tipi perbenino. Perché ricordate: si può togliere il ragazzo dal ghetto, ma non il ghetto dal ragazzo”.

Andrea Occhipinti ha parlato del progetto, spiegando come Ibra sia ben più che un calciatore. Si tratta di un leader puro, di un’icona leggendaria: “Ha un modo d’essere che appartiene soltanto a lui e non è replicabile. In Italia ha trovato la sua più alta consacrazione e non poteva che diventare una grande storia per il cinema”.

Il film è tratto dall’autobiografia “Io, Ibra”, scritta a quattro mani da Zlatan e David Lagercrantz, tradotta in più di 30 lingue. La regia è stata affidata a Jens Sjogren e interpretare il protagonista sono due attori. Il primo, Dominic Bajraktari Andersson, lo ritrarrà nella fascia 11-13 anni. Il secondo, Granit Rushiti, dai 17 ai 23 anni. 

Spettacolo: Per te