La Sirenetta, Harry Styles potrebbe essere il principe Eric

Inserire immagine
@Getty Images

The Hollywood Reporter ha lanciato l’indiscrezione che vedrebbe Harry Styles vicinissimo al ruolo di Eric nel live action “La Sirenetta ”. La protagonista Ariel sarà interpretata dalla giovanissima Halle Bailey .

Halle Bailey, tutto sull'attrice che sarà Ariel nel film La sirenetta

Nelle scorse settimane si è parlato molto de “La Sirenetta”, il nuovo live action che vedrà come protagonista Halle Bailey nel ruolo di Ariel. Ora, a qualche giorno di distanza, arriva la notizia dell’artista che potrebbe ricoprire il ruolo del Principe Eric.

Harry Styles: vicinissimo al ruolo del principe Eric

Poche ore fa The Hollywood Reporter ha lanciato l’indiscrezione secondo cui Harry Styles, ex membro della band One Direction, sarebbe in trattava con la produzione per ricoprire l’ambito ruolo dell’attore protagonista. Il magazine ha rivelato la decisione della Walt Disney di dare una maggiore impronta musicale al film puntando su cantanti per i ruoli principali, come infatti successo per l’assegnazione della parte di Ariel conquistata da Halle Bailey, classe 2000.

Il magazine ha anche scritto che Harry Styles sarebbe stato davvero vicino al ruolo di Elvis nell’imminente biopic dedicato al cantante e diretto dal regista Baz Luhrmann che però alla fine ha optato per Austin Butler.

Nel frattempo proseguono le negoziazioni anche per gli altri ruoli, al momento stando a quanto trapelato sul web, il ruolo di Ursula sarebbe conteso tra la talentuosissima Melissa McCarthy (qui potete trovare tutte le foto più belle dell’attrice) e la rivelazione musicale dell’anno Lizzo.

Harry Styles: la carrera

La carriera di Harry Styles inizia con il gruppo One Direction con i quali conquista le classifiche di tutto il mondo diventando un fenomeno mediatico di portata internazionale. I cinque ragazzi vendono milioni di copie fino a quando nel 2016 decidono di prendersi una pausa e concentrarsi sugli impegni da solisti.

Nel 2017 Harry Styles pubblica il suo primo album che ottiene grandi consensi da parte del pubblico e della critica grazie anche al singolo “Sign of the Times” che fa incetta di certificazioni vendendo milioni di copie, infatti solo negli Stati Uniti d’America la canzone supera i due milioni.
Parallelamente il ragazzo decide anche di cimentarsi con il mondo della settima arte debuttando all’interno di “Dunkirk” di Christopher Nolan che incassa oltre 500 milioni di dollari a livello internazionale.