I personaggi iconici di Bruce Willis

Giovedì 7 novembre esce nelle sale italiane Motherless Brooklyn – I segreti di una città, film diretto e interpretato da Ed Norton, che ha arruolato nel cast l’attore di Die Hard e Il sesto senso. Ecco gli altri celebri ruoli di Bruce Willis.

Bruce Willis: le foto di ieri e di oggi

Bruce Willis, l'uomo giusto al posto giusto

Sono gli anni ’50, e Lionel Essrog è un detective affetto dalla sindrome di Tourette che si muove nei bassifondi di New York per indagare sulla morte del suo mentore Frank Minna. È quello che succede nel romanzo Brooklyn senza madre di Jonathan Lethem, così come nel suo adattamento cinematografico Motherless Brooklyn, in uscita nelle sale italiane giovedì 7 novembre.

Motherless Brooklyn è diretto dal talentuoso Edward Norton, qui anche nei panni del protagonista Lionel Essrog. L’attore e regista ha completato il cast formato anche da Willem Defoe, Alec Baldwin e Gugu Mbatha-Raw arruolando uno dei più amati interpreti in circolazione, ovvero il mitico Bruce Willis, che riesce a tratteggiare un personaggio davvero memorabile.

Frank Minna è solo l’ultimo dei ruoli da ricordare dell’attore di Die Hard e de Il sesto senso: ecco gli altri personaggi cult di Bruce Willis.

 

 

 

I personaggi iconici di Bruce Willis

John McClane nella saga di Die Hard

Sullo sbirro John McClane e le sue vicissitudini ci si potrebbe scrivere un intero libro. Approdato per la prima volta su grande schermo nel 1988 in Trappola di cristallo di John McTiernan, il personaggio interpretato da Bruce Willis è da subito diventato uno degli action hero per antonomasia, tanto amato dal pubblico da ritornare al cinema altre quattro volte fra il 1990 e il 2013.

Butch Coolidge in Pulp Fiction

Nel cast allstar della seconda pellicola di Quentin Tarantino, a spiccare più di tutti, anche del redivivo John Travolta, è forse proprio lui, Bruce Willis, qui nei panni del pugile Butch Coolidge, disposto a tutto pur di recuperare l’orologio appartenuto al padre morto in guerra, nonostante sulle sue tracce ci siano gli scagnozzi di Marsellus Wallace, gangster che lo voleva perdente in un incontro di boxe.

James Cole ne L’esercito delle 12 scimmie

In questo film distopico sui viaggi nel tempo diretto da Terry Gilliam, Bruce Willis fornisce una grande prova attoriale nei panni di un detenuto che, da un futuro in cui l’umanità è stata quasi sterminata da un’epidemia, viene rispedito indietro nel tempo per indagare sul fantomatico esercito delle 12 scimmie, ritenuto responsabile della pandemia. Ma negli intrecci temporali che si creano, nulla risulta come sembra.

 

 

 

Korben Dallas ne Il quinto elemento

Nel classico sci-fi di Luc Besson, Bruce Willis è il taxista Korben Dallas, che si imbatte per caso nella misteriosa, affascinante, ma soprattutto micidiale LeeLoo (Milla Jovovich), una creatura dai poteri straordinari su cui vuole mettere le mani il malvagio Zorg. Anche nel futuro della fantascienza, il nostro divo veste i panni di un classico action hero.

Harry S. Stamper in Armageddon – Il giorno del giudizio

Se un asteroide sta per colpire la Terra, condannando l’umanità a morte certa, chi può risolvere la situazione? Ma naturalmente l’esperto di trivellazione petrolifera Harry Stamper, che a capo di un manipolo di eroi parte alla volta dell’astro celeste per perforarlo e farcirlo di esplosivo, così da evitare l’inevitabile.

Malcolm Crowe ne Il sesto senso

Difficile parlare del cult di M. Night Shyamalan evitando spoiler, ma la performance di Bruce Willis nei panni di uno psicologo infantile alle prese con un bambino convinto di parlare con i morti è di quelle memorabili anche perché prepara alla perfezione il campo per uno dei twist finali più celebri della storia del cinema.

David Dunn nella saga di Unbreakable

David Dunn è l’unico sopravvissuto a un disastro ferroviario nel quale sono morte più di cento persone. Non solo: dall’incidente è uscito del tutto incolume. L’uomo scopre così di essere pressoché invulnerabile. E lo scopre anche quella che diventerà la sua nemesi, Elijah Price alias l’uomo di vetro, grandioso villain dalle ossa fragili come grissini, interpretato da Samuel L. Jackson. I due torneranno anche in Glass, sequel-crossover di Split con James McAvoy.

John Hartigan in Sin City

Dal fumetto cult di Frank Miller, un altro personaggio iconico per Bruce Willis. Nel film diretto da Robert Rodriguez è lo stoico poliziotto John Hartigan, che salva la piccola Nancy dal serial killer pedofilo figlio di un potente politico, salvo poi affrontare prima il calvario della prigione e poi dover correre di nuovo in suo aiuto a distanza di anni, fino a un tragico epilogo.