I migliori film di Lily Collins

Da "The Blind Side" a "Fino all'osso", i migliori film dell'attrice britannica Lily Collins in questi giorni al cinema con "Ted Bundy - Fascino criminale"

Guarda le foto più belle di Lily Collins

Negli ultimi anni Lily Collins si è distinta come una delle attrici più talentuose in circolazione. Figlia di Phil Collins, ha vissuto con sua madre dopo il divorzio dei genitori, ma già all’epoca aveva iniziato a recitare. Il suo esordio risale addirittura all’età di due anni quando partecipò alla serie BBC Growing Pains. Negli Stati Uniti all'età di 5 anni fa parte di un'accademia giovanile di arte drammatica e in età adolescenziale coltiva anche la passione per il giornalismo laureandosi presso l'istituto di coeducazione Harvard-Westlake School a Los Angeles e ottenendo la specializzazione in giornalismo televisivo presso la University of Southern California. Attrice, modella e scrittrice, nel 2009 ha ottenuto il suo primo ruolo cinematografico nel film “The Blind Side” e da allora sono diventati 13 i film dove compare tra i protagonisti. L’ultimo in ordine di tempo è “Ted Bundy - Fascino criminale” con Zac Efron, un biopic su uno dei killer più spietati della storia. La storia è raccontata dal punto di vista della fidanzata dell’epoca e si ispira al libro di memorie di Elizabeth Kloepfer, firmato con nome d’arte di Elizabeth Kendall. A settembre Lily Collins sarà al cinema con “Tolkien” che racconta gli anni giovanili e meno conosciuti della vita dello scrittore e filologo britannico J. R. R. Tolkien. Questi i migliori film dell’attrice britannica:

  • The Blind Side (2009)
  • Abduction - Riprenditi la tua vita (2011)
  • Biancaneve (2012)
  • Shadowhunters - Città di ossa (2013)
  • Fino all’osso (2017)

The Blind Side (2009)

Film americano del 2009 per la regia di John Lee Hancock, è un adattamento del libro di Michael Lewis “The Blind Side: Evolution of a Game” che racconta la vita del giocatore di football americano Michael Oher. Nel cast ci sono Sandra Bullock, Kathy Bates, Kim Dickens, Lily Collins e Tim McGraw. È il debutto al cinema dell’attrice britannica che ha un piccolo ruolo in un film che ha permesso a Sandra Bullock di vincere un Oscar, un Golden Globe e lo Screen Actors Guild Award come migliore attrice. Il film ha inoltre ottenuto la candidatura agli Oscar 2010 come miglior film. Quello tra Michael Oher e i Touhys è un incontro che cambierà le loro vite: lui è un afroamericano senzatetto, loro una famiglia bianca della borghesia desiderosa di adottarlo. Il ragazzo trova l’amore di una casa, la possibilità di andare a scuola e l’occasione della vita di giocare in una squadra di football. 

Abduction – Riprenditi la tua vita (2011)

Nathan frequenta il liceo, è innamorato della vicina di casa, è campione di wrestling per volere del padre e come molti adolescenti non si riconosce nei genitori. Il ragazzo si sente estraneo e frequenta regolarmente una psicologa per cercare di spiegarsi il perché di un sogno ricorrente. Quando trova per caso una sua foto da bambino su un sito di persone scomparse, capisce che la sua storia è realmente piu' complessa di come gli hanno sempre fatto credere. Un thriller ricco d’azione dove Lily Collins interpreta Karen, l’amica del protagonista. Entrambi si troveranno improvvisamente costretti a dover fuggire dalla CIA e dal terrorista serbo Nikola Kozlow 

Biancaneve (2012)

Una versione decisamente pittoresca e originale della storia di Biancaneve. Alcuni elementi presenti nel film arrivano dalla vecchia storia folkloristica Biancaneve e i sette nani e vengono utilizzati a dovere dal regista. Lily Collins interpreta Biancaneve e la sua trasformazione in un bandito è totalmente differente rispetto al classico personaggio legato alla fiaba Disney. In questa pellicola la protagonista appare meno principessa in angoscia e più donna che ha dovuto imparare da sola a prendersi cura di sé finalmente.

Shadowhunters - Città di ossa (2013)

Tratto dal primo romanzo della saga fantasy di Cassandra Clare, “Shadowhunters – Città di ossa” è interpretato da Lily Collins e Jonathan Rhys-Meyers. La sera in cui la quindicenne Clary (Lily Collins) e il suo migliore amico Simon decidono di andare al Pandemonium, il locale più trasgressivo di New York, assistono a un efferato assassinio a opera di un gruppo di ragazzi completamente tatuati e armati fino ai denti. Quella sera Clary, senza  saperlo,  ha  visto  per  la  prima  volta  gli  Shadowhunters… guerrieri  che  combattono per liberare la Terra dai demoni. 

Fino all’osso (2017)

Per il film “Fino all’osso”, Lily Collins ha dovuto sottoporsi a una dieta drastica per dimagrire vistosamente, allo scopo di interpretare il ruolo di una ragazza anoressica. La stessa attrice ha avuto a lungo (10 anni) a che fare con la malattia, come ha dichiarato nel suo libro “Unfiltered”. Lily Collins interpreta Ellen, una ragazza poco più che ventenne che lotta da anni contro l'anoressia. La madre ha divorziato dal padre e ha seguito la compagna altrove, mentre lui ha trovato una nuova moglie. Ellen torna a casa dal padre ma ha duri scontri con la matrigna. A cercare di salvare la sua vita arriva Keanu Reeves, dottore sui generis che gestisce una piccola "casa" dove i malati tentano di ritrovare la normalità in sé stessi e nel rapporto con il cibo.