Valerio Mastandrea, i 6 migliori film

Valerio Mastandrea è un apprezzato attore italiano, attualmente al cinema con Figli, film con Paola Cortellesi

Valerio Mastandrea è uno dei più apprezzati attori italiani, nato a Roma nel 1972. Una lunga carriera, che lo ha portato a collezionare ben dieci nomination ai David di Donatello, alle quali se ne aggiunge un'undicesima come miglior produttore. Ha portato il premio a casa in quattro occasioni, per i seguenti film: La prima cosa bella, Gli equilibristi, Viva la libertà e Fiore. A gennaio 2020 giunge in sala la sua ultima pellicola, Figli, che lo vede al fianco di Paola Cortellesi. Un film il cui nucleo è il celebre monologo recitato da Mastandrea, I figli invecchiano, scritto da Mattia Torre. Il compianto regista e sceneggiatore avrebbe dovuto dirigere Figli ma è deceduto prematuramente nel 2019. Nella pellicola è stato però confermato Mastandrea, che ha collaborato con Torre in svariate produzioni, come Ogni maledetto Natale, tra i sei migliori film dell’attore.

  • Notturno bus
  • La prima cosa bella
  • Romanzo di una strage
  • Gli equilibristi
  • Ogni maledetto Natale
  • Perfetti sconosciuti

Notturno bus, 2007

Un noir nel quale interpreta Franz, malinconico autista di bus che si ritrova dinanzi Leila, ladra professionista coinvolta nello scambio di un microchip milionario. L’autobus diventa la sua unica via di salvezza da ex agenti segreti che sono sulle sue tracce.

La prima cosa bella, 2010

Valerio Mastandrea è Bruno, che rivive il proprio rapporto con la madre, Anna, la cui vita viene raccontata in una serie di flashback. Bruno, convinto dai compagni dei facili costumi della madre, aveva troncato i suoi rapporti con lei durante l’adolescenza. L’occasione per ritrovarsi si presenta anni dopo, quando la donna sta per morire per un cancro allo stato terminale.

Romanzo di una strage, 2012

È Luigi Calabresi, commissario impegnato nelle indagini su uno dei grandi misteri della storia italiana. Si fa riferimento alla bomba esplosa presso la Banca Nazionale dell’agricoltura di piazza Fontana nel 1969. Caso di cronaca che diede il via alla cosiddetta “strategia della tensione”.

Gli equilibristi, 2012

Mastrandrea interpreta Giulio, impiegato comunale che scopre il tradimento di sua moglie. I due si separano e lui si ritrova a vivere con 1200 euro e gli alimenti da versare. Una vita durissima, tentando di sbarcare il lunario senza perdere la propria dignità.

Ogni maledetto Natale, 2014

Commedia diretta dal trio Ciarrapico, Torre e Vendruscolo. Valerio Mastandrea interpreta Tiziano, uno dei membri della stramba famiglia di Giulia, cresciuta in provincia e trasferitasi in città per lavoro. Qui conosce Massimo, che decide di presentare alla propria famiglia in quello che sarà il Natale più folle della sua vita. Dovrà rapidamente abituarsi ai loro strani giochi, provando a integrarsi al meglio nelle loro dinamiche.

Perfetti sconosciuti, 2016

Film di Paolo Genovese, acclamato e ripreso in svariati Paesi per la creazione di numerosi remake, che lo hanno portato a entrare nel Guinness World Record, con 18 produzioni tratte da questo titolo. Mastandrea interpreta Lele, membro di una comitiva che decide di condividere in gruppo qualsiasi messaggio o chiamata giunti durante una cena. Tutto questo però porta rapidamente a svelare i segreti di ognuno di loro. Nei nostri smartphone risiede la nostra vita, quella vera, senza filtri e bugie, e svelarla a tutti potrebbe avere conseguenze atroci.