Vox Lux, la popstar nata dal sangue

Cinema

Mercoledì 12 febbraio va in onda in prima visione tv su Sky Cinema Due la pellicola con Natalie Portman che narra l’ascesa di una ragazza che, dopo aver composto una canzone sulla sparatoria avvenuta nella sua scuola, diventa una diva della musica.

C’è tanta storia americana recente in Vox Lux, pellicola in prima visione tv mercoledì 12 febbraio alle 21.15 su Sky Cinema Due, diretta da Brady Corbet, un passato da giovane promessa sul set (in film come Funny Games ed Escobar), riconvertitosi poi a sceneggiatore e regista, con l’ottimo esordio alla macchina da presa con L’infanzia di un leader.

Per questo suo secondo cimento da regista, presentato in concorso alla 75ᵅ edizione del Festival di Venezia, Brady ha avuto a disposizione due degli attori più bravi in circolazione, ovvero la protagonista Natalie Portman e Jude Law.

C’è tanta storia americana, si diceva, e non a caso tutto comincia nel gennaio 2000, a pochi mesi dalla tristemente reale strage di Columbine, nella quale due ragazzi armati fino ai denti entrarono nella loro scuola e uccisero ben tredici coetanei. Vox Lux comincia in modo analogo, con una sparatoria all’interno del liceo dove studia Celeste Montgomery, la protagonista del film interpretata da giovane da Raffey Cassidy e in età adulta da Natalie Portman.

Al contrario di molti suoi compagni, Celeste sopravvive, sebbene con una lesione alla spina dorsale. All’indomani del drammatico evento, con la complicità della sorella Ellie, che la seguirà anche più avanti, rimanendo però sempre nell’ombra, la ragazza scrive una canzone in memoria delle vittime.

Il brano diventa subito una hit in tutti gli Stati Uniti e Celeste viene contattata da un manager, che riesce a trasformarla in una popstar di fama planetaria. Ma la popolarità cela sempre un lato oscuro.

Vox Lux è un brillante – a tratti abbagliante – tuffo nei meandri dello star system, retto in piedi dalla performance di una come sempre eccezionale Natalie Portman, a cui fa da contraltare la prova altrettanto convincente del suo alter ego giovanile, la già citata Raffey Cassidy.

Spettacolo: Per te