Sundance Film Festival 2020, il programma e gli ospiti

Il programma completo del Sundance Film Festival 2020, che si svolgerà dal 23 gennaio al 2 febbraio

Non poteva di certo mancare il Sundance Film Festival 2020 alla lista di premiazioni cinematografiche che precedono i tanto attesi Oscar® 2020. La manifestazione avrà inizio il 23 gennaio, proseguendo fino al 2 febbraio. Si tratta di uno degli appuntamenti imperdibili per qualsiasi appassionati di cinema indipendente. Al Sundance infatti non tutto ruota intorno alla premiazione in sé. Si tratta in realtà di un viaggio esplorativo attraverso stili narrativi differenti, tra sperimentazioni e voci che spesso soltanto al Sundance riescono a farsi sentire.

Tantissimi gli interpreti e registi di grande successo che hanno mosso i primi passi proprio al Sundance, ottenendo le iniziali gratificazioni di pubblico e critica. In molti ritornano, a dimostrazione della grande importanza di questo festival nella comunità cinematografica. Grande attesa nell’edizione 2020 per due titoli in particolare, rientranti nella categoria delle cosiddette premiere di alto profilo. Si tratta di The Glorias, un biopic diretto dalla regista Julie Taymor, che vanta tra le protagoniste Alicia Vikander, Julianne Moore e Janelle Monàe. A questo si affianca The Father, con Anthony Hopkins e Olivia Colman.

Svariate le categorie, il che consente di esplorare a pieno il variegato mondo della filmografia moderna. Grande attesa per Zola, film di Janicza Bravo, proposto in anteprima nella sezione U.S. Dramatic Competition. Una pellicola che trae ispirazione dal numeroso afflusso di tweet relativo la maratona degli stripper. Nella sezione Next trovano invece spazio quei titoli considerati più sperimentali. Basti pensare a Breast Beast di Danny Madden, che sfrutta il linguaggio dei cosiddetti video virali per riuscire a fornire una finestra sul mondo odierno.

Sundance Film Festival 2020, le nomination

Svariate le categorie presenti al Sundance Film Festival ed ecco tutti i film in corsa nelle principali sezioni di questa edizione 2020 che, come ogni anno, vedrà svariati ospiti prendere parte alle premiere. Molti i nomi attesi con grande interesse, come Massoud Bakhshi, regista di Yalda, film che racconta la storia di una donna iraniana che, dopo aver accidentalmente ucciso il marito, si ritrova a fronteggiare un processo in diretta nazionale. Il regista non potrà raggiungere gli Stati Uniti a causa delle forti tensioni con l’Iran. Ha infatti spiegato d’aver avuto serie difficoltà nell’ottenimento di un visto, sottolineando inoltre come un suo viaggio negli USA non resterebbe senza conseguenze in Iran.

U.S. Dramatic

  • The 40-Year-Old Version, regia di Radha Blank
  • Blast Beat, regia di Esteban Arango
  • Charm City Kings, regia di Angel Manuel Soto
  • Dinner in America, regia di Adam Rehmeier
  • The Evening Hour, regia di Braden King
  • Farewell Amor, regia di Ekwa Msangi
  • Minari, regia di Lee Isaac Chung
  • Miss Juneteenth, regia di Channing Godfrey Peoples
  • Never, Rarely, Sometimes, Always, regia di Eliza Hittman
  • Nine Days, regia di Edson Oda
  • Palm Springs, regia di Max Barbakow
  • Save Yourselves!, regia di Alex Huston Fischer e Eleanor Wilson
  • Shirley, regia di Josephine Decker
  • Sylvie's Love, regia di Eugene Ashe
  • Wander Darkly, regia di Tara Miele
  • Zola, regia di Janicza Bravo

World Cinema Dramatic

  • Blanco de verano, regia di Rodrigo Ruiz Patterson (Messico)
  • Charter, regia di Amanda Kernell (Svezia)
  • Exil, regia di Visar Morina (Germania, Kosovo, Belgio)
  • Jumbo, regia di Zoé Wittock (Francia, Lussemburgo, Belgio)
  • Luxor, regia di Zeina Durra (Egitto, Regno Unito)
  • Marea alta, regia di Verónica Chen (Argentina)
  • Mignonnes, regia di Maïmouna Doucouré (Francia)
  • Possessor, regia di Brandon Cronenberg (Canada, Regno Unito)
  • Sin señas particulares, regia di Fernanda Valadez (Messico, Spagna)
  • Surge, regia di Aneil Karia (Regno Unito)
  • This Is Not a Burial, It's a Resurrection, regia di Lemohang Jeremiah Mosese (Lesotho, Sud Africa, Italia)
  • Yalda, regia di Massoud Bakhshi (Iran, Francia, Germania, Svizzera)

Premieres

  • Downhill, regia di Nat Faxon e Jim Rash
  • Dream Horse, regia di Euros Lyn
  • Falling, regia di Viggo Mortensen
  • The Father, regia di Florian Zeller
  • Four Good Days, regia di Rodrigo García
  • The Glorias, regia di Julie Taymor
  • Herself, regia di Phyllida Lloyd
  • Horse Girl, regia di Jeff Baena
  • Ironbark, regia di Dominic Cooke
  • Kajillionaire, regia di Miranda July
  • The Last Shift, regia di Andrew Cohn
  • The Last Thing He Wanted, regia di Dee Rees
  • Lost Girls, regia di Liz Garbus
  • The Nest, regia di Sean Durkin
  • Promising Young Woman, regia di Emerald Fennell
  • Sergio, regia di Greg Barker
  • Tesla, regia di Michael Almereyda
  • Uncle Frank, regia di Alan Ball
  • Wendy, regia di Benh Zeitlin
  • Worth, regia di Sara Colangelo

NEXT

  • Beast Beast, regia di Danny Madden
  • Black Bear, regia di Lawrence Michael Levine
  • I Carry You With Me, regia di Heidi Ewing
  • The Killing of Two Lovers, regia di Robert Machoian
  • La Leyenda Negra, regia di Patrícia Vidal Delgado
  • The Mountains Are a Dream That Call to Me, regia di Cedric Cheung-Lau
  • Omniboat: A Fast Boat Fantasia, regia di Terence Nance, Dylan Redford, Hannah Fidell, Lucas Leyva, Jillian Mayer, Celia Rowlson-Hall, Brett Potter, Daniel Kwan e Daniel Scheinert, Alexa Lim Haas, Julian Yuri Rodriguez, Xander Robin e Olivia Lloyd
  • Some Kind of Heaven, regia di Lance Oppenheim
  • Spree, regia di Eugene Kotlyarenko
  • Summertime, regia di Carlos López Estrada